Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Secondo Eurispes è in 44esima posizione - Lo strumento valuta il potenziale di un'infiltrazione della criminalità organizzata nel territorio

Mafie, la Tuscia nella fascia medio-alta dell’indice di permeabilità

Condividi la notizia:


Eurispes - L'indice di permeabilità della criminalità organizzata in Italia

Eurispes – L’indice di permeabilità della criminalità organizzata in Italia – Clicca sull’immagine per ingrandire

Viterbo – (a.c.) – La provincia di Viterbo nella fascia medio-alta dell’Ipco, l’Indice di permeabilità alla criminalità organizzata 2020 stilato da Eurispes.

Secondo la classifica pubblicata dall’istituto di ricerca, la Tuscia occupa la 44esima posizione della graduatoria nazionale, con un punteggio di 100,70.

All’interno della fascia medio-alta di permeabilità alle organizzazioni mafiose ci sono anche tutte le altre province del Lazio e la confinante provincia umbra di Terni. Siena e Grosseto, cioè i due territori della Toscana a contatto con la Tuscia, sono rispettivamente in fascia bassa e medio-bassa.

Eurispes spiega che, per ottenere l’indice, sono stati utilizzati “163 indicatori elementari, raggruppati in 19 indicatori compositi, scelti seguendo l’obiettivo dell’indice: quantificare la permeabilità all’infiltrazione criminale e non la presenza diretta”.

Quindi, l’indice elaborato dall’istituto di ricerca è uno strumento che serve a valutare “gli aspetti del territorio collegati a una potenziale infiltrazione criminale” e “non l’effettiva penetrazione” delle organizzazioni mafiose sul territorio.


Condividi la notizia:
16 dicembre, 2020

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR