Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Zagabria - Il primo ministro Andrej Plenković: "Siamo costretti a introdurre ulteriori restrizioni alla vita sociale e alle attività economiche nel tentativo di frenare la diffusione dell'epidemia"

Più di 4mila contagi nelle ultime 24 ore, da oggi la Croazia entra in lockdown parziale

Condividi la notizia:

Zagabria

Zagabria

Zagabria – (e.v.) La curva epidemiologica continua progressivamente a salire e la Crozia è costretta a introdurre nuove misure restrittive. Da oggi, infatti, il paese è in lockdown parziale. 

Come mostrano i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, dall’inizio della pandemia in Croazia, che ha una popolazione di 4 milioni abitanti, si sono registrati oltre 115mila casi e più di 1500 vittime. L’emergenza sanitaria da Covid-19 nel paese balcanico ha avuto un andamento diverso dalla maggior parte dei paesi europei. La Croazia, infatti, non sembra aver avuto una prima ondata a primavera e una seconda al termine dell’estate, ma piuttosto un unico massiccio aumento dei contagi iniziato a metà ottobre. 


I dati Covid-19 in Croazia diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità

I dati Covid-19 in Croazia diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità


In primavera il governo croato aveva risposto all’emergenza sanitaria imponendo delle misure molto rigide per arginare i contagi, che non hanno infatti mai superato la soglia delle 100 unità giornaliere fino al mese di luglio, quando la situazione era comunque sotto controllo. Il numero dei postivi ha però cominciato a salire verso la metà di agosto, tanto che il 12 di quel mese il ministro italiano della salute Roberto Speranza aveva firmato un’ordinanza che prevedeva tamponi obbligatori per chi rientrava in Italia da alcuni paesi esteri tra cui la Croazia.

Poi i contagi sono saliti repentinamente a metà ottobre, quando per la prima volta la Croazia ha superato i mille contagi giornalieri. Il 17 di quel mese, infatti, il paese ha avuto 1131 nuovi positivi. Da lì la curva epidemiologica è aumentata costantemente e ieri si sono registrati più di 4mila contagi. Secondo i dati ufficiali dell’Organizzazione mondiale della sanità, nell’ultima settimana i contagi sono aumentati del 21 per cento.


I dati Covid-19 in Croazia diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità

I dati Covid-19 in Croazia diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità


La situazione sanitaria richiede dunque l’introduzione di nuove misure restrittive. “Purtroppo siamo costretti a introdurre ulteriori restrizioni alla vita sociale e alle attività economiche nel tentativo di frenare la diffusione dell’epidemia”, ha affermato in conferenza stampa il primo ministro croato Andrej Plenković. 

Da oggi, quindi, la Croazia entra in un parziale lockdown. Le nuove misure prevedono la chiusura di bar, ristoranti, palestre e varie attività ricreative. Sono vietate le feste di nozze, mentre i funerali potranno svolgersi con un massimo di 25 partecipanti e senza contatto fisico. Il limite massimo di 25 partecipanti è previsto anche per le attività sociali e culturali. I mezzi pubblici potranno accogliere passeggeri pari al 40 per cento della capienza massima, mentre a scuole e università è stata consigliata la didattica a distanza. Rimarranno invece aperti teatri, cinema, centri commerciali, parrucchieri, estetisti e piccoli artigiani. Le nuove misure resteranno in vigore fino al 21 dicembre.


Condividi la notizia:
28 novembre, 2020

Covid nel mondo ... Gli articoli

  1. “La Turchia conteggiava come Covid solo i sintomatici, i dati sono ancora ribassati”
  2. Milioni di americani in viaggio per il giorno del ringraziamento, gli Usa temono un aumento dei contagi
  3. "Entro la fine dell'anno al via la vaccinazione di massa in Russia"
  4. Covid - Uccisi 17 milioni di visoni, è bufera politica sulla gestione della crisi sanitaria in Danimarca
  5. In Argentina contagi in calo e fine del lockdown, ma le folle per la morte di Maradona fanno temere nuovi picchi
  6. Più di 500 nuovi positivi per la prima volta da marzo, la Corea del Sud alle prese con la terza ondata
  7. Lo Zambia dichiara l'insolvenza dei debiti, è la prima nazione in era Covid
  8. Precedenza al personale sanitario e agli ospiti delle Rsa, la Spagna prepara il suo piano vaccini
  9. “Rinunciate ai brevetti sui vaccini, nessun paese può essere lasciato indietro”
  10. Calano i contagi e la pressione sul sistema sanitario, il Regno Unito verso la fine del lockdown
  11. In lockdown parziale da metà ottobre, calano i contagi in Olanda
  12. Superati i 9 milioni di contagi in India, è il secondo paese più colpito nel mondo
  13. Un "compagno di coccole" per superare il secondo lockdown in Belgio
  14. Crescono i contagi in Romania, il presidente: “Riformeremo da zero il sistema sanitario”
  15. I contagi si stabilizzano ma lentamente, la Merkel punta a misure più restrittive
  16. Gli effetti del lockdown d'oltralpe, la Francia si lascia alle spalle il picco dei contagi
  17. Accelerano i contagi in Iran, oltre 100 città in zona rossa
  18. Isola felice del Covid, da tre giorni il Nicaragua è senza nuovi contagi
  19. Contagi costantemente in calo, così l'Arabia Saudita sta sconfiggendo il Coronavirus
  20. Il Covid in Giappone torna a far paura, in arrivo la terza ondata
  21. Solo 10 casi nelle ultime 24 ore, dopo mesi di lockdown l'Australia è quasi Covid-free
  22. "La tregua di quest'estate è finita, ora anche in Svezia la situazione è molto grave”
  23. La seconda vita di Wuhan, da focolaio mondiale a locali aperti e niente mascherina

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR