Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Pesaro - Denunciati il titolare e altre tre persone con l'accusa di intestazioni fittizie di beni

“Sto Coronavirus è proprio un buon affare”, sequestrata ditta di sanificazioni

Condividi la notizia:

Sanificazione

Sanificazione

Pesaro – “Sto Coronavirus è stato proprio un buon affare”. Così definiva la pandemia di Sars-Cov-2, il gestore di un’azienda di sanificazioni, ignaro di essere intercettato perché tra i soggetti già colpiti da sorveglianza speciale per camorra.

La società è stata posta sotto sequestro mentre l’uomo e altre tre persone sono stati denunciati nell’ambito dell’inchiesta “Dirty cleaning”, coordinata dalla procura di Rimini e finalizzata al contrasto di intestazioni fittizie di beni e tentativi di infiltrazione della criminalità nell’economia legale della provincia romagnola.

La ditta di pulizie, secondo quanto emerso, avrebbe avuto tra i suoi committenti bar, ristoranti e alberghi che dopo il lockdown per poter riaprire dovevano sanificare i locali dall’eventuale presenza di Coron. In quel momento, i fatturati della società con sede a Pesaro e, secondo l’accusa, intestata a un prestanome, sarebbero decollati. Così sono scattate le verifiche delle fiamme gialle, che hanno portato all’esecuzione del decreto di sequestro preventivo della ditta.

Quattro le persone indagate a vario titolo per intestazione fittizia, tra cui il gestore intercettato. Diverse le perquisizioni a Pesaro, Rimini e anche Trento.


Condividi la notizia:
19 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR