Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Delitto di Ferragosto a Tuscania - Dopo un'udienza fiume di cinque ore, la corte d'assise ha dichiarato il non luogo a procedere per morte del reo

Omicidio Gianlorenzo, negata l’assoluzione post mortem a Sassara

di Silvana Cortignani
Condividi la notizia:

Angelo Gianlorenzo

Angelo Gianlorenzo

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara sul motorino mentre torna dalla campagna

Aldo Sassara sul motorino mentre torna dalla campagna 

Tuscania – Omicidio di Angelo Gianlorenzo, negata l’assoluzione post mortem al cognato imputato del delitto. Dopo un’udienza fiume di cinque ore, la corte d’assise ha dichiarato il non luogo a procedere per morte del reo. Per pm e parti civili l’anziano agricoltore è stato ucciso dal fratello della moglie, che dal canto suo si è proclamato innocente fino alla morte. Un giallo per chi non sa da che parte schierarsi.

Nessun colpo di scena. Dopo un’udienza fiume durata quasi cinque ore, il processo per il delitto di ferragosto a Tuscania si chiuso per la morte dell’imputato Aldo Sassara, cui non è stata riconosciuta la sperata assoluzione post mortem sui cui contavano i familiari.

Perché venisse assolto, ci sarebbe voluta la prova evidente della sua innocenza, che per la corte d’assise non è emersa. Almeno non “a colpo d’occhio” come la norma richiede.

Come preannunciato, si è tenuta però lo stesso la discussione, che ha impegnato pm, parti civili e difese per oltre tre ore. C’è poi voluta un’ora e mezza di camera di consiglio prima che la corte d’assise presieduta dal giudice Maria Rosaria Covelli (Silvia Mattei a latere), poco dopo le 14, dichiarasse il non luogo a procedere per estizione del reato in seguito alla morte dell’imputato, prendendosi sessanta giorni per le motivazioni.

Aldo Sassara, deceduto il 17 novembre all’età di 76 anni per un tumore, era accusato dell’omicidio volontario del cognato 83enne, il cui corpo massacrato di botte, dall’osso del collo rotto all’intera cassa toracica fracassata, fu ritrovato dal figlio nelle campagne tra Marta e Tuscania, in località San Savino, all’ora di pranzo di domenica 14 agosto 2016.

Dopo 13 udienze, il processo, cominciato il 17 giugno 2019, si è concluso ieri con la discussione di tutte le parti, come da programma, per decidere se ci fossero gli estremi per un’assoluzione dell’imputato, come chiesto dai difensori Danilo Scalabrelli e Marco Valerio Mazzatosta, mentre i difensori di parte civile dei familiari (Francesco Bergamini, Corrado Cocchi e Giovanni Bartoletti) hanno già dato appuntamento in sede civile agli eredi dell’imputato per la richiesta di risarcimento dei danni.

Lunga e articolata la discussione del pm Massimiliano Siddi, che ha difeso le indagini insistendo sui gravi indizi di colpevolezza che, se non in prigione, hanno condotto Sassara a processo davanti alla corte d’assise.


Il pm: “Vittima abbandonata in un campo agonizzante”

“Per una assoluzione post mortem, ex articolo 129, serve l’evidenza della prova assolutoria”, ha ricordato il magistrato. Il pm Siddi ha quindi sottolineato come, oltre all’efferatezza del delitto in sé, la vittima sia stata abbandonata in un campo agonizzante. “E’ stato un omicidio volontario non un omicidio preterintenzionale. Lo ha detto il pastore che ha sentito i rumori di una colluttazione tra due uomini, poi la vittima che diceva all’altro ‘che fai, scappi?’ prima di rantolare per altri dieci minuti”, ha sottolineato. Chi altri se non lui: “Sassara aveva un movente ed era sul luogo del delitto tra le 7 e le 11, in orari compatibili con l’omicidio”. Ha insistito sull’altra “prova regina” per la procura, ovvero il cambio d’abito dopo avere gettato il giubbino sporco del sangue di Gianlorenzo. “Sassara ha avuto ore per eliminare le tracce, liberandosi degli indumenti e facendo sparire anche l’arma del delitto”. “La verità processuale coincide con la verità storica”, ha concluso.


Le parti civili: “Soldi attorno al cadavere come in un macabro rituale”

 Di “soldi attorno al cadavere come in un macabro rituale” ha parlato il difensore di parte civile Giovanni Bartoletti spiegando l’evidenza del movente. “Dopo venti anni che non si parlavano, quella multa da poche decine di euro da pagare a metà, seguita dieci giorni prima dell’omicidio di Gianlorenzo da un asprissimo diverbio, è stato il fatto scatenante”. Nessun giallo relativamente all’ora del delitto: “Gianlorenzo non aveva ancora fatto colazione, pane e formaggio erano sull’Apetto, quindi deve essere avvenuto tra le 7,13 e le 8,39. Sassara ha avuto tutto il tempo di uscire col trattore”. Cocchi, invocando il rispetto sia per la vittima “trovata dal figlio trucidata a terra” che per l’imputato appena morto, ha puntato sull’assenza della prova d’innocenza. Durissimo nei confronti dell’imputato deceduto da meno di una settimana l’altro legale, Bergamini, che ha parlato di “indecente negazione della verità” e “dichiarazioni vergognose di Sassara e dei suoi parenti”, sostenendo che “non sono emerse ipotesi alternative alla ricostruzione della procura durante il processo”.


La difesa: “Aldo Sassara era il candidato omicida ideale”

“Mandate assolto Aldo Sassara”, hanno chiesto alla corte d’assise i difensori Scalabrelli e Mazzatosta. “E’ evidente che non c’è prova piena di colpevolezza – hanno detto – non vediamo altro che indizi incerti, contraddittori e non concordanti, frutto di indagini a senso unico, indirizzate da persone terze. Il pm parla, ad esempio, di un assassino così scaltro da cancellare tutte le tracce, perfino il sangue della vittima sotto le sue unghie. I legali degli eredi, invece, di un ‘macabro rituale dei soldi’ che sarebbe la firma dell’omicida, dicendo ‘quale traccia più vistosa’?”. Mazzatosta ha ricordato come il gip Stefano Pepe abbia rigettato la richiesta di arresto da parte del pm Siddi proprio”per mancanza di gravi indizi di colpevolezza”. “Cosa è cambiato? Nulla dal punto di vista scientifico, captativo e dell’esame dei testi. Sassara era il candidato ideale”.

Silvana Cortignani


Multimedia: I Ris sul luogo del delitto – slide – video – I Ris setacciano il luogo del delitto



Condividi la notizia:
24 novembre, 2020

Tuscania - Omicidio in campagna ... Gli articoli

  1. Omicidio Gianlorenzo, oggi si decide se la morte dell'agricoltore resterà un giallo irrisolto
  2. Aldo Sassara può essere assolto post mortem dall'accusa di omicidio
  3. E' morto Aldo Sassara
  4. Omicidio Gianlorenzo, l'ultimo teste: "Quella mattina Aldo Sassara stava arando col trattore"
  5. Massacrato di botte e morto d'infarto, è confronto tra medici legali
  6. "Sassara non stava arando il suo terreno mentre Gianlorenzo veniva ucciso"
  7. Omicidio Gianlorenzo, riprende il processo al cognato che si proclama innocente
  8. "Male non fare, paura non avere", si dichiara innocente il 76enne accusato di avere ucciso il cognato
  9. Accusato di avere ucciso il cognato, attesa per l'interrogatorio di Aldo Sassara
  10. "Se m'evono trovato la maglietta, da mo' che m'avevano arrestato"
  11. Omicidio Gianlorenzo, è il giorno della verità per il cognato accusato di averlo ucciso
  12. Omicidio Gianlorenzo, in aula il supertestimone rivela: "Voci di due uomini sul luogo del crimine..."
  13. Omicidio Gianlorenzo - Furgone sul luogo del delitto, è giallo
  14. "Non ha ucciso lui il cognato, quella mattina è andato col trattore in direzione opposta"
  15. Aldo Sassara sgridò la moglie: "Rifai la deficiente, tu chiacchieri troppo"
  16. "Aldo non è un fratello, ma una belva feroce. Pensammo avesse ucciso anche nostro padre"
  17. "Meno male che mio cognato è morto, uno di meno. Era un birbaccione, vaffanculo"
  18. "Gianlorenzo aveva il collo spezzato e tutte le costole rotte, ma è morto d'infarto"
  19. Due "interpreti" di dialetto martano per tradurre i soliloqui del presunto killer
  20. "Trenta-quaranta colpi che lui ansimava ancora ed era cosciente"
  21. "E' stata una morte violenta, ma nessun riscontro scientifico porta a Aldo Sassara"
  22. Omicidio Angelo Gianlorenzo, tocca ai primi testi dell'accusa
  23. "Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza"
  24. Agricoltore massacrato e ucciso nelle campagne di Tuscania, processo al cognato al via il 17 giugno
  25. "Contro di me non hanno niente" diceva tra sé Aldo Sassara intercettato in macchina...
  26. Omicidio di Angelo Gianlorenzo, rinviato a giudizio Aldo Sassara
  27. Omicidio di Tuscania, Aldo Sassara davanti al gup
  28. "Contro di me solo congetture, i colpevoli sono altrove"
  29. "L'ha ucciso, si è cambiato e ha fatto sparire i vestiti sporchi di sangue..."
  30. Omicidio di Tuscania, chiuse le indagini
  31. Un anno fa l'omicidio dell'agricoltore Angelo Gianlorenzo
  32. Omicidio di Tuscania, dissequestrati il casale e i mezzi agricoli dell'indiziato
  33. Omicidio di Tuscania, nuovo interrogatorio in procura per Sassara
  34. Omicidio di Tuscania, è giallo sull’ora della morte
  35. "Massacrato di botte finché non è morto di crepacuore"
  36. Omicidio di Tuscania, restano sotto sequestro i mezzi agricoli
  37. "Ho pensato subito che era stato assassinato”
  38. Omicidio di Tuscania, chiesto il dissequestro dei mezzi agricoli
  39. Nessuna traccia di Gianlorenzo sull'uomo accusato dell'omicidio
  40. Al lavoro i sommozzatori dell'Arma
  41. Gianlorenzo aveva anche il torace fracassato
  42. Omicidio di Tuscania, i Ris sul luogo del delitto
  43. Si cercano i vestiti sporchi di sangue
  44. "Aldo? Incensurato e benvoluto da tutti"
  45. "Non dovevi decidere tu della morte di Angelo"
  46. "Assassini, costituitevi!"
  47. Anziano ucciso, indagato il cognato
  48. I Ris sulla scena del delitto
  49. I vestiti strappati e il cranio fracassato
  50. Colpito alla testa e ucciso dopo una lite
  51. Aggredito e ucciso con un colpo alla testa

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR