Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Luca Richeldi del comitato tecnico scientifico: "Buone notizie anche dal fronte vaccini"

“Le misure funzionano, sarà l’ultimo Natale con queste privazioni”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Luca Richeldi

Luca Richeldi

Roma – “Stiamo andando sulla strada giusta”. Segnali incoraggianti arrivano da Luca Richeldi, presidente della società italiana di pneumologia, primario al policlinico Gemelli di Roma e componente del comitato tecnico scientifico.

“I decessi sono ancora alti, i ricoveri sono ancora alti – ha aggiunto in un’intervista al Corriere della Sera – ma l’indice rt a livello nazionale ora è sceso a poco sopra l’1 e ci sono almeno tre regioni in cui è sotto”.

Richeldi evidenzia poi che questo sarà “un Natale speciale”. Liberi tutti? “No. Dico però che questo senso di responsabilità verso noi stessi e verso gli altri, i sacrifici e le privazioni a cui ancora ci sottoporremo, faranno in modo che questo sarà anche l’ultimo Natale così. Le buone notizie, infatti, che arrivano dal fronte dei vaccini e da quello dei farmaci antivirus, sono incoraggianti. Perciò, anche senza cenoni e senza abbracci, porteremo in famiglia lo spirito giusto, fatto di altruismo e condivisione”.

Per quanto riguarda la suddivisione dell’Italia in fasce di rischio, il presidente Richeldi ha spiegato: “É un uno strumento innovativo creato dai nostri epidemiologi che senza dubbio sta funzionando, ricordo che altri Paesi sono in lockdown totale da settimane eppure i dati non migliorano come da noi. Quando parla del gioco corale, penso anche a questo: il sistema delle tre fasce, se i numeri continueranno a migliorare – ha aggiunto – ci porterà a progressive riaperture nel Paese come a maggio, quando grande fu il lavoro dell’Inail che con i suoi calcoli sui flussi permise il ritorno al lavoro di milioni di persone in sicurezza. Arrivammo all’estate senza registrare un aumento dei casi”.


Condividi la notizia:
21 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR