Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Bocciato il ricorso in cassazione dell'ex star televisiva - Confermati i 3 anni e 4 mesi inflitti in appello - Il legale della vittima: "Siamo molto soddisfatti"

L’ex ballerino di “Amici” Catello Miotto accusato di stupro, definitiva la condanna

di Silvana Cortignani

immobiliari-560x80-presentazione--trova-la-tua-casa

Condividi la notizia:

Catello Miotto

Catello Miotto – Condannato invia definitiva per stupro

Catello Miotto

Catello Miotto

L'avvocato Fabrizio Ballarini

L’avvocato della vittima, Fabrizio Ballarini

Il giudice Eugenio Turco

Il giudice Eugenio Turco – Presidente del collegio che ha condannato a cinque anni e mezzo in primo grado l’imputato

Il sostituto procuratore Chiara Capezzuto

La pm Chiara Capezzuto, titolare dell’inchiesta

Viterbo – Diventa definitiva dopo dieci anni, in concomitanza con la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, la condanna a tre anni e quattro mesi per stupro inflitta in secondo grado all’ex ballerino di “Amici” Catello Miotto.

Era il 2010 quando Miotto, all’epoca un personaggio televisivo molto popolare, fu arrestato a Viterbo con l’accusa di avere violentato e malmenato nella sua casa di Bagnaia una donna, oggi 43enne, moglie separata di un amico. 

La terza sezione penale della corte di cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso di Miotto contro la sentenza con cui, nell’aprile 2019, la corte d’appello di Roma aveva parzialmente riformato la sentenza di condanna a cinque anni e mezzo di reclusione con cui l’11 marzo 2014 si era concluso, davanti al collegio del tribunale di Viterbo presieduto dal giudice Eugenio Turco, il processo di primo grado, celebrato a porte chiuse. 

Per la vittima, che si è costituita parte civile, era presente il difensore Fabrizio Ballarini. “L’impianto delle prime due sentenze – commenta il legale – era un impianto che è stato ritenuto molto valido perché i giudici avevano argomentato ogni aspetto della vicenda, senza trascurare nessun dettaglio, per cui le censure che aveva mosso la difesa dell’imputato sono state ritenute inammissibili. D’altronde era molto chiara la vicenda. Come parte civile siamo molto soddisfatti”. 

A suo tempo l’ex ballerino del popolare talent show, oggi 34enne, aveva anche preso parte a una puntata di Domenica Live per dire: “Sono innocente, non sono un violento”.

In appello, l’imputato aveva ottenuto uno “sconto” essendosi nel frattempo prescritto il reato di lesioni personali, mentre erano state cConfermate le statuizioni civili a favore della parte offesa, che ha rifiutato l’offerta economica che le era stata fatta per non essere parte attiva nel processo.

Vittima dell’ex star del piccolo schermo una viterbese, cui già i giudici di secondo grado hanno confermato una provvisionale di 10mila euro e il risarcimento da quantificare in sede civile. 

Moglie separata di un amico, la donna sarebbe stata aggredita da Miotto il 27 febbraio 2010 nella casa di Bagnaia dell’ex marito. Il ballerino avrebbe bussato per sfogarsi di una serata storta e trovando la 43enne ne avrebbe approfittato, trascinandola sul letto dove poco dopo l’ex marito li ha trovati avvinghiati, facendo scoppiare il finimondo.

Secondo il ballerino, la donna sarebbe stata consenziente, lo avrebbe invitato a entrare e gli avrebbe fatto capire che poteva andare oltre. Per la pm Chiara Capezzuto, che aveva chiesto sei anni e tre mesi, e per gli avvocati di parte civile, si stava divincolando.  

“Sono innocente”, disse Miotto preannunciando appello il giorno della sentenza di primo grado, cinque anni fa, quando venne a Viterbo accompagnato da uno zio e da un cugino. All’epoca, conclusa l’esperienza televisiva al celebre talent-show, faceva l’insegnante di danza a Bologna.  Pochi giorni dopo la condanna, ribadì la sua versione ai microfoni di Tgcom24: “Non sono uno stupratore, non ho violentato nessuno”. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
25 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR