Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Scorie radioattive - Intervista al fisico matematico e fondatore di Legambiente, Massimo Scalia

“Deposito nazionale, dare alle comunità 60 giorni per le osservazioni non è corretto”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo – “Questa carta nazionale sta nel cassetto da 5 anni. Quello che non trovo corretto è che si diano solo 60 giorni agli stakeholder per fare delle osservazioni. La pubblicazione della carta resta comunque un passaggio obbligato”. Massimo Scalia è tra i padri dell’ambientalismo scientifico e il fondatore di Legambiente. Fisico matematico con una cattedra alla Sapienza di Roma, Scalia è stato il primo presidente della Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti e uno dei principali organizzatori delle battaglie contro il nucleare che, a partire da Montalto di Castro negli anni ’70, hanno portato ai referendum del 1987 e del 2011.


Massimo Scalia

Il fisico matematico Massimo Scalia


La questione è quella del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e nucleari con le aree idonee individuate dal governo e rese note una settimana fa. Tra queste anche diverse zone in 8 comuni della Tuscia. Ieri l’incontro organizzato dalla provincia di Viterbo.


Deposito scorie radioattive - Le aree idonee nel Viterbese

Deposito scorie radioattive – Le aree idonee nel Viterbese


Professor Scalia, cosa ne pensa del deposito nazionale di rifiuti radioattivi e nucleari?
“Che si debba fare un deposito nazionale lo dico da tempo”. 

E secondo lei le aree idonee ad ospitarlo andavano comunicate in questa maniera, di punto in bianco, dando poi un ristretto margine di decisione alle comunità locali?
“Questa carta nazionale sta nel cassetto da 5 anni. Quello che non trovo corretto è che si diano solo 60 giorni agli stakeholder per fare delle osservazioni. La pubblicazione della carta resta comunque un passaggio obbligato. Inoltre il deposito nazionale è previsto, e secondo me ragionevolmente, è previsto innanzitutto dalla normativa europea. Infine, in Italia ad oggi c’è una geografia abbastanza diffusa dei rifiuti radioattivi e nucleari ed è bene che invece se ne recuperi il controllo in un unico sito nazionale. Si parla poi di un deposito a bassa e media attività”. 

Che significa deposito a bassa e media attività?
“Significa che quasi il 90% di quello che andrà a finire nel deposito nazionale è lo smantellamento degli impianti  nucleari. Ci sono anche i rifiuti sanitari che però costituiscono un insieme minore. La parte però più consistente saranno i pezzi provenienti dalle centrali. Caldaie, tubazioni, pezzi di reattore, cementi contaminati e altro ancora. Tutta questa roba va smantellata, fatta a pezzi, bidonata in maniera opportuna e ogni ‘confezione’, chiamiamola così, di rifiuti radioattivi che ne viene fuori deve avere una vita media non superiore ai 30 anni. E se la vita media è di 30, ciò vuol dire che da qui a dieci anni la radioattività si è ridotta a quella del suolo. Dunque il deposito nazionale deve custodire queste scorie per 300 anni, passati i quali non c’è più bisogno di custodirle perché la radioattività è stata ridotta al lumicino, di fatto non c’è più”. 


Scorie nucleari

Scorie nucleari


Che impatto ambientale avrebbe sul territorio un deposito del genere?
“Un sito ben fatto ha un impatto molto basso”. 

Dal punto di vista dell’immagine, invece l’impatto quale sarebbe?
“Sarebbe rilevante. La carta pubblicata ha seguito dei criteri tecnici rigorosi. Bisogna però anche vedere il contesto sociale e culturale che caratterizza un territorio. E’ ovvio che ognuno dirà che la sua area è preziosissima e non si può fare niente. Però ci sono delle differenze, da territorio a territorio. Ci vuole infatti non solo il criterio tecnico, doveroso e necessario, ma bisogna allargare la visione anche a un contesto più ampio”.

E la Tuscia ha un contesto storico, artistico e ambientale di tutto rispetto…
“La Tuscia la conosco benissimo. Da 40 anni. E per me è anche un luogo molto caro, per le battaglie contro il nucleare che ho vissuto direttamente. In Italia è complicato non invocare le peculiarità paesistiche. Il nostro paese è tutto bello. Quando facemmo la battaglia contro il nucleare, noi approfondimmo e rispondemmo punto per punto ad ogni aspetto della vicenda. A partire dalle analisi che erano state fatte sul sito dove doveva sorgere la centrale, a Montalto di Castro. Ad esempio, ci concentrammo sugli aspetti sismici della zona. Per quanto riguarda il deposito, adesso bisogna vedere sito per sito le analisi che sono state condotte e fare le osservazioni alla Sogin. Entro 60 giorni. Anche se 60 giorni, lo ripeto, sono pochi. Ce ne vorrebbero di più. Dopodiché cercherei motivazioni molto di merito su come viene fatto il deposito e su come è stato scelto. Tenuto conto che tutti i siti individuati sono in posti belli e tutti possono invocare la peculiarità del proprio territorio. Ad esempio, per quanto riguarda l’aspetto sismico, a Fukushima l’incidente nucleare c’è stato non per il terremoto, ma perché il terremoto ha fatto crollare la linea elettrica. Non so se è chiaro. L’edificio ha resistito divinamente. Le scelte sono sempre complicate e mai semplici. Un deposito è un oggetto del tutto gestibile in sicurezza e qualora ci fosse un terremoto non gli succederebbe niente. Anche in Italia si possono costruire edifici anti sismici alla grande. 

Quindi, come si dovrebbero muoversi comunità locali e istituzioni per fare le giuste osservazioni?
“Le motivazioni dei comitati e delle istituzioni di solito sono storiche e tradizionali. Dalle battaglie del passato sono passati più di 40 anni. Adesso bisogna lavorare di fino e avere argomenti piuttosto forti”.


Deposito scorie radioattive - Lo stoccaggio

Deposito scorie radioattive – Lo stoccaggio


Leggendo la normativa riguardante il deposito nazionale, l’impressione che si ha è che le comunità locali abbiamo un ruolo marginale. Soprattutto dal punto di vista decisionale. Sembra che il loro ruolo sia più che altro consultivo, e basta. Secondo lei è così?
“Questo è un argomento importante. Le comunità locali devono essere coinvolti nel processo che porta alla decisione su dove fare il deposito nazionale. E le popolazioni devono essere informati attraverso una serie di passaggi che in qualche modo sono previsti. Passaggi che si devono completare in capo a un anno. E ogni decisione deve essere ampiamente socializzata. Poi le decisioni vanno prese a maggioranza”. 

Le comunità locali hanno la possibilità di contrapporsi alla decisione di fare il deposito sul loro territorio?
“Sì. Di fronte alla contrapposizione, il presidente della Repubblica fa un decreto che riavvia il dibattito. E solo alla fine, dopo circa un anno, il governo può arrivare a un decreto di realizzazione”.

Quindi il governo può imporsi sulla volontà di una comunità locale…
“Sì. Però prima c’è un percorso piuttosto lungo. Bisogna trovare sempre il giusto livello di equilibrio tra le comunità locali e l’esigenza di fare il deposito nazionale”. 


Scorie nucleari

Scorie nucleari


I siti già presenti, che già contengono rifiuti nucleari, non possono andar bene già di suo per ospitare il deposito?
“Molti di questi siti sono vecchi di decenni, e vanno pure messi in sicurezza. Altro che caricarli con altra roba. E sicuramente anche le comunità che gli stanno attorno non la prenderebbero bene. Già gli hanno costruito la centrale, adesso uno gli porta pure i rifiuti da altre parti. Penso anche che quelle comunità risponderebbero che loro ‘hanno già dato'”. 

In Italia, dopo due referendum a distanza di tanti anni l’uno dall’altro, l’ipotesi del nucleare è definitivamente tramontata?
“Mi piacerebbe risponderle di no, perché così mi divertirei a sconfiggerlo per una terza volta. Ma il nucleare è defunto e non conta più niente. Non è affatto strategico dal punto di vista energetico. Già la rivista Forbes nel 1986 diceva che il nucleare è il più colossale fallimento dell’era industriale. Inoltre il rendimento energetico di una centrale nucleare è al massimo del 40% e ciò significa che il restante 60 non viene utilizzato. Non solo, ma il nucleare si coniuga sempre a una gestione autoritaria del consenso, come in Cina. Il nucleare vuole una struttura di lavoro verticistica ed esclusiva. Nessuno può toccare niente e tutti devono obbedire ai comandi”.

Daniele Camilli


Condividi la notizia:
12 gennaio, 2021

Scorie nucleari nella Tuscia ... Gli articoli

  1. "Depositi di scorie, incolmabile la distanza tra le realtà territoriali e le istituzioni"
  2. Scorie nucleari nel Lazio, il Consiglio regionale dice no
  3. “Scorie nucleari, passa all’unanimità il mio odg contro l’ipotesi che la Tuscia ospiti il sito”
  4. No al deposito scorie radioattive nella Tuscia e in tutto il Lazio
  5. Nasce il Comitato per la salvaguardia del territorio di Corchiano e della Tuscia
  6. "Il consiglio comunale ha detto no all'unanimità al deposito di scorie nucleari"
  7. "Rifiuti radioattivi nella Tuscia, infondate le accuse di Gioventù Nazionale a Zingaretti"
  8. "Il deposito nazionale di rifiuti è un'ipotesi scellerata..."
  9. "Più che dei rifiuti nucleari, abbiamo paura di chi potrebbe gestirli..."
  10. "Dubbi e riserve sui siti ritenuti idonei a ospitare rifiuti radioattivi"
  11. “Ci sono zone con caratteristiche migliori rispetto alla Tuscia”
  12. "Basta col vittimismo, gli amministratori seri propongono soluzioni confrontabili..."
  13. "La Tuscia ha già concesso tanto senza ricevere niente, adesso basta"
  14. "Proposta di proroga per l’elaborazione delle osservazioni e tavolo tecnico permanente a difesa del territorio"
  15. “Deposito scorie nucleari, presenterò un emendamento per chiedere di allungare i tempi di consultazione”
  16. "Fondamentale che si uniscano tutte le forze per far valere le nostre peculiarità e potenzialità"
  17. "Ho presentato un odg in consiglio regionale contro il deposito dei rifiuti radioattivi"
  18. "La provincia di Viterbo non è idonea a un deposito di scorie nucleari"
  19. “Nessuna decisione presa, il confronto parte ora”
  20. "Nessun comune ospiterà il deposito dei rifiuti radioattivi se non lo vuole"
  21. "Vanno messe in moto tutte le iniziative per tutelare il territorio"
  22. Non è ipocrisia, i rifiuti nucleari sono una potenziale minaccia per la salute...
  23. "Montalto è un paese agricolo: no a stupri ambientali"
  24. "Il no alle scorie nucleari nella Tuscia è forte e senza colore politico"
  25. "Scorie nucleari, Benni condivida la riunione in provincia con tutto il consiglio comunale"
  26. "L'amministrazione comunale si impegni a dire no alle scorie a Tarquinia"
  27. Riccardo Valentini: "Scorie radioattive, poco chiari i criteri di scelta della aree adatte"
  28. "Referendum territoriale sulle scorie nucleari, noi ci siamo"
  29. "Scorie, un referendum popolare contro il deposito nazionale"
  30. "Scorie, esiste una enorme ipocrisia e una colpevole superficialità in questo dibattito..."
  31. "Nel deposito nazionale quattro diverse barriere e materiali garantiti per 350 anni"
  32. "Scorie nucleari, interrogazione di Rotelli in commissione ambiente"
  33. Pontuale (Pd): "Contrari al deposito di rifiuti radioattivi, ma no allarmismi"
  34. "No alle scorie radioattive nella Tuscia", superate le 15mila firme in 48 ore
  35. "Stoccaggio rifiuti radioattivi nel viterbese, situazione potrebbe creare problema di ordine pubblico"
  36. "Scorie nucleari, l'ipoteca sul futuro della Tuscia va fermata a tutti i costi"
  37. "Deposito rifiuti nucleari, ai territori non si possono solo imporre sacrifici..."
  38. "La Tuscia ha investito nella cultura, nell'ambiente e nel turismo, no alle scorie nucleari"
  39. "Il Lazio non può permettersi un sito di scorie nucleari nella Tuscia"
  40. "Scorie nucleari nella Tuscia, Zingaretti non poteva non sapere"
  41. "La Tuscia deve sviluppare il turismo, non diventare un deposito di scorie radioattive"
  42. "La proposta di deposito dei rifiuti radioattivi a Montalto è offensiva e irragionevole"
  43. "Il M5s legga bene le dichiarazioni, da Lorenzoni solo un attacco al nostro territorio"
  44. Deposito di scorie radioattive vicino a monumenti naturali e parchi nazionali della Tuscia
  45. 11mila firme in 24 ore per dire "No alle scorie radioattive nella Tuscia"
  46. "Deposito nazionale, se mettiamo i rifiuti radioattivi uccidiamo la Tuscia"
  47. "Battistoni dimentica che nel 2010 il suo partito faceva del nucleare il suo cavallo di battaglia?"
  48. "Contro le scorie nucleari arriva la task force di avvocati del Codacons"
  49. "Canino è zona archeologica e ha prodotti Dop, le scorie nucleari qui no"
  50. "Il nostro territorio giudicato 'molto buono' per ospitare le scorie, serve una grande battaglia di tutti"
  51. Novelli: "La comunità caninese contraria allo stoccaggio di rifiuti nucleari"
  52. "La Tuscia non deve diventare la pattumiera d'Italia"
  53. Giampieri (FdI): "Ordine del giorno in ogni consiglio comunale contro deposito nucleare"
  54. "Tutti i comuni della Maremma si uniscano nella lotta alle scorie nucleari"
  55. "I siti individuati confinano con monumenti naturali e parchi nazionali"
  56. "Come giustificare un deposito di scorie radioattive in aree a vocazione agricola e turistica?"
  57. "Pronti a mobilitazioni per esprimere il nostro dissenso"
  58. "Sembra un vizio, ieri le centrali geotermiche e oggi le scorie radioattive"
  59. "Invece di promuovere il turismo ci chiedono di far diventare le nostre terre discariche nucleari"
  60. "Scorie radioattive, difenderemo il territorio dall’ennesimo tentativo di stupro"
  61. "No ai rifiuti tossici in un territorio con già due centrali"
  62. "Completa indifferenza nello svendere un'intera comunità"
  63. Non sarebbe opportuno che i depositi radioattivi fossero distribuiti equamente?
  64. Deposito di scorie radioattive, la Tuscia il territorio con più aree idonee in Italia
  65. Cgil, Cisl, Uil: "Fermamente contrari al deposito di rifiuti radioattivi nella Tuscia"
  66. "L’idea che la Tuscia possa ospitare siti di rifiuti radioattivi è inconcepibile"
  67. "Rifiuti radioattivi, preoccupano i 22 potenziali siti nella Tuscia"
  68. Scorie nella Tuscia, "Scelta scellerata, pronti a fare delle barricate per difendere il nostro amato paese"
  69. Deposito scorie, "La Tuscia minacciata dal piano governativo, urge mobilitazione"
  70. "Una forte cooperazione contro le scorie nucleari nella Tuscia"
  71. "Scorie nella Tuscia, pronti a occupare le zone di deposito e a non pagare le tasse sui terreni danneggiati"
  72. "No alla Tuscia come deposito di scorie, difendiamo il turismo e il nostro patrimonio"
  73. "Scorie radioattive nella Tuscia, la politica si unisca nel dire 'no'"
  74. "Contrari alle scorie radioattive, Montalto di Castro ha già dato tanto"
  75. "Scorie nucleari nella Tuscia, ipotesi grave e irresponsabile"
  76. "Fermo no a qualunque iniziativa che insista con un impatto ambientale sul territorio"
  77. "No alle scorie nucleari, impediremo che ciò avvenga anche con azioni eclatanti"
  78. Parenti (Confagricoltura): "Tuscia ideale per agricoltura e turismo, non per scorie nucleari"
  79. "Scorie nucleari a Montalto di Castro? No grazie, il nostro comune non è in vendita"
  80. "Il governo tuteli l'ambiente del territorio anziché mortificarlo"
  81. Astorre: "Deposito rifiuti radioattivi, il Viterbese non territorio è adatto"
  82. "Anche noi dalla parte dei contrari"
  83. "Inquietante sadismo contro il nostro territorio"
  84. "Sosterrò Giulivi in ogni iniziativa per sventare questo progetto"
  85. Bendetti (Pd): "La Tuscia per le sue caratteristiche non può e non deve ospitare scorie"
  86. "Scorie nucleari? No, grazie!"
  87. Biodistretto Via Amerina: "Opposizione senza se e senza ma ai depositi radioattivi"
  88. "Il Lazio non può sostenere un ulteriore aggravio delle condizioni ambientali"
  89. Leoni (Rifondazione comunista): "Rifiuti radioattivi nella Tuscia? Siamo allarmati"
  90. "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non può ospitare il deposito nazionale"
  91. "Deposito rifiuti radioattivi ci preoccupano anche se non comprende Carbognano"
  92. Scorie radioattive nella Tuscia, lunedì call conference organizzata dalla Provincia
  93. "Forza Italia in prima linea contro scelta sito di stoccaggio radioattivo"
  94. "Inaccettabile un deposito di scorie nucleari nei comuni della Tuscia"
  95. "Scorie radioattive nella Tuscia: idea assurda"
  96. "Scorie radioattive, faremo di tutto per difendere il nostro territorio"
  97. "Ci opporremo con ogni mezzo"
  98. "Scorie nucleari nel viterbese, ci opporremo in tutte le sedi"
  99. "Lotteremo con tutte le forze affinché venga rispettata la salute dei cittadini"
  100. "Rifiuti radioattivi, possibilità nefasta per la comunità e per il suo sviluppo"
  101. Otto comuni della Tuscia tra le aree idonee al deposito di rifiuti radioattivi
  102. Confartigianato: "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non deve essere pattumiera d'Italia"
  103. "Inquietante che la Tuscia possa ospitare il deposito nazionale delle scorie radioattive"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR