Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Mestre - L'esperienza di una famiglia che ha subito il trauma della discriminazione del figlio

Ostia negata a ragazzo gay, i genitori fondano “Siamo tutti figli di Dio”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Il calice con l'ostia per l'eucarestia

Il calice con l’ostia per l’eucarestia

Mestre – Un sacerdote non fece fare la comunione al loro figlio perché omosessuale. Una coppia di genitori ha riagito fondando un’associazione Lgbt, chiamata “Siamo tutti figli di Dio”. 

Obiettivo: aumentare la sensibilità degli ambienti ecclesiastici nei confronti di gay, lesbiche, transgender. 

L’episodio risale a vent’anni fa. Passò un lungo periodo prima che i genitori riuscissero a incassare il colpo, che per loro fu durissimo, essendo cattolici praticanti. Oggi hanno raccontato la loro esperienza al Gazzettino.

“Questi ragazzi nascono così, con un’affettività diversa e se il Signore li ha creati in questo modo perché dobbiamo discriminarli?”. 

L’idea dell’associazione nacque dopo un convegno, organizzato da sacerdoti, in cui la coppia incontrò altri genitori di ragazzi omosessuali, passati per esperienze dolorose analoghe. 

“Siamo tutti figli di Dio” ha ottenuto di essere ricevuta dal Papa che ha dato in più occasioni prova di sensibilità su questi temi. 


Condividi la notizia:
22 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR