Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Vittorio Sgarbi scrive a Tusciaweb a proposito di... cessi e gabinetti

“Io seduto sul water? Manco per sogno…”

Condividi la notizia:

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata a Tusciaweb da parte di Vittorio Sgarbi, in replica all’articolo pubblicato il 20 novembre: Vittorio Sgarbi sul water, scarica Sutri?. Insomma, l’illustre professore scrive a Tusciaweb a proposito di… cessi e gabinetti. – 

Illustre direttore, non conoscevo le manifeste doti divinatorie dei suoi giornalisti, ma ne ho dovuto prendere atto nei giorni scorsi leggendo uno stucchevole articolo «Vittorio Sgarbi sul water, scarica Sutri», a firma di tale Giuseppe Ferlicca, il quale sostiene che io fossi «seduto sul water».


Vittorio Sgarbi collegato dal bagno

Vittorio Sgarbi collegato dal bagno – Clicca sulle foto per ingrandire e capire chi dice il falso


Ho rivisto più volte il video di quella diretta e mi (vi) chiedo in base a quale dettaglio o elemento oggettivo, considerato che l’operatore ha ripreso solo il mio volto, egli sia potuto giungere a una così lapidaria certezza. Forse che il Ferlicca in passato si è occupato di arredi sanitari? Forse che, arrampicatosi al quarto piano, il Ferlicca stava a spiare dalla finestra della mia abitazione romana?


Vittorio Sgarbi collegato dal bagno

Vittorio Sgarbi collegato dal bagno


Comunque, per sciogliere l’arcano mistero, le invio, perché il suo giornale possa debitamente rettificare la falsa notizia, 2 foto relative al mio Ufficio di “gabinetto” della residenza; come si potrà verificare, quello che il suo collaboratore ha ritenuto fosse il water, è semplicemente il bordo della vasca da bagno!


Vittorio Sgarbi collegato dal bagno

Vittorio Sgarbi collegato dal bagno


Ovviamente, qualora la mia spiegazione non fosse ritenuta sufficiente, invito il Ferlicca per un sopralluogo tecnico; dall’alto della sua esperienza potrà agevolmente verificare lo stato dei luoghi e ristabilire la verità, invece che, come purtroppo è avvenuto, trasformare una supposizione in un fatto. Ovviamente gli raccomando l’uso della mascherina. Ma solo per ragioni legate al Covid, s’intende.

Cordiali saluti Vittorio Sgarbi


Nessuna dote divinatoria e nemmeno una prestanza fisica tale da consentirmi di arrampicarmi fino al quarto piano e spiare Sgarbi al cesso, o al suo ufficio gabinetto che dir si voglia.

E non ho nemmeno un passato negli arredi sanitari. Chissà, magari in futuro. Più banalmente, osservare il collegamento video mi ha portato a ritenere come un bottone dello sciacquone che si vede proprio dietro Vittorio Sgarbi, o anche la tavoletta sempre dietro il sindaco, indicassero il punto dove il primo cittadino fosse seduto. Sul water.

Mentre la vasca da bagno, sempre nel video, appare alla destra di Sgarbi, non dietro e soprattutto più distante. Separata da un muro.

Ma siccome Sgarbi sostiene che fosse altrove seduto, a questo punto l’invito a effettuare un sopralluogo si rivela provvidenziale per chiarire un dubbio che diversamente mi guasterà il sonno per i prossimi mesi.

Un dubbio che sfortunatamente la foto inviata non fuga. Manca proprio la parte dove c’è il water. O presunto tale. Si vede, invece, che la carta igienica è finita. Rotolo esaurito a bordo vasca. Nota per Sgarbi, passare al supermercato.


Vittorio Sgarbi collegato dal bagno

Il bagno di Sgarbi


Non è fondamentale sapere chi sta seduto dove, non è un gran dibattito da affrontare e non era nemmeno il fulcro dell’articolo.

Il pezzo metteva in relazione lo scarico (del water) con una domanda sul futuro dello stesso Sgarbi come sindaco di Sutri, se arriverà o meno a fine mandato. Tanto che il titolo era: Vittorio Sgarbi sul water, scarica Sutri? (Col punto interrogativo, perché non ho nessuna dote divinatoria, vale la pena ribadirlo).

C’era un po’ d’ironia. Non colta, ma qui la colpa evidentemente è di chi scrive. E meglio così, perché se pure Sgarbi avesse perso il senso dell’ironia staremmo messi proprio male.

Nel frattempo mi sto preparando sui vespasiani, sperando d’avere presto lo spunto per associarli a qualche altro articolo. Confidando d’avere maggiore fortuna.

Tale Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
24 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR