Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - Intervista a Antonio Rocca, studioso di storia dell'arte ed esperto delle opere di Sebastiano del Piombo

“Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Viterbo – “Flagellazione e Pietà di Sebastiano del Piombo-Michelangelo sono tenute male. Non secondo me. Ma secondo tutti. Le tavole sono esposte male e il museo civico, purtroppo, dal crollo in poi, sembra essere più un magazzino che un museo”. E’ il punto di vista di Antonio Rocca, studioso di storia dell’arte che si è occupato dell’opera di Sebastiano del Piombo. Nello specifico Pietà e Flagellazione. “Pietà, Flagellazione e cappella Mazzatosta – aggiunge poi Rocca – sono indubbiamente le tre cose più importanti che abbiamo qui a Viterbo, e sono assolutamente occultate”.


Viterbo - Lo storico dell'arte Antonio Rocca

Viterbo – Lo storico dell’arte Antonio Rocca


Antonio Rocca, quale importanza rivestono le opere di Sebastiano del Piombo conservate al museo civico Luigi Rossi Danielli di Viterbo?
“Sono opere fondamentali. Partiamo dalla Pietà. Non solo il disegno è di Michelangelo, come ampiamente dimostrato, ma anche l’inventio è di Michelangelo. Stiamo quindi parlando di un’opera molto importante, che attira anche l’attenzione dei più grossi studiosi di Michelangelo. E non sono soltanto io a dirlo. Tutti testi del ‘500, Vasari per primo, ci dicono che l’inventio è di Michelangelo, che i disegni e il cartone sono di Michelangelo e che addirittura Vasari utilizza proprio l’espressione ‘fu finita da Sebastiano del Piombo’. Ciò sta a significare che Sebastiano del Piombo ha messo mano nel perfezionamento dell’opera. Quindi riconoscere la presenza forte di Michelangelo in quella tavola credo che sia una cosa universalmente riconosciuta. Anche perché ci sono i disegni agli Uffizi, ci sono gli schizzi dietro la tavola. Dunque la presenza fortissima di Michelangelo è evidente. Sia nella Pietà che nella Flagellazione. Anche in quest’ultimo lavoro il momento dell’ideazione da parte di Michelangelo è centrale. Perché le accademie che vengono formandosi nella seconda metà del ‘500 sono accademie che fanno riferimento al disegno. E per disegno non si intende il momento tecnico con cui uno, con la matita fa un disegno. Per disegno si intende la progettazione. Il disegno interiore. Ciò che conta e rende l’artista tale, differenziandolo da un tecnico, è proprio il momento dell’inventio. E sia per la Pietà che per la Flagellazione, l’inventio è michelangiolesca. Occultare questa cosa è curioso”.



Secondo lei, Pietà e Flagellazione, come sono tenute?
“Pietà e Flagellazione sono tenute male. Non secondo me. Ma secondo tutti. Le tavole sono esposte male e il museo civico, purtroppo, dal crollo in poi, sembra essere più un magazzino che un museo. Che ci sia bisogno di mettere mano al museo Luigi Rossi Danielli è una verità sotto gli occhi di tutti. Tant’è che pure il comune di Viterbo ha pensato di rinnovare gli spazi di palazzo dei Priori per spostare le tavole di Sebastiano del Piombo. Ma su questo andrebbe aperto un altro discorso…”.

Quale?
“L’idea di bucare una collezione per prendere i pezzi più importanti, separarli dal resto ed esporli in mezzo a un po’ di lucine colorate, non è un’idea da storici dell’arte o museologi. E’ un’idea da vetrinisti. Se si decidesse di spostare Pietà e Flagellazione, cosa che è possibile, la cosa andrebbe fatta in maniera razionale, spostando tutta la collezione moderna. Perché il museo deve raccontare una storia. Il museo civico nasce per raccontare la storia della città. Vogliamo razionalizzare la narrazione? Facciamolo in maniera organica. Non prendendo due opere e basta. Sarebbe semplicemente delirante. Le opere vanno tenute e lette insieme in un percorso che non sia di mero ‘appoggio al muro’, ma sia un percorso narrativo. Cosa che obiettivamente manca completamente”.


Viterbo - Museo civico - La Pietà di Sebastiano del Piombo

Viterbo – Museo civico – La Pietà di Sebastiano del Piombo-Michelangelo


Che fare quindi per ridare dignità a Flagellazione e Pietà?
“Il discorso è complesso e non si esaurisce in una battuta. Ripeto, la collezione moderna non dovrebbe essere smantellata. E credo che su questo, chiunque abbia un minimo di coscienza e di conoscenza debba convenire. La Pietà e la Flagellazione sono una delle tre cose più importanti che abbiamo qui a Viterbo”.

E la terza qual è?
“La cappella Mazzatosta nella chiesa di Santa Maria della Verità. Proprio accanto al museo civico di piazza Crispi. Flagellazione, Pietà e la cappella Mazzatosta affrescata da Lorenzo da Viterbo sono indubbiamente gli eventi artistici più rilevanti che riguardano la storia di Viterbo. E su questo non credo che ci possa essere la minima discussione. Quindi, nell’ambito di una organizzazione della narrazione della storia cittadina, o si fa in modo, col museo civico, di arrivare fino al 1469, data della Mazzatosta, oppure si parte si parte dal 1400. Ma indubbiamente la cappella Mazzatosta va collegata alla narrazione del museo civico. Anche perché sarebbe un attrattore spettacolare”.



Perché la cappella Mazzatosta è così importante?
“La cappella Mazzatosta è un evento unico, che c’abbiamo noi e che rappresenta l’ultimo sogno dell’ultimo bizantino. Rappresenta il momento più alto e il momento finale, la catastrofe del progetto di un’Europa unita. L’idea di riunificare la chiesa orientale e la chiesa d’occidente raggiunge con lo Sposalizio della Vergine di Lorenzo da Viterbo la sua massima visualizzazione. E questo non lo dico solo io”. 

In più, la cappella Mazzatosta è stata restaurata da Cesare Brandi…
“E questo già di per sé basterebbe per andarla a visitare e venire a Viterbo. In quanto pietra miliare del restauro moderno”. 


Viterbo - Cappella Mazzatosta

Viterbo – La cappella Mazzatosta


La cappella Mazzatosta è anche un’opera fondamentale dal punto di vista storico…
“La cappella è un’opera di straordinario valore artistico. E un’opera collegata anche alla figura del cardinal Bessarione e alla nascita della biblioteca marciana. Quindi stiamo parlando di un fenomeno di valenza internazionale. E qui c’è il grande mistero. Il grande enigma della comunicazione turistica viterbese”. 

Quale?
“Saranno trent’anni che vivo a Viterbo e non ho mai visto un cartello che segnalasse ai turisti l’esistenza della Pietà, della Flagellazione e della cappella Mazzatosta. Sono indubbiamente le tre cose più importanti e sono assolutamente occultate”.

Secondo lei perché?
“E’ inspiegabile. Forse è autolesionismo. E’ affascinate. E’ un mistero che andrebbe studiato. Persino nel sottopasso di piazza Crispi che porta al museo, anche lì non abbiamo un’immagine né della Pietà, né della Flagellazione. E questo è estremamente curioso”. 


Viterbo - Museo civico - La Flagellazione di Sebastiano del Piombo

Viterbo – Museo civico – La Flagellazione di Sebastiano del Piombo-Michelangelo


Torniamo alla sistemazione della Pietà e della Flagellazione di Sebastiano del Piombo-Michelangelo…
“Di base sono piuttosto contrario a smontare. Diciamo che al museo civico, con una cifra che non è enorme, si potrebbe prima rimettere in sesto la sala che subì il crollo e vedere innanzitutto se è possibile una narrazione ottimale. Qualora si decidesse di spostare tutta la collezione moderna, avrebbe dignità se fosse collocata all’interno di palazzo dei priori, perché palazzo dei priori è uno splendido palazzo rinascimentale. Però, la prima cosa che bisogna far capire alle persone, e su cui l’amministrazione comunale dovrebbe investire, è comunicargli l’importanza della cappella Mazzatosta e di queste due tavole dipinte da Sebastiano del Piombo e ideate da Michelangelo affinché il museo civico diventi una meta turistica di altissimo rilievo. Basta un po’ di comunicazione e la gente viene. Lo hanno dimostrato Vittorio Sgarbi con Sutri e i ragazzi del Colle del duomo qui a Viterbo con il museo, il palazzo dei papi e la cattedrale”.


Viterbo - Museo civico - La Pietà di Sebastiano del Piombo

Viterbo – Museo civico – La Pietà di Sebastiano del Piombo-Michelangelo


Che idea s’è fatto da quello che è emerso dall’inchiesta di Tusciaweb a proposito del museo civico di piazza Crispi e delle di Sebastiano del Piombo?
“Innanzitutto, da cittadino, mi sento di ringraziare il giornale. Questo è il giornalismo: tirare fuori le questioni. E poco importa se si creano frizioni o se qualcuno lo possa ritenere poco opportuno. Anzi, il giornalismo si vede proprio qui. Quando si ha il coraggio di tirare cose che potrebbero suscitare frizioni. Discutiamo dei fatti, poi le questioni se le risolvano tra di loro. Un giornale deve tirar fuori i fatti. E le cose che sono emerse in questi due primi articoli che sono usciti sono cose che è giusto che vengano messe all’attenzione dell’opinione pubblica, dei conoscitori e dei tecnici. Il lavoro del giornalista deve evidenziare dei problemi. Questo lo avete fatto e questo è fondamentale. Perché i beni che sono conservati nel museo civico non sono di nessuno, nel senso che sono di tutti. E quando dico tutti, parlo anche delle generazioni future. Quello che avete fatto è un lavoro importante e spero di leggere altre cose. Meno male che qualcuno continua a fare questo lavoro come si deve. Ciò che rende un giornale degno di essere letto. Poi, scendendo nel dettaglio, quello che avete rilevato si inscrive all’interno di un’opacità assoluta che avvolge queste opere e l’intera storia rinascimentale viterbese. Io vado spesso al museo civico e quando arrivano degli amici ce li porto. E ogni volta che vado rimango sempre stupefatto dall’amaro privilegio di essere lì da soli. Quando sono andato a Londra a vedere la mostra di Sebastiano del Piombo-Michelangelo ho fatto un’ora di fila e ho pagato 18 sterline. Invece a Viterbo, dall’allestimento alla conservazione, alla presentazione, all’illuminazione, ai pannelli di esplicazione, complessivamente si ha la sensazione di una trascuratezza che ci chiama tutti a dover in qualche modo agire. A partire dagli uffici competenti. In prima istanza e per dovere. Non per hobby. Non è un hobby, è un dovere o almeno dovrebbe”.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: Il museo civico di piazza Crispi – La cappella Mazzatosta – Video: Incuria e abbandono


Condividi la notizia:
22 novembre, 2020

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. "Salvato l'affresco di Matteo Giovannetti a Pianoscarano, capolavoro del Trecento viterbese"
  2. Giovanni Arena: "Museo civico, positiva e importante la proposta di rilancio presentata dall'opposizione"
  3. Il balcone delle meraviglie in piazza del Comune...
  4. Decine di opere d'arte del museo civico Rossi Danielli sparse per la città...
  5. Rilancio del museo civico: trenta per cento di spazi in più, sotterranei visitabili e un meeting point
  6. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  7. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  8. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  9. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  10. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  11. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  12. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  13. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  14. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  15. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  16. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  17. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  18. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  19. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  20. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  21. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  22. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  23. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  24. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  25. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  26. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  27. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  28. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  29. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  30. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  31. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  32. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  33. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  34. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  35. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  36. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  37. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  38. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  39. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  40. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  41. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  42. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  43. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  44. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  45. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  46. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  47. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  48. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  49. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  50. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  51. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  52. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR