Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civita Castellana - I ragazzi del liceo artistico chiedono il rientro in presenza

Dad davanti a scuola, la protesta di due studenti del Midossi

di Samuele Sansonetti

Condividi la notizia:


WhatsApp-Image-2021-01-13-at-09.18.58
WhatsApp-Image-2021-01-13-at-09.18.58-(1)

Civita Castellana – Nemmeno il freddo li ha fermati.

Questa mattina due studenti del Midossi si sono seduti davanti al cancello del liceo artistico per seguire le lezioni a distanza.

Nonostante una temperatura di poco superiore allo zero i ragazzi hanno aperto tavolo e pc in segno di protesta proprio contro la dad.

La richiesta dei giovani, affidata anche a un cartello che recitava “Dovremmo essere a scuola”, è quella del rientro in presenza che per il momento, nel Lazio, avverrà in maniera graduale a partire da lunedì 18 gennaio.

A intervenire sull’argomento, nei giorni scorsi, l’assessore regionale Claudio Di Berardino, dopo aver incontrato una delegazione del coordinamento “Priorità alla scuola” che riunisce genitori, studenti e docenti delle scuole secondarie.

“Da parte nostra abbiamo sottolineato l’importante lavoro svolto nelle ultime settimane, in raccordo con le prefetture, l’ufficio scolastico regionale, le organizzazioni sindacali e l’associazione presidi per assicurare una ripresa delle attività in presenza per le scuole superiori – ha spiegato l’assessore al Lavoro, Scuola e Formazione -. Abbiamo ricordato la serie di azioni, dal potenziamento del trasporto pubblico ai test gratuiti e senza prescrizione per tutti gli studenti.

A questi macro interventi si uniscono la riduzione della durata dell’orario delle singole lezioni, il doppio ingresso con scaglioni all’60% e 40%, il monitoraggio costante sull’andamento epidemiologico sulla popolazione scolastica.

Per noi il tema della scuola e della didattica in presenza rimane centrale al di là dell’emergenza. L’emanazione della nostra ordinanza, che prevede la ripresa per le scuole secondarie superiori il 18 gennaio, è stata dovuta esclusivamente alla necessità di tutela della salute pubblica”.

Samuele Sansonetti


 

 

 

 

 

 

 


Condividi la notizia:
13 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR