Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Per gli avvocati del 23enne americano che ha ucciso il commerciante 74enne non esiste l'aggravante della crudeltà

Omicidio Fedeli, chiesta l’assoluzione per legittima difesa per Pang

di Silvana Cortignani

Condividi la notizia:

Norveo Fedeli

Norveo Fedeli

Michael Aaron Pang

Michael Aaron Pang

Lidia Ladi, Remigio Sicilia, Giampiero Crescenzi e Edoardo Manni

Lidia Ladi, Remigio Sicilia, Giampiero Crescenzi e Edoardo Manni

Fausto Barili

Omicidio Fedeli – L’avvocato di parte civile Fausto Barili

Viterbo – Omicidio di Norveo Fedeli, slitta al 14 dicembre la sentenza. Ieri, a fronte della richiesta di ergastolo della procura, i difensori Remigio Sicilia e Giampiero Crescenzi hanno chiesto per il 23enne americano reo confesso Michael Aaron Pang l’assoluzione per legittima difesa dall’accusa di omicidio volontario.

In subordine l’eccesso colposo di legittima difesa e, in caso di condanna, lo sconto di un terzo della pena del rito abbreviato più volte chiesto dai legali per l’imputato, oltre al riconoscimento di tutte le attenuanti. E’ stata inoltre chiesta l’assoluzione dall’accusa di rapina o in alternativa la derubricazione in furto e il minimo della pena. 



E’ durata oltre cinque ore la discussione dell’avvocato Sicilia, cui ha fatto seguito una breve interlocuzione del collega Crescenzi con la corte d’assise presieduta dal giudice Silvia Mattei. 

Sicilia ha rivelato due eventi della vita carceraria di Pang a Mammagialla, dove è detenuto da oltre un anno e mezzo: “Al suo ingresso gli è stato rotto il naso, ma non ha voluto dire niente. E ora, dopo la richiesta di ergastolo nei suoi confronti, invece di preoccuparsi per sé, si è preoccupato di chiedere a questo difensore di sentire come stava il suo compagno di cella che è stato picchiato”.

“Cosa ci faceva Fedeli davanti al bancone?”, ha chiesto Sicilia (iniziando verso le 11 la sua discussione a causa di un  ritardo nella traduzione dell’imputato), tornando a parlare di aggressione da parte del commerciante 74enne ucciso nel suo negozio di via San Luca il 3 maggio 2019.

“Fedeli era seccato perché Pang per il terzo giorno consecutivo gli faceva perdere tempo, non riuscendo a pagare con la carte i vestiti che gli aveva fatto mettere da parte. Tra loro un dialogo tra sordi, per le differenze di lingua e di cultura. La vittima, arrabbiata per l’insistenza di questo giovane asiatico, ‘faccia di bronzo’ come tutti gli asiatici, è passata urlando  da dietro a davanti al bancone per dirgliene quattro. Pang ha provato a scappare ma si è ritrovato stretto all’angolo, in uno spazio angusto di appena un paio di metri, e sentendosi in gabbia ha reagito quando è stato afferrato da tergo dal 74enne. Per renderlo innocuo ha sferrato un pugno a Fedeli, che da dietro lo ha graffiato sul petto, rompendo il naso al 74enne. Poi, siccome il negoziante ha preso un coltello, ha afferrato lo sgabello e lo ha colpito. Fedeli è caduto e lui d’istinto ha continuato a colpirlo. Quindi lo ha trascinato per la cinta nel retrobottega, scivolando sul sangue e calpestandogli la testa. Non per infliggergli ulteriore sofferenza, non per crudeltà, ma perché ha inciampato sul corpo mentre riprendeva l’equilibrio”. 

E’ la stessa ricostruzione della dinamica del delitto fornita da Pang fin dall’interrogatorio di garanzia davanti alla gip Savina Poli del 7 maggio 2019.

“Una ricostruzione alternativa logica”, l’hanno definita i difensori, tornati a parlare di Pang come del classico bravo ragazzo americano, nato in Corea del Sud, figlio adottivo con la sorella di una coppia d’origine asiatica, che ha un altro figlio naturale più grande, portatore di handicap.

“Una famiglia benestante della medio alta borghesia statunitense, dove entrano sui 22mila euro al mese. Il padre, nato in Cina e laureato negli Usa, è un medico fisiatra che guadagna sui 16mila euro al mese, mentre la madre è un’infermiera specializzata in giovani disabili, motivo per cui in patria Michael faceva volontariato. Non hanno problemi economici, Pang ha dato 15mila euro al famoso kebabbaro, che lo ha incastrato fingendo di non conoscerlo, per entrare in società con lui. Il padre non gradiva la sua relazione con la donna tedesca di 47 anni con una bambina per cui il figlio era venuto in Italia, pagandole le spese. Ma la madre non avrebbe avuto alcuna difficoltà a fargli avere 600 euro per i vestiti”, ha detto Sicilia.

“La procura, l’unica che avrebbe potuto avere accesso ai dati, non ha effettuato controlli sui conti di Pang tramite le banche americane. Non sono nemmeno stati analizzati i reperti trovati sotto le unghie di Fedeli. Abbiamo saputo che la vittima teneva una pistola in cassaforte soltanto tre settimane dopo il fatto. Eppure per la difesa è importante sapere che un semplice commerciante di vestiti teneva un’arma in negozio, per capirne la personalità”, è stato sottolineato.

Ma tra le tante presunte lacune sul fronte delle indagini ce n’è in particolare una che colpisce: “Non c’è uno straccio di verbale in cui si dica quanti soldi c’erano in cassa. Perché? Forse perché ce n’erano e allora non avrebbe retto l’accusa di rapina? Un rapinatore che fa? Ruba vestiti ma non prende i soldi della cassa? La busta coi vestiti che Pang ha portato via non era nemmeno al centro della scena, non è stata raggiunta dagli schizzi di sangue, è stata usata come contenitore. E il computer e il telefonino di Fedeli sono stati buttati nel cestino fuori del bed&breakfast di Capodimonte dove il giorno dopo è stato catturato Pang, inoltre, il pomeriggio stesso del 3 maggio è tornato sulla scena del crimine, come si vede fare solo nei film. Perché? Perché non sapeva cosa fosse successo, se Fedeli fosse morto. Quando ha scattato una foto al corpo, uscendo, lo ha fatto perché era preso dal panico, per una eventuale difesa”, 

Quando è entrato nel negozio era un ragazzo spensierato, quando è uscito era diventato un vecchietto. Basta guardare le riprese della videosorveglianza. Non stava certo andando a fare una rapina. Si è spaventato quando Fedeli ha urlato, senza capire perché ce l’avesse con lui che non aveva fatto niente, se non cercare di passare ancora una volta la carta. Ha avuto paura quando lo ha visto gesticolare, per lui che è americano d’origine asiatica le mani non si muovono se non per aggredire. Viene da uno dei pochi stati americani, il Kansas, dove è ancora in vigore la pena di morte. Ha agito per paura, temeva per la propria incolumità. Nella sua testa è scattato istintivamente un meccanismo di difesa“, hanno detto sia Sicilia che Crescenzi, ripetendo più volte che tra vittima e carnefice c’era un “dialogo tra sordi”.  

“Si sono percepiti reciprocamente come una minaccia e l’istinto ha preso il sopravvento. Questo spiega il perché possa scattare la violenza anche in una persona normalmente mite e innocua come Michael Aaron Pang”, hanno concluso chiedendo in prim’ordine l’assoluzione dall’accusa di omicidio per legittima difesa. 

L’udienza fiume si è conclusa nel tardo pomeriggio, col rinvio al 14 dicembre per le repliche della pm Eliana Dolce e del difensore di parte civile Fausto Barili. 

Silvana Cortignani


Condividi la notizia:
17 novembre, 2020

Omicidio in via San Luca ... Gli articoli

  1. "Pang è un delinquente e basta! Ha massacrato Norveo e mi aspettavo l'ergastolo"
  2. Mancato ergastolo per Pang, Fedeli ucciso con 17 sgabellate ma... non ci fu crudeltà
  3. Condannato a 25 anni e sei mesi di reclusione l'omicida di Norveo Fedeli
  4. Omicidio Fedeli, attesa per le repliche alla richiesta d'assoluzione per legittima difesa di Pang
  5. Omicidio Fedeli, si decide sull'ergastolo per Pang
  6. Ha ucciso e straziato il corpo di Norveo Fedeli, la procura chiede l'ergastolo per il 23enne americano
  7. Omicidio di Norveo Fedeli, oggi l'accusa decide se chiedere l'ergastolo per Michael Pang
  8. Processo Fedeli, la "dama bionda" non si presenta
  9. Omicidio di Norveo Fedeli, oggi in aula l'amica che aveva accesso ai conti di Pang
  10. "E' venuto in Italia per amore Pang, il killer che suona il violino e fa l'inchino"
  11. L'assassino di Norveo Fedeli: "Ho smesso di colpirlo quando non si muoveva più..."
  12. Commerciante ucciso in centro, oggi l'interrogatorio dell'omicida di Norveo Fedeli
  13. "Pang si è accanito su Norveo Fedeli", contestata all'omicida l'aggravante della crudeltà
  14. Il perito: "Pang ferito da una vite" - La difesa: "Fu un coltello"
  15. "Pang ha fotografato il cadavere di Norveo dopo averlo ucciso"
  16. Omicidio Fedeli, tocca agli esperti di Dna
  17. "Norveo Fedeli, un omicidio che ha messo in crisi tutta la comunità"
  18. Messa in memoria di Norveo Fedeli per l'anniversario della tragica morte
  19. "Il corpo di Norveo massacrato di botte e calpestato ripetutamente da Pang"
  20. "Ma quale rapina, ho reagito a un'aggressione da parte di Norveo Fedeli"
  21. "Alla famiglia di Norveo l'abbraccio virtuale di un'intera città"
  22. Processo a Pang, la madre bloccata negli Usa dalla pandemia
  23. "Il padre non gli mandava più soldi, Pang non aveva denaro nemmeno per tornare negli Stati Uniti"
  24. "Sangue ovunque e sulla testa di Norveo l'impronta di una scarpa dell'assassino"
  25. "Sulla scena del crimine neanche una goccia di sangue dell'assassino"
  26. "Michael Aaron Pang è stato accoltellato dalla vittima durante una colluttazione"
  27. Omicidio Fedeli, niente abbreviato né perizia psichiatrica per Pang
  28. Omicidio di Norveo Fedeli, al via il processo al 23enne americano reo confesso del delitto
  29. No all'abbreviato, sarà processato davanti alla corte d'assise l'omicida di Norveo Fedeli
  30. "Perizia medico-legale sulle ferite riportate dal ragazzo che ha ucciso Fedeli"
  31. Omicidio di Norveo Fedeli, davanti al giudice l'assassino reo confesso
  32. Omicidio Fedeli, Pang chiede l'abbreviato
  33. Omicidio Fedeli, Pang davanti alla corte d'assise il 13 gennaio
  34. Omicidio Fedeli, depositati i risultati di autopsia e rilievi della scientifica
  35. "Grazie ai facchini per la girata dedicata a Norveo"
  36. Omicidio Fedeli, nuovo prelievo di dna per lo statunitense Michael Pang
  37. Omicidio Fedeli, al via le perizie della scientifica di Roma
  38. "Una scena del crimine drammatica, come poche se ne vedono"
  39. Omicidio Fedeli, la scientifica sulla scena del crimine
  40. Omicidio Fedeli, l'ambasciata Usa vuole portare un dizionario a Pang
  41. Ha ucciso Fedeli e ha mangiato un kebab vicino al negozio del delitto
  42. Funzionari dell'ambasciata Usa in carcere per incontrare Pang
  43. “Norveo Fedeli per noi è un caduto sul lavoro”
  44. I parenti di Norveo: "Un omicidio brutale che non ha giustificazioni"
  45. Pang in carcere sta male, sarà visitato da uno psicologo...
  46. L'omicida di Fedeli punta a evitare l'ergastolo
  47. "Vicini al dolore della famiglia Fedeli"
  48. Resta in carcere l'assassino di Norveo Fedeli
  49. "Michael è incensurato, ha scontato con la messa alla prova la guida in stato di ebbrezza"
  50. "Pang era in trattative per rilevare un ristorante a Vetralla"
  51. Pang al gip: "Ho reagito a un'aggressione di Fedeli"
  52. "Un crimine efferato, i familiari della vittima pronti a costituirsi parte civile"
  53. "Il movente non è la rapina e non c'è premeditazione"
  54. Omicidio Fedeli, Michael Pang confessa: "Chiedo perdono"
  55. "Pang ha rischiato di uccidere mio figlio in un incidente"
  56. "Sogna in grande, spingi duro", sulla pagina Facebook di Michael una valanga di slogan motivazionali...
  57. Fedeli insospettito fotografò il ragazzo che lo avrebbe ucciso
  58. "Arresto di Michael Aaron per omicidio, la madre è sotto shock'"
  59. Pang negli Usa era stato già condannato, a nove mesi quando era minorenne
  60. "Basta con la violenza, dobbiamo costruire una città migliore"
  61. "Non parlava con nessuno, abitava qui e ogni tanto prendeva l'auto della donna con cui viveva"
  62. Oggi l'addio a Norveo Fedeli, è lutto cittadino
  63. "Michael Aaron è affranto e disperato, non era mai stato in carcere"
  64. Il brutale omicidio di Fedeli finisce sui media statunitensi
  65. Incensurato, americano e regolarmente in Italia
  66. "Omicidio in via San Luca, la fiaccolata è lodevole ma non è sufficiente"
  67. "Domani saremo tutti di un sentimento"
  68. Uccide Fedeli, si toglie i vestiti insanguinati e sale sul bus per Capodimonte
  69. I vestiti e le scarpe ancora sporchi di sangue in casa del ragazzo fermato
  70. "I cittadini hanno diritto a non avere timore"
  71. Bandiere a mezz'asta e un minuto di silenzio per Norveo Fedeli
  72. "Serve un piano di emergenza contro la criminalità"
  73. "Un uomo sempre sorridente e cordiale"
  74. "Speriamo si possa arrivare a una condanna definitiva quanto prima"
  75. Il presunto omicida di Fedeli fermato mentre passeggiava in piazza
  76. Fermato il presunto omicida di Norveo Fedeli
  77. "Bisogna rafforzare il controllo del territorio"
  78. Colpito alla testa e ucciso con uno sgabello, trascinato e nascosto dietro i vestiti appesi
  79. Feroce omicidio in pieno centro, gli abitanti: "Abbiamo paura..."
  80. "Il negozio era in disordine e a terra c'era tantissimo sangue..."
  81. Omicidio Fedeli, lutto cittadino e corteo silenzioso per le vie del centro
  82. Omicidio in via San Luca, sotto sequestro il negozio Fedeli
  83. "Norveo Fedeli, uomo buono e gentile"
  84. Norveo Fedeli ucciso a sprangate
  85. Omicidio in pieno giorno in un negozio in via San Luca

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR