Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Lo chiede il presidente della Confesercenti di Viterbo Vincenzo Peparello - Un intervento per mitigare lo squilibrio nella concorrenza in seguito alle restrizioni anti-Covid

“Una web tax per riequilibrare il divario tra vendite in negozio e quelle on line”

Condividi la notizia:

Vincenzo Peparello, presidente Confesercenti Viterbo

Vincenzo Peparello, presidente Confesercenti Viterbo

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Accogliamo positivamente l’annuncio, da parte della regione Piemonte, dell’introduzione di una web tax. È un intervento concreto per mitigare lo squilibrio nella concorrenza venutosi a creare tra web e negozi in seguito alle restrizioni anti-Covid. Ora serve un intervento a livello nazionale.

La situazione di sofferenza delle imprese del commercio è ulteriormente aggravata dalla sperequazione delle condizioni che si realizzano tra negozi “fisici” e commercio online. Mentre l’attività dei primi è sospesa, il canale delle vendite web di fatto agisce e opera in condizioni di monopolio.

La scorsa settimana abbiamo chiesto all’Antitrust di valutare la questione: la nostra segnalazione è stata presa in esame, e ci aspettiamo una risposta in tempi brevi.

Il mancato accordo sullo spostamento del black friday è stato una delusione per gli imprenditori, anche a fronte della disponibilità delle piattaforme on line. Un fallimento che rende sempre più urgente trovare una soluzione alternativa per dare a tutti un’equa possibilità di competere.

La posizione di Vincenzo Peparello, presidente della Confesercenti di Viterbo e membro della presidenza nazionale, è in sintonia con quella nazionale.

“E’ da seguire l’esempio della regione Piemonte – dichiara Peparello -. Una tassa di scopo sulle vendite web, se applicata a livello nazionale, potrebbe essere un modo efficiente e sostenibile per raggiungere l’obiettivo. Anche per finanziare la digitalizzazione delle micro e piccole imprese, accelerando la ripresa e aumentando la capacità di resilienza del nostro tessuto imprenditoriale”.

“La tassa, peraltro – conclude Peparello – servirebbe a riequilibrare il divario tra le vendite in negozio e quelle on line”.

Confesercenti


Condividi la notizia:
26 novembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR