Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Uganda - Sarebbero affette da displasia scheletrica - Gli studiosi: "Sono straordinariamente rare" - VIDEO

Avvistate due giraffe nane, sono alte poco più di un cavallo

Condividi la notizia:


Uganda – Dimentichiamo per un attimo le giraffe alte, con il collo slanciato e le gambe lunghissime. Quelle individuate in Africa sono completamente diverse: sono due rarissimi esemplari di giraffe nane, talmente uniche dall’aver spiazzato anche gli scienziati. “È affascinante quello che hanno scoperto i nostri ricercatori sul campo –  ha detto alla Reuters Julian Fennessy, co-fondatrice della Giraffe Conservation Foundation – . Siamo rimasti molto sorpresi”.


Gimli e Nigel - Le due giraffe affette da nanismo

Gimli e Nigel – Le due giraffe affette da nanismo


Le adorabili Gimli e Nigel sono bassine e hanno le gambe tozze. Alte circa 2,7 metri, le due giraffe nane hanno una stazza circa la metà dei loro simili: sarebbero alte poco più di un cavallo. Gimil è stata avvistata per la prima volta nel 2015 nel Murchison Falls National Park Safari in Uganda e Nigel nel 2018 è stata trovata in una fattoria privata nel centro della Namibia.

Di recente, uno studio ne ha calcolato le dimensioni esatte, rivelando che i due esemplari sono affetti da nanismo: entrambe le giraffe sembrano essere affette da displasia scheletrica, una rara malattia genetica che causa nanismo e altri disturbi dello sviluppo. Le displasie scheletriche influenzano lo sviluppo e la crescita della cartilagine, delle ossa e delle articolazioni, causando ossa di forma anomala, soprattutto nella testa, nella colonna vertebrale e nelle ossa lunghe delle braccia e delle gambe.

Secondo una dichiarazione della Giraffe Conservation Foundation, questa è la prima volta che tale condizione è documentata nelle giraffe in cattività o selvatiche. “Animali selvatici con questi tipi di displasie scheletriche sono straordinariamente rare”, ha detto l’autore principale dello studio, il biologo della conservazione Michael Brown.

Gli scienziati hanno pubblicato i loro risultati a dicembre sulla rivista BMC Research Notes.


Condividi la notizia:
21 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR