Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Unitus - Il 30 novembre dalle 14 alle 16 sulla piattaforma Zoom con la partecipazione del console generale d’Italia a Canton Lucia Pasqualini

Un seminario sulla Cina nel mondo dell’economia e della diplomazia

Condividi la notizia:

Alessandro Sterpa

Alessandro Sterpa

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Rilievo economico, diplomatico, strategico: su ogni fronte, il peso della Cina nel quadro geopolitico appare in aumento. Quali sono le radici di questa crescita? E le conseguenze, per lo scenario globale e per l’Italia in particolare?

L’Università degli Studi della Tuscia accoglie in un evento a distanza Lucia Pasqualini, console generale d’Italia a Canton. Il seminario si terrà il prossimo 30 novembre dalle 14 alle 16 sulla piattaforma Zoom (per registrarsi, scrivere ad alessandra.coiante@unitus.it).

Il seminario, dal titolo “La Cina nella dinamica globale: economia, diplomazia e strategia per il futuro”, è promosso dal Corso di Laurea in Scienze politiche e delle Relazioni internazionali e vedrà anche la partecipazione di docenti dell’Università.

All’incontro, coordinato dal professor Alessandro Sterpa (Professore di Diritto pubblico e Delegato del Rettore all’innovazione istituzionale), interverrà anche il professor Sante Cruciani (Professore di Storia delle Relazioni internazionali ed esponente del Centro studi europei e internazionali (CSEI).

Sono previsti indirizzi di saluto da parte del rettore Stefano Ubertini e della coordinatrice del Corso di studi, professoressa Flaminia Saccà.

Durante questo periodo di grandi difficoltà logistiche, l’Università non si è mai fermata e non si ferma neppure ora: il seminario, infatti, s’inserisce in una fitta trama di appuntamenti a distanza che permettono agli studenti – e in generale agli interessati – di trovare spazi per una migliore comprensione delle sfide della contemporaneità.

Con la Cina l’ateneo viterbese coltiva da tempo relazioni intense e proficue, come testimoniato da ultimo dal dono di 1500 mascherine da parte di un istituto di ricerca cinese nel marzo scorso, oltre alle numerose attività di ricerca congiunte.

Università della Tuscia


Condividi la notizia:
27 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR