Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - I giudici lo hanno deciso in linea con l’orientamento della Corte di giustizia dell'Unione europea

Lo stupratore non risarcisce la vittima, la Cassazione condanna lo stato a pagare

immobiliari-560x80-presentazione--trova-la-tua-casa

Condividi la notizia:

La suprema corte di Cassazione

La suprema corte di Cassazione

Roma – Aveva subìto una violenza sessuale, ma nonostante la condanna degli imputati la donna non era riuscita a ottenere da loro alcun risarcimento nel processo civile. Ora però, in linea con quanto stabilito dalla corte di giustizia dell’Ue, la terza sezione civile della Cassazione ha riconosciuto il diritto alla vittima ad essere risarcita dallo stato italiano.

La vicenda nasce dal fatto che l’Italia non aveva recepito la direttiva comunitaria 2004/80, che impone agli stati di corrispondere un indennizzo alle vittime di reati violenti e intenzionali che non siano stati risarciti dagli autori degli abusi.

Su richiesta della Cassazione la questione era allora finita davanti ai giudici comunitari. A seguito del pronunciamento della Corte di giustizia dell’Ue, la terza sezione civile della Cassazione ha condannato oggi  la presidenza del consiglio a risarcire la vittima, in maniera equa e adeguata rispetto alla sofferenza patita, per aver dato attuazione alla direttiva comunitaria 2004/80 con ritardo.

La storica sentenza arriva all’indomani della “giornata internazionale contro la violenza sulle donne”.


Condividi la notizia:
24 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR