Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Roma - Il videomessaggio del garante dell'infanzia della regione Lazio, Jacopo Marzetti, per gli studenti e i dirigenti scolastici

“Ragazzi se continueremo a fare squadra riusciremo a battere il Covid-19”

Condividi la notizia:

[DTDinfo id=”adsenseinterno”]

Scuola - Una classe

Scuola – Una classe

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Alla vigilia della 31esima giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che si celebra ogni anno il 20 novembre, il garante dell’Infanzia e dell’adolescenza della regione Lazio, Jacopo Marzetti, ha inviato un videomessaggio in formato elettronico ai dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado del Lazio.

“Quest’anno – si legge nella email di Marzetti che accompagna il videomessaggio – la ricorrenza ha un significato ancora più importante e particolare, a causa del difficile momento che stiamo vivendo. Pertanto, la prego di diffondere a tutti gli alunni e docenti presenti nel suo istituto questo video messaggio di speranza”.

Il messaggio è rivolto soprattutto ai più giovani che sono stati esemplari durante il lockdown. “È grazie al vostro importantissimo contributo che questa sfida noi la vinceremo – racconta il videomessaggio -. Se continueremo a fare squadra riusciremo a battere il Covid-19”.

Il videomessaggio invita i giovani a continuare con coraggio, uniti, contro il Covid-19, perché ora è necessario essere ancora più diligenti, non bisogna abbassare la guardia, ricordandosi sempre di stare alla giusta distanza, di indossare correttamente la mascherina, e di lavarsi con cura le mani.

La giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza celebra la data in cui l’Assemblea generale della nazioni unite ha approvato la dichiarazione universale dei diritti del fanciullo, revisionata sempre un 20 novembre ma del 1989 come Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Ogni anno si ricorda questa data nei 194 paesi del mondo che hanno ratificato la convenzione. L’Italia l’ha ratificata  il 27 maggio 1991 con la legge n. 176.

Consiglio regionale del Lazio


Condividi la notizia:
19 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR