Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lavorano per 6 euro l'ora e puliscono case, uffici e ospedali - Diverse in nero, altre con un contratto nazionale scaduto da 8 anni

Secchio, scopa e l’acqua che ti spacca le mani… la vita delle donne delle pulizie in epoca Covid

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo – Secchio, scopa e l’acqua che ti spacca le mani. Mattina e sera con la schiena piegata. Infine l’artrosi, il tunnel carpale e, a volte, nemmeno la pensione. 

Donne delle pulizie. Quelle che ogni giorno puliscono le case degli altri, gli uffici e i reparti Covid negli ospedali. Per poi, a fine turno, passare alla propria e prima di riposarsi preparare la cena a figli e mariti.

Lavorano spesso in nero. Comunque, quando invece il contratto ce l’hanno, sono pagate non più di 6 euro nette l’ora. Sei euro e trenta centesimi. Come da contratto nazionale, che da 8 anni non viene più rinnovato. Donne dimenticate. Nessuna medaglia al valore. Nonostante che, nella guerra al Coronavirus, sono state e stanno in trincea.


Viterbo – Marzia Terri, sindacalista UilTucs


“Nei presidi ospedalieri – dice la sindacalista Elvira Fatiganti, segretaria territoriale della UilTucs di Viterbo – le donne delle pulizie lavorano a 6 euro l’ora, con tutti i rischi che corrono. Ma stanno sempre nell’ombra e di loro non se ne parla. Anche se sono in prima linea con medici e infermieri. Ma con una paga profondamente diversa”.

Chi ha un contratto, e sta con qualche impresa che ha ottenuto l’appalto per la pulizia di uffici e ospedali, lavora soprattutto in part time. Quattro, cinque ore al giorno, guadagnando 600, 700 euro al mese. Chi vuole qualcosa in più deve fare ore supplementari o di straordinario. Con un reddito che continua a restare, tuttavia, basso.


Viterbo – Monica De Marchi, sindacalista Fisascat Cisl


“Negli ospedali – prosegue Fatiganti – le donne delle pulizie puliscono bagni e reparti Covid. Puliscono camere, corsie e raccolgono i rifiuti, anche quelli organici nelle sale operatorie. A volte si feriscono anche e vengono sottoposte ad analisi di controllo per il rischio di malattie. Cosa che comporta anche un disagio familiare. Perché se non sai che malattia hai contratto, oppure pensi di esserti presa il Covid, devi stare separato in casa fino a che non hai il risultato”.  

Nel viterbese, le donne delle pulizie che lavorano nella Asl, ospedale Belcolle e uffici, “sono una settantina”, precisa Fatiganti. Per la maggior parte sono, appunto, donne. “Gli uomini – aggiunge Fatiganti – rappresenteranno sì e no il 5% dell’intera categoria. Sia nel pubblico che nel privato”. Mentre “l’età media si aggira attorno ai 40-60 anni”. A volte con più di 20-30 anni di lavoro sulle spalle.


Viterbo - Elvira Fatiganti

Viterbo – Elvira Fatiganti della Uil


Un lavoro durissimo, eppure da 8 anni il contratto nazionale non viene rinnovato. E la richiesta è pressoché una. L’aumento salariale, perché con 6 euro l’ora, e i rischi che si corrono, davvero non si campa. Il 13 novembre scorso c’è stato pure uno sciopero nazionale organizzato da Cgil, Cisl e Uil. Ma ancora non si vede luce. Non solo, ma diverse di loro, che lavorano negli ospedali, hanno iniziato pure a fare le ausiliarie, cioè ad aiutare medici ed infermieri.

“E’ scandaloso – commenta Aldo Pascucci della Fisascat Cisl – che il contratto del personale di pulizia non venga rinnovato dal 2012. E questa rappresenta una perdita di salario notevole. E’ aumentato tutto, ma lo stipendio è rimasto indietro di 8 anni. Senza poi considerare il lavoro che tante di loro stanno facendo negli ospedali, nelle Rsa, nelle case dello studente. Donne che hanno stanno continuando il proprio lavoro con sacrificio e paura. Paura per sé e per i propri familiari. Uno stress assurdo”.

Un lavoro soprattutto part time. Nelle strutture ospedaliere e negli uffici, i turni vanno dalle 6 di mattina alle 11, dalle 2 del pomeriggio alle 6 e mezza di sera, e dalle 19 a mezzanotte. Con contratti in regola e tutti i dispositivi di protezione individuale assicurati. Le pulizie si fanno infatti quando gli uffici sono chiusi o l’attività lavorativa, quella degli altri, è sostanzialmente in pausa.

“Per guadagnare qualcosa oltre le 6-700 euro che portano a casa, per turni di 24 ore settimanali – continua Pascucci -, all’ospedale fanno ore in più. Fino a 40 ore settimanali si chiamano ore supplementari. Poi scatta lo straordinario”.

Un orario faticoso. Una vita pesante. “D’inverno in particolar modo – precisa il sindacalista della Cisl -. Oltre escono di casa alle 5 della mattina, per iniziare alle 6 e staccare alle 10. A contatto col freddo e acqua gelata. Un lavoro usurante che, però, come tale non viene riconosciuto. Ultimamente, poi, diverse di loro stanno facendo da supporto al personale medico e infermieristico. Ad esempio portando le lastre e quello che serve”. 


Aldo Pascucci (Cisl)

Viterbo – Aldo Pascucci della Cisl


Marzia Terri e Monica De Marchi sono due rappresentanti sindacali, due donne delle pulizie. Un lavoro che fanno da una vita. Entrambe, adesso, al Belcolle o negli uffici direzionali della Asl di Viterbo. “Dove – tengono a precisare tutte e due – i dispositivi di sicurezza individuale sono rispettati pienamente”.

“La mia giornata – racconta Marzia Terri, sindacalista della UilTucs che lavora negli uffici Asl – inizia alle 5 e mezza di mattina, quando arriviamo sul posto di lavoro. Dobbiamo iniziare alle 6, ma arriviamo prima. Andiamo a firmare e prendiamo le cose che ci servono. Poi è tutta una corsa. Perché dobbiamo finire prima che gli uffici inizino a lavorare. Purtroppo siamo dimenticate da tutti. Lavoro 24 ore settimanali e guadagno sulle 750 euro al mese. Poi c’è chi guadagna ancora meno, e per prendere qualcosa in più deve fare gli straordinari”. 

“Il nostro compito – prosegue – è spolverare, pulire e sanificare. Sempre di corsa. Io, dalle 6 alle 8 di mattina, mi devo sbrigare. E ho quasi mezzo piano da pulire. Tutto da sola. E gli spazi comuni da sistemare sono tanti. Con tuta anti Covid e dispositivi di protezione individuale che dopo un po’ sono difficili da sopportare. Una fatica in più”.

Un lavoro con il quale, senza straordinari, difficilmente ci si riesce a vivere. Oppure, più semplicemente, a garantirsi un’autonomia economica. Autonomia dalla famiglia. Autonomia da padri e mariti. Una condizione che non è solo lavorativa, ma anche sociale. Di continua subordinazione. Al datore di lavoro. E, più in generale, agli uomini. Una condizione di vita che schiaccia soprattutto le donne.

“Se sei da sola e devi pagare affitto, tasse e bollette – dice Terri – con 600, 750 euro al mese non ci puoi vivere. Chi è da sola, per poter campare, punta a fare lo straordinario. Lavorando praticamente tutto il giorno. Con una vita affettiva sostanzialmente annullata. Sono anni che ci battiamo per avere qualche ora in più”.

Si tratta infatti di un lavoro part time che, sebbene possa essere “sicuro” sul piano della continuità lavorativa, sicuro anche al costo di una fatica enorme, rende le lavoratrici precarie sul fronte economico. 750 euro al mese, tassati, non sono sufficienti a garantire un’autonomia economica. Per poterla ottenere occorre fare lo straordinario, cioè dipendere dalla volontà di chi poi lo straordinario lo concede.


Donatella Ayala

Viterbo – Donatella Ajala della Cgil


Monica De Marchi è invece una sindacalista della Fisascat Cisl. Fa la donna delle pulizie da 25 anni e lavora nell’ospedale di Belcolle. Anche come ausiliaria, cioè a supporto del personale medico e infermieristico.

“Con il Covid – spiega De Marchi – il nostro lavoro è aumentato di intensità e volume. Sono 25 anni che faccio questo lavoro, sempre in ambito ospedaliero. E dopo 25 anni è normale che a livello fisico, la schiena e tanto altro, si fanno sentire. Muscoli e apparato scheletrico ne risentono. E il carico non è affatto indifferente”. “Ciononostante – dice Donatella Ajala della Filcams Cgil di Viterbo – le malattie professionali sono poco riconosciute. Sono persone che si alzano da una vita all’alba. E quando per una vita ti alzi alle 4 e mezza, 5 di mattina, il lavoro che stai facendo è un lavoro usurante. E per giunta sottopagato”.


Viterbo - L'ospedale di Belcolle

Viterbo – L’ospedale di Belcolle


Non solo, ma il problema è pure un altro. Questa volta a livello sindacale. “Molte lavoratrici – sottolinea Ajala – per tirare su uno stipendio dignitoso lavorano in più sedi e con più aziende. Magari fanno due ore con un’azienda e due ore con un’altra. Fino a tre, quattro aziende per volta. Per mantenere la famiglia”.

“Una persona che lavora per tre aziende – precisa Ajala – sindacalmente è come se fossero tre persone diverse, con questioni diverse. Oltretutto si tratta di lavoratrici che alla fine dell’anno presentano 3 o più Cud e sono costrette a pagare un botto di tasse. Un mondo, quello delle donne delle pulizie, molto frastagliato e difficile da organizzare dal punto di vista sindacale. Un mondo, inoltre, dove il lavoro nero è dilagante”.

E chi lavora in nero, non ha veramente alcun diritto. Nemmeno la pensione. Donne completamente dimenticate. Devono solo faticare, finché ne hanno le forze. Magari fino alla soglia dei 70 anni. Quando proprio non ce la fanno più e crollano. Per ritrovarsi con un pugno di mosche in mano e una vecchiaia dove l’unica fonte di reddito è la pensione del marito. Donne che hanno lavorato una vita intera ottenendo, alla fine, una sola cosa. Un bel niente. 


Viterbo - La manifestazione dei sindacati della scuola

Viterbo – Sindacati in piazza a Viterbo


“Ho iniziato a lavorare che avevo 9 anni – confida una di loro, chiedendo l’anonimato -. Adesso ne ho quasi 70 e continuo a lavorare. Ho studiato fino alla quinta elementare, poi, prima che le scuole per me finissero, ho iniziato a fare la bracciante nei campi. A 14 anni mi sono fidanzata, a 18 sposata e a 19 avevo già un figlio. E prima che mi sposassi le condizioni di vita non erano certo delle migliori. A casa dei miei genitori la luce arrivò nel 1970, l’acqua potabile nel ’77, il bagno e il telefono nel 1984. Solo che io mi ero sposata già 10 anni prima. E abitavo nelle campagne del comune di Viterbo. Mio marito non voleva che lavorassi, poi è stato costretto a mandarmici. Come donna delle pulizie. In nero. Perché quando negli anni ’90 c’era la possibilità d’essere segnata, mio marito non ha voluto”.

Un lavoro in nero a 7, massimo 8 euro l’ora. Ovviamente senza contributi né garanzie sanitarie. Una donna invisibile. “Mia sorella fa la donna delle pulizie e ha pochi anni meno di me – prosegue la signora che ha chiesto l’anonimato -, la figlia fa lo stesso lavoro, il marito della figlia pure. E sappiamo cosa possa voler dire essere disoccupati, senza alcuna tutela”. “Il mio lavoro – aggiunge – inizia alle 8 e mezza di mattina e va avanti fino all’una. Riparto poi alle tre del pomeriggio e torno a casa alle 6. In tutto faccio fino a tre case, quattro case al giorno. Nel frattempo devo pure preparare il pranzo e la cena per mio marito, aiutare i figli e sistemare casa mia. Dopo aver stirato i panni e pulito piatti, bagni e pavimenti degli altri. Come vengo pagata? Di settimana in settimana. Da una vita. Cosa speravo da giovane? Una vita diversa”.

Una vita consumata invece appresso agli altri. Uomini e appartamenti. Con le mani spaccate dal freddo e dall’acqua. E con la schiena piegata in due dalla fatica.

“Vorrei dire qualcosa – sottolinea la protagonista del film di Federico Fellini ‘La città delle donne’ -, ma forse è inutile, sorelle. Ancora una volta siamo state ingannate. In modo subdolo. Siamo state generose, accoglienti, materne. Abbiamo parlato, discusso, cantato, esibito i nostri riti, anche i più ingenui. Senza ritegno e senza femminili pudori. Nell’assurda speranza di far capire a chi non può capire, e non vuole capire, quanta libertà, quanta autenticità, quanto amore, quanta vita ci è stata tolta…”.

Daniele Camilli


Video: La testimonianza di Marzia TerriLa testimonianza di Monica De Marchi


Condividi la notizia:
27 novembre, 2020

Coronavirus novembre ... Gli articoli

  1. Studio, musica e infusi... la rinascita del Bistrot del teatro in via Cavour
  2. Oggi 16mila 377 nuovi casi, è il dato più basso dal 22 ottobre
  3. Tre morti, 45 positivi e 148 pazienti guariti
  4. Test rapidi sui bambini, positivi in 125 su 290 tamponi - Il sindaco: "Risultato anomalo"
  5. Scendono i positivi ma non i morti, 11 nell'alto Lazio
  6. "Tullio dialogava con tutte le generazioni, perché sapeva ascoltare..."
  7. È morto il consigliere comunale Tullio Stefanucci
  8. Coronavirus, calano i nuovi casi e i morti
  9. ''Dal primo dicembre drive in operativo ad Acquapendente''
  10. Altri 7 morti, 73 nuovi casi e 108 guariti
  11. Focolaio alla residenza Domus - Nell'alto Lazio 7 morti in un giorno
  12. Coronavirus, calano nuovi casi, morti e guariti
  13. "I soldi ci sono, pronto soccorso e ospedali della Tuscia vanno riaperti"
  14. Quattro morti per Covid nella Tuscia, 90 nuovi contagi e 160 guariti
  15. "Covid, finito il focolaio nella casa di riposo San Francesco"
  16. Arlena è il primo comune della Tuscia a liberarsi del virus
  17. "La casa di riposo torna Covid-free, guarito anche nonno Peppe di 100 anni"
  18. La Tuscia verso i 7mila casi dall'inizio della pandemia, superati i 2mila a Viterbo
  19. Nella Tuscia 214,26 casi ogni 10mila abitanti
  20. Oggi 827 morti, in calo le terapie intensive e i ricoveri
  21. Coronavirus, altri 3 morti e 73 nuovi positivi
  22. "Anziana morta in una casa alloggio, ora tamponi sugli operatori ogni quindici giorni"
  23. Belcolle sempre più ospedale Covid, chiesti altri dieci posti letto alla Santa Teresa
  24. Curva in calo nella Tuscia, gli attualmente positivi sotto quota 3mila
  25. Oltre un milione e mezzo di casi da inizio pandemia, ma scendono i ricoveri in ospedale
  26. Oggi 9 morti e 60 positivi, ma è ancora boom di guariti: 291
  27. "Attualmente positivi dimezzati negli ultimi giorni"
  28. Coronavirus, più di cento morti negli ultimi quaranta giorni
  29. Tamponi rapidi nelle farmacie, a Viterbo non è possibile farli
  30. Nuova discesa degli attuali positivi, quasi 7mila in meno rispetto a ieri
  31. "80 telefonate, 15 interventi e 4 denunce, violenza sulle donne: i dati nella Tuscia"
  32. "Fogli rosa e patenti, scadenze rinviate a fine emergenza Covid"
  33. Altri cinque morti, 46 positivi e 172 guariti
  34. Operatrice scolastica positiva, chiusa l'infanzia di Falerii
  35. Nella Tuscia più guariti che attualmente positivi
  36. Record di morti della seconda ondata, nelle ultime 24 ore sono 853
  37. Mai così tanti guariti in un giorno: 293 - Un morto e 47 nuovi positivi
  38. Arriva il walk-in per i tamponi, funziona come il drive-in ma a piedi
  39. “Dal 25 novembre didattica in presenza per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado”
  40. Viterbo torna sotto i mille attualmente positivi
  41. Oggi 22mila 930 nuovi contagi e 630 morti, superate le 50mila vittime dall'inizio della pandemia
  42. Coronavirus di nuovo sopra quota cento, oggi 101 positivi - Tre i morti: uno aveva 43 anni
  43. "Scuole, il contratto sulla Dad genera solo confusione..."
  44. "Contro certi cretini non si può fare niente..."
  45. In arrivo il macchinario per i test rapidi
  46. Riaprono le scuole a Capranica
  47. Nuova impennata di guariti nella Tuscia - 5 morti nell'alto Lazio
  48. Oggi 562 morti e 28mila 337 casi in più
  49. "Nell’ultima settimana numeri confortanti di positivi in città e nelle scuole"
  50. Tre morti e 98 positivi nella Tuscia, ma salgono i guariti: oggi sono 187
  51. Contagi in calo, i guariti doppiano i nuovi positivi - 6 morti nell'alto Lazio
  52. Il Covid fa altri 692 morti, scende il rapporto positivi-tamponi
  53. "Coronavirus, nel Lazio 2.658 casi, 37 decessi e 491 guariti"
  54. Oggi 73 nuovi positivi e 3 morti
  55. "Capodanno senza Capodanno, l'ultima mazzata per discoteche e indotto"
  56. Cento positivi in meno - Un morto ad Acquapendente, il comune: "Era ricoverato alla Santa Teresa"
  57. Coronavirus, oggi 37mila 242 nuovi casi e 699 morti
  58. Oggi un morto e 79 positivi nella Tuscia, boom di guariti: 173
  59. "Viola la quarantena e accompagna a scuola la figlia con sintomi Covid"
  60. Tre morti in strutture per anziani - Focolaio a Villa Santa Margherita, la Asl: "Pazienti senza sintomi"
  61. Coronavirus, frenata dei decessi (653) e rapporto positivi-tamponi stabile
  62. Altri 5 morti e 92 positivi: 14 a Villa Santa Margherita di Montefiascone
  63. Istituto Stradella, da lunedì riaprono tutte le classi
  64. Coronavirus, quarto drive-in per i tamponi nella Tuscia
  65. Nella Tuscia positivi 13 minori e due maestre - Sedici morti nell'Alto Lazio
  66. Coronavirus, nelle ultime 24 ore 753 morti
  67. "Addio gigante buono, seguiremo sempre il tuo esempio di persona buona e leale"
  68. Nove morti in un giorno, 88 positivi e 149 guariti
  69. "Controlli anti assembramento anche nelle abitazioni di campagna"
  70. Coronavirus, guarito il sindaco Alessandro Giulivi
  71. Cresce il focolaio del monastero di Vitorchiano, contagiate 34 suore
  72. Covid, oltre 300 test rapidi alla scuola media Egidi
  73. Coronavirus, oggi in Italia 731 morti
  74. 83 positivi e 170 guariti - Tre morti, tra cui un'ospite di una casa di riposo
  75. "Oggi 22 positivi a Viterbo e 82 guariti"
  76. "Assembramenti di 50 ragazzi, altre due zone rosse a Tuscania"
  77. Lutto cittadino per l'assessore Cupelli - La famiglia: "Offerte per i reparti Covid di Belcolle"
  78. "Riaprirò le scuole, anche se mi hanno detto che verranno a cercarmi a casa..."
  79. A Belcolle torna la palazzina Covid, diventano 152 i posti letto per i pazienti positivi
  80. Coronavirus, oggi 27mila 354 nuovi casi e 504 morti
  81. 1719 casi oggi a Roma, 245 a Latina, 69 a Frosinone, 156 a Viterbo e 85 a Rieti
  82. Al monastero delle suore trappiste 12 casi
  83. Coronavirus, oggi 156 casi in provincia e due morti
  84. Tamponi, ai drive-in della Tuscia si fanno anche gli antigenici
  85. Coronavirus, il sindaco di Blera in isolamento volontario
  86. "Ho 26 anni e sono una sportiva, ma sto passando giorni infernali..."
  87. "Vediamo assembramenti anche di 30 ragazzi, non è possibile..."
  88. Mercoledì l'addio all'assessore Maurizio Cupelli
  89. Boom di guariti, superano i positivi - A Orte 3 consiglieri e un assessore in isolamento
  90. Coronavirus, in Italia superata la soglia dei 45mila morti totali
  91. "Oggi 2612 casi su 23mila tamponi"
  92. Altri 4 morti e 151 nuovi casi, per 205 guarigione o fine quarantena
  93. "Chiedemmo di far chiudere la domenica il centro commerciale mesi fa, per portare la gente a fare acquisti in città"
  94. Boom di visitatori, ingressi contingetati al borgo vecchio
  95. Tamponi negativi, riaprono le scuole a Blera
  96. Morta ex consigliera comunale a Nepi - 11 vittime in un giorno nell'alto Lazio
  97. Calano contagi e tamponi, stabile il numero dei morti
  98. Oggi 250 nuovi contagi, 7 nella casa di riposo Armonia di Nepi
  99. "Coronavirus, sanzioni dopo i controlli in piazze e negozi"
  100. Positivi in una struttura per anziani di Nepi - Contagiato bimbo di sei mesi
  101. Anche il comune di Marta chiude le scuole - Il sindaco di Capranica: "Noi vorremmo riaprirle ma il virus non ci aiuta"
  102. Coronavirus, superati 40mila nuovi casi nelle ultime 24 ore
  103. Nel Lazio chiuse le grandi strutture di vendita nel weekend e i mercati
  104. Oggi 161 casi e 4 morti, ma è boom di guariti (118)
  105. Campania e Toscana aree rosse - Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche arancioni
  106. "Tamponi rapidi nelle scuole, positivi solo due alunni"
  107. "I giovani non rispettano le regole e portano il virus in famiglia"
  108. Muore a Belcolle a 56 anni - Record di ricoveri nella Tuscia: 125
  109. Il commissario di Montefiascone: "Apprensione per Villa Serena" - Il sindaco di Bomarzo: "Alla Myosotis un nuovo sopralluogo della Asl"
  110. "Coronavirus, a Montefiascone un doloroso bilancio di positivi e vittime"
  111. "Tamponi di massa sugli alunni delle medie"
  112. Oggi quasi 38mila casi e altri 630 morti, ma rallentano i ricoveri
  113. Nuovo record di casi (235) ma in 111 sono guariti - Altri due morti nella Tuscia
  114. "Test antigenico ogni 15 giorni per il personale delle strutture residenziali, ambulatoriali e sanitarie..."
  115. "Corso Italia, i commercianti ormai stanno più a lottare che a lavorare"
  116. Quaranta positivi in un giorno in due Rsa, allarme in una struttura per anziani di Nepi
  117. Coronavirus, superato il milione di casi dall'inizio dell'epidemia
  118. Oggi 167 positivi di cui 25 di Villa Serena e 13 della Rsa Myosotis - Morte altre 5 persone
  119. "Tamponi in ritardo e difficoltà nel controllare le quarantene, altre restrizioni se i contagi aumentano"
  120. "La positività al tampone di controllo non viene conteggiata"
  121. Aumentano i contagi nelle case di riposo - Sei morti, tra cui un 47enne
  122. Coronavirus, oggi 580 morti ma i guariti sono quasi 18mila
  123. 151 nuovi casi, morte due persone ricoverate a Belcolle
  124. "Sono una persona vulnerabile, voglio essere trasferito per non rischiare d'essere contagiato"
  125. Muore a casa 24 ore dopo aver scoperto di essere positiva - Altri due casi alla Myosotis di Bomarzo
  126. "Non può esserci buon cibo dove c'è sfruttamento di manodopera"
  127. Zone gialle, arancioni e rosse: cosa è permesso e cosa è vietato
  128. Nelle ultime 24 ore 25271 nuovi casi e 356 morti
  129. 204 casi, un morto e 35 guariti
  130. Coronavirus, anche oggi un altro morto nella Tuscia
  131. "Tuscia, nel mondo dell'edilizia ci sono più lavoratori in nero che regolari"
  132. “Chi non mette la mascherina è un imbecille, egoista e cretino”
  133. Sette morti in un giorno - 3400 i positivi nella Tuscia
  134. Coronavirus, oggi 32616 nuovi casi e 331 morti
  135. 231 positivi a Latina, 282 a Frosinone, 182 a Viterbo e 14 a Rieti
  136. Cluster alla casa di riposo Villa Fiorentina, 29 positivi e un morto
  137. I positivi arrivano a 182 oggi nella Tuscia e 3 morti
  138. "Risalita dei positivi a Viterbo, oggi 88"
  139. Un morto a Corchiano, 10 positivi a Civita Castellana
  140. "Non dimenticherò mai chi, anche solo con gli occhi, ci mostra la sua gratitudine"
  141. “Contagiato un minore e ancora positiva un’educatrice, l’asilo nido comunale chiuso fino al 24 novembre”
  142. Positivo un assessore - Sospese le visite dei parenti in una casa di riposo
  143. "Covid, la mala gestione dell'emergenza non è colpa del popolo..."
  144. Il Covid sfiora i 40mila nuovi casi, calano leggermente i morti
  145. Coronavirus, operativo l'albergo assistito di Viterbo
  146. Il virus sotto quota cento: oggi 96 casi e un morto
  147. Anche i medici di base potranno fare i test rapidi alle persone
  148. Superati i cento ricoveri, più di mille i guariti
  149. Tutti a casa, alle dieci di sera la città è deserta...
  150. "Covid, linea dura con controlli a tappeto e multe salate"
  151. Oggi 37mila 809 nuovi casi, mai così tanti in 24 ore
  152. Coronavirus, altri due morti e 147 nuovi positivi
  153. Giovani e lavoratori domani in piazza per protestare contro il Dpcm
  154. In isolamento domiciliare, esce per andare a un'asta del Fantacalcio
  155. Scuole medie chiuse fino al 3 dicembre
  156. "Cinquanta casi a Bagnoregio, 34 legati alla casa di riposo San Raffaele Arcangelo"
  157. "Parco comunale off-limits e supermercati chiusi alle 20"
  158. "Positività comunicata solo al termine dei 21 giorni di quarantena"
  159. Coronavirus sempre più nelle famiglie
  160. "Persone in quarantena escono di casa, partite le denunce"
  161. Oltre 34mila casi nelle ultime 24 ore, i positivi salgono a 472mila 348
  162. "Coronavirus, oggi nel Lazio 2.735 positivi, 35 decessi e 293 i guariti"
  163. Coronavirus, 196 positivi e due morti
  164. Dramma case di riposo: un morto a Bagnoregio e casi in altre due strutture
  165. La Asl: "Tanti casi, ma la curva dei contagi resta stabile"
  166. Coprifuoco alle 22, didattica a distanza per le superiori, obbligo di mascherina per elementari e medie
  167. Nuovo Dpcm, Conte spiega cosa si può fare e cosa no nelle tre zone
  168. Altri 30mila contagi e 352 morti, ma con più di 200mila tamponi
  169. "Coronavirus, oggi nel Lazio 2.432 positivi, 34 decessi e 144 i guariti"
  170. Positivi di nuovo sopra quota duecento: oggi 229 casi e tre morti
  171. "Oggi 68 positivi a Viterbo, asili e scuole dell'obbligo restano aperti"
  172. Nella Tuscia 92 ricoverati (11 in terapia intensiva) e 900 guariti
  173. I sindaci chiudono le scuole: "Crescita allarmante dei contagi"
  174. Focolaio nella casa di riposo di Farnese, in 14 sono guariti
  175. Oggi 353 morti, è il numero più alto dal 6 maggio
  176. "Sospesa la didattica in presenza da domani fino al 24 novembre per tutte le scuole di Montefiascone"
  177. Coronavirus: oggi 179 casi e altri 4 morti
  178. "Tarquinia, il prefetto garantisca immediatamente il diritto costituzionale allo studio"
  179. Coronavirus, guarito il sindaco Sandro Giglietti
  180. "Virus inarrestabile, terrorizzato dall'idea che bambini e ragazzi lo stiano portando in famiglia"
  181. Scuole chiuse anche a Capranica dopo il boom di casi
  182. "Quel virus che dite che non esiste si è portato via mio padre"
  183. Il virus ha toccato tutti i comuni della Tuscia
  184. Oggi 22mila 253 nuovi casi, ma con oltre 47mila tamponi in meno rispetto a ieri
  185. I casi continuano a salire, oggi 233 positivi e 4 persone morte
  186. Boom di casi a Viterbo, oggi 79 - Il sindaco: "Chiudo anche le scuole dell'obbligo"
  187. Centri commerciali chiusi nei fine settimana e coprifuoco anticipato
  188. "Chiusura nei festivi e prefestivi dei centri commerciali, stop anche ai musei"
  189. Covid, morto a 65 anni l'ex presidente della Confesercenti
  190. Leggi anti Covid, il Cosmonauta a Pianoscarano rischia di chiudere
  191. Scuole a ostacoli, a Orte tutte chiuse oggi e domani
  192. Covid nell'alto Lazio, 318 nuovi casi - Morte tre donne di Bagnoregio, Valentano e Arlena
  193. Coronavirus, 25 positivi alla scuola sottufficiali dell'esercito
  194. "Due morti di Covid nella Tuscia e 2351 nuovi casi nel Lazio"
  195. Oggi 29mila 907 nuovi casi e 208 morti
  196. Morte due donne, impennata dei positivi, oggi 226
  197. Positivo bimbo di un anno e altri 23 minorenni

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR