Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Protestano gli esercenti: "Con le restrizioni ai negozi passano al web 83 milioni di vendite al giorno"

Tra poche ore è il Black Friday, gli italiani spenderanno circa 1,5 miliardi di euro

Condividi la notizia:

Una carta di credito

Una carta di credito

Roma – Tra poche ore sarà il giorno del “Black Friday” e gli italiani sono pronti ad approfittare delle offerte per acquistare prodotti di media o alta qualità a prezzi bassi.

Secondo la stima dell’Osservatorio e-commerce B2c del Politecnico di Milano, molti spenderanno 1,5 miliardi di euro con un incremento del 15% rispetto al 2019, ma in calo rispetto al 2018, quando è stato registrato un incremento del 20%.

Un parziale rallentamento viene osservato anche da Compass, secondo cui la spesa media degli italiani sarà di 284 euro, in calo del 7% rispetto allo scorso anno. Il 27% spenderà fino a 150 euro, il 22% tra i 150 e i 250 euro, il 23% tra 250 e 500 euro, il 7% tra i 500 e i 750 euro. Pochi gli italiani che spenderanno oltre 750 euro (3%), mentre un 18% non ha definito un budget preciso.

Con le chiusure dei negozi durante il fine settimana, l’online si conferma il canale privilegiato per il commercio. La maggior parte degli italiani preferisce acquistare sui siti, mentre una piccola porzione preferisce acquistare in un punto vendita fisico per aiutare i commercianti del territorio.

“Black Friday e Black Weekend, quest’anno, marcano davvero un periodo nero per il commercio”, sottolinea la Fismo, l’associazione delle imprese del commercio moda Confesercenti.

Non si placa, invece, la polemica degli esercenti. Nei giorni scorsi avevano chiesto un rinvio dell’appuntamento per non penalizzare i negozi fisici. “Le restrizioni imposte ai negozi, dalle chiusure forzate nelle regioni rosse e arancioni allo stop nel fine settimana di gallerie e centri commerciali, rende impossibile alle piccole imprese di vicinato partecipare all’evento promozionale. Uno squilibrio concorrenziale che rischia di spostare 83 milioni di euro di vendite al giorno dai negozi fisici al web”, conclude la Confesercenti.


Condividi la notizia:
26 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR