Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Indiana - I legali della donna hanno contratto il Covid e un giudice federale ha concesso lo slittamento dell'esecuzione per consentirgli di ristabilirsi e presentare una richiesta di clemenza

Rinviata l’esecuzione di Lisa Montgomery, strangolò una 23enne e le strappò la figlia dal ventre

Condividi la notizia:

Lisa Montgomery

Lisa Montgomery

Indiana – Causa Covid è stata rimandata al 12 gennaio l’esecuzione federale di Lisa Montgomery, la 52enne condannata a morte per aver strangolato una 23enne incinta e averle tagliato il ventre per rapire la bambina di otto mesi non ancora nata.

Nel 2004, secondo l’accusa, Lisa Montgomery uccise una donna incinta e le strappò dal ventre la figlia che oggi, come riporta Tgcom24, ha 16 anni. La piccola, infatti, subito dopo l’aggressione alla madre, venne tratta in salvo e messa al sicuro dalle autorità.

Come riporta Tgcom24, a nulla sarebbero valsi gli appelli dei legali di Lisa per salvarle la vita. Secondo i legali, la donna avrebbe sempre sofferto di gravi disturbi mentali, a causa di un’infanzia e un’adolescenza piena di violenze e di abusi subiti. L’esecuzione era stata fissata per l’8 dicembre nel penitenziario federale di Terre Haute, in Indiana.

I legali di Lisa Montgomery hanno però contratto il Covid-19 e un giudice federale ha concesso il rinvio a gennaio dell’esecuzione della donna per consentire ai due avvocati di ristabilirsi e presentare una richiesta di clemenza in favore della donna. 

Qualora l’esecuzione dovesse tenersi a gennaio, Lisa Montgomery sarebbe la prima donna dopo 60 anni ad essere giustiziata per ordine del governo federale. Per trovare una donna vittima del boia negli Usa bisogna tornare indietro al 1953, quando furono in due ad essere giustiziate. Una di loro era Ethel Rosenberg, che, negli anni della Guerra fredda, fu condannata alla sedia elettrica col marito Julius con l’accusa di spionaggio, per aver passato all’Unione Sovietica informazioni segrete sulla bomba atomica. L’altra detenuta giustiziata nel 1953 è Bonny Heady, condannata alla camera a gas per aver ucciso un bimbo di 6 anni.


Condividi la notizia:
24 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR