Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Coronavirus - Il presidente eletto Joe Biden promette maggiori sussidi per gli americani: "Abbiamo bisogno di arrivare a 2mila dollari"

“600 dollari non sono abbastanza quando devi scegliere se pagare l’affitto o sfamare la tua famiglia”

immobiliari-560x80-presentazione--trova-la-tua-casa

Condividi la notizia:

Washington – “È chiaro che 600 dollari non sono abbastanza, quando devi scegliere se pagare l’affitto o sfamare la tua famiglia. Abbiamo bisogno di 2mila dollari di sussidi”. La promessa di dare una nuova spinta all’economia e nuovi aiuti gli americani colpiti dalla crisi del Covid-19 arriva direttamente dal presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden.

Joe Biden, che si insedierà ufficialmente il prossimo 20 gennaio, ha promesso di attuare rapidamente un massiccio piano di stimolo per l’economia statunitense che dovrebbe includere un pagamento diretto di 2.000 dollari – invece degli attuali 600 – per famiglia, un aumento del salario minimo a 15 dollari all’ora e più in generale stimoli per diversi miliardi di dollari.

A condividere su Twitter il post di Biden anche Bernie Sanders, senatore per lo stato del Vermont e già componente della camera dei rappresentanti. “Il presidente eletto ha assolutamente ragione. 600 dollari non sono abbastanza per la classe operaia americana, che lotta tra pagare l’affitto e portare il cibo sulla tavola – commenta Sanders, che nel 2020 ha concorso alle primarie del partito democratico -. Il nostro primo obiettivo deve essere fai salire i sussidi a 2000 dollari e dare maggiori ristori legati al Covid-19”.


Condividi la notizia:
11 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR