Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Sara De Luca (Fai Cisl): "Facciamo appello a tutte le istituzioni a battersi contro questa scelta" - On line una petizione promossa dal sindaco di Bagnoregio

“Deposito nazionale, se mettiamo i rifiuti radioattivi uccidiamo la Tuscia”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:

Viterbo – “Se mettiamo i rifiuti radioattivi, uccidiamo la Tuscia”. Dopo la presa di posizione delle confederazioni, iniziano a scendere in campo anche le categorie dei lavoratori. A partire dai Fai Cisl della segretaria territoriale Sara De Luca.

L’altro giorno la pubblicazione delle zone idonee ad ospitare un deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e un parco tecnologico, “che permetterà – scrive il ministero dell’ambiente in una nota – di sistemare in via definitiva i rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività”. Le aree individuate sono in tutto 67, di queste 8 sono nella Tuscia: Ischia di Castro, Montalto di Castro, Canino, Tuscania, Tarquinia, Vignanello, Gallese e Corchiano.


Viterbo - La segretaria della Fai Cisl Sara De Luca

Viterbo – La segretaria della Fai Cisl Sara De Luca


Immediatamente dopo, una sfilza di organizzazioni hanno manifestato la propria contrarietà. Compresi tutti e tre i sindacati confederali, Cgil, Cisl e Uil, con l’intervento dei rispettivi segretari, Stefania Pomante, Fortunato Mannino e Giancarlo Turchetti.

La pubblicazione della Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) da parte della Sogin, società di stato che si occupa degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi, “di fatto dà l’avvio – scrive il ministero dell’ambiente – alla fase di consultazione dei documenti per la durata di due mesi, all’esito della quale si terrà, nell’arco dei 4 mesi successivi, il seminario nazionale. Sarà questo l’avvio del dibattito pubblico vero e proprio che vedrà la partecipazione di enti locali, associazioni di categoria, sindacati, università ed enti di ricerca, durante il quale saranno approfonditi tutti gli aspetti, inclusi i possibili benefici economici e di sviluppo territoriale connessi alla realizzazione delle opere”.


Viterbo - I sindacalisti Fortunato Mannino (Cisl), Giancarlo Turchetti (Uil) e Stefania Pomante (Cgil)

Viterbo – I sindacalisti Fortunato Mannino (Cisl), Giancarlo Turchetti (Uil) e Stefania Pomante (Cgil)


“In base alle osservazioni e alla discussione nel seminario nazionale – prosegue il ministero – Sogin aggiornerà la Cnapi, che verrà nuovamente sottoposta ai pareri del ministero dello sviluppo economico, dell’ente di controllo Isin, del ministero dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare e del ministero delle infrastrutture e dei trasporti. In base a questi pareri, il ministero dello sviluppo economico convaliderà la versione definitiva della Carta, ovvero la Cnai, la Carta nazionale delle aree idonee. La Cnai sarà il risultato dell’aggiornamento della Cnapi sulla base dei contributi emersi durante la consultazione pubblica. Sarà una procedura fortemente partecipata e trasparente, condotta coinvolgendo gli amministratori e i cittadini tutti, e al termine della quale potranno pervenire le candidature dei comuni”.

“Il deposito nazionale e il parco tecnologico – aggiunge la nota del ministero – saranno costruiti in un’area di circa 150 ettari, di cui 110 dedicati al deposito e 40 al parco. Il deposito avrà una struttura a matrioska. Nel dettaglio, all’interno di 90 costruzioni in calcestruzzo armato, dette celle, verranno collocati grandi contenitori in calcestruzzo speciale, i moduli, che racchiuderanno a loro volta i contenitori metallici con all’interno i rifiuti radioattivi già condizionati. In totale circa 78 mila metri cubi di rifiuti a bassa e media attività: si tratta dei rifiuti provenienti dal mondo civile e in special modo da quello medico e ospedaliero, dalle sostanze radioattive usate per la diagnosi clinica, per le terapie anti tumorali, ad esempio, da tutte quelle attività di medicina nucleare che costituiscono ormai il nostro quotidiano”.


Deposito scorie radioattive - Le aree idonee nel Viterbese

Deposito scorie radioattive – Le aree idonee nel Viterbese


“Noi viviamo soprattutto di turismo e di agricoltura – commenta De Luca -. Se mettiamo rifiuti radioattivi uccidiamo la Tuscia e l’immagine che diamo non inviterebbe più i turisti a venire sul nostro territorio. Noi viviamo di qualità ed eccellenza e dobbiamo tutelarle. Facciamo appello a tutte le istituzioni a battersi contro questa scelta”.


Campagna

Una campagna della Tuscia


Nel frattempo c’è on line una petizione promossa dal sindaco di Bagnoregio Luca Profili e indirizzata alla presidenza del consiglio dei ministri. 

“Sogin, la società pubblica che ha il compito di smantellare le centrali nucleari presenti in Italia e di mettere in sicurezza i rifiuti radioattivi provenienti dalle attività industriali, di ricerca e di medicina nucleare – sta scritto nella petizione – ha pubblicato la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee, ovvero un elenco dei siti dove potrebbero essere sistemati in via definitiva i rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività. Tra questi siti, alcuni ricadono nella zona della Tuscia, nei comuni di Ischia di Castro, Montalto di Castro, Canino, Tuscania, Tarquinia, Vignanello, Gallese, Corchiano. Un altro schiaffo a questo nostro territorio bellissimo. Dobbiamo impedirlo con tutte le nostre forze!”. 

Fino a ieri sera hanno firmato la petizioni oltre 11 mila utenti internet.


Rifiuti nucleari nella Tuscia - La tabella della Sogin

Rifiuti nucleari nella Tuscia – La tabella della Sogin


“Non distruggiamo il mosaico agroalimentare e le politica turistiche – conclude Sara De Luca -. Se cominciamo a parlare di rifiuti, mettiamo a rischio la presenza di turisti e tutto quello che è stato costruito in questa direzione nel corso degli anni. In termini di presenza e di qualità”.

Daniele Camilli 


Condividi la notizia:
7 gennaio, 2021

Scorie nucleari nella Tuscia ... Gli articoli

  1. Nasce il Comitato per la salvaguardia del territorio di Corchiano e della Tuscia
  2. "Il consiglio comunale ha detto no all'unanimità al deposito di scorie nucleari"
  3. "Rifiuti radioattivi nella Tuscia, infondate le accuse di Gioventù Nazionale a Zingaretti"
  4. "Il deposito nazionale di rifiuti è un'ipotesi scellerata..."
  5. "Più che dei rifiuti nucleari, abbiamo paura di chi potrebbe gestirli..."
  6. "Dubbi e riserve sui siti ritenuti idonei a ospitare rifiuti radioattivi"
  7. “Ci sono zone con caratteristiche migliori rispetto alla Tuscia”
  8. "Basta col vittimismo, gli amministratori seri propongono soluzioni confrontabili..."
  9. "La Tuscia ha già concesso tanto senza ricevere niente, adesso basta"
  10. "Deposito nazionale, dare alle comunità 60 giorni per le osservazioni non è corretto"
  11. "Proposta di proroga per l’elaborazione delle osservazioni e tavolo tecnico permanente a difesa del territorio"
  12. “Deposito scorie nucleari, presenterò un emendamento per chiedere di allungare i tempi di consultazione”
  13. "Fondamentale che si uniscano tutte le forze per far valere le nostre peculiarità e potenzialità"
  14. "Ho presentato un odg in consiglio regionale contro il deposito dei rifiuti radioattivi"
  15. "La provincia di Viterbo non è idonea a un deposito di scorie nucleari"
  16. “Nessuna decisione presa, il confronto parte ora”
  17. "Nessun comune ospiterà il deposito dei rifiuti radioattivi se non lo vuole"
  18. "Vanno messe in moto tutte le iniziative per tutelare il territorio"
  19. Non è ipocrisia, i rifiuti nucleari sono una potenziale minaccia per la salute...
  20. "Montalto è un paese agricolo: no a stupri ambientali"
  21. "Il no alle scorie nucleari nella Tuscia è forte e senza colore politico"
  22. "Scorie nucleari, Benni condivida la riunione in provincia con tutto il consiglio comunale"
  23. "L'amministrazione comunale si impegni a dire no alle scorie a Tarquinia"
  24. Riccardo Valentini: "Scorie radioattive, poco chiari i criteri di scelta della aree adatte"
  25. "Referendum territoriale sulle scorie nucleari, noi ci siamo"
  26. "Scorie, un referendum popolare contro il deposito nazionale"
  27. "Scorie, esiste una enorme ipocrisia e una colpevole superficialità in questo dibattito..."
  28. "Nel deposito nazionale quattro diverse barriere e materiali garantiti per 350 anni"
  29. "Scorie nucleari, interrogazione di Rotelli in commissione ambiente"
  30. Pontuale (Pd): "Contrari al deposito di rifiuti radioattivi, ma no allarmismi"
  31. "No alle scorie radioattive nella Tuscia", superate le 15mila firme in 48 ore
  32. "Stoccaggio rifiuti radioattivi nel viterbese, situazione potrebbe creare problema di ordine pubblico"
  33. "Scorie nucleari, l'ipoteca sul futuro della Tuscia va fermata a tutti i costi"
  34. "Deposito rifiuti nucleari, ai territori non si possono solo imporre sacrifici..."
  35. "La Tuscia ha investito nella cultura, nell'ambiente e nel turismo, no alle scorie nucleari"
  36. "Il Lazio non può permettersi un sito di scorie nucleari nella Tuscia"
  37. "Scorie nucleari nella Tuscia, Zingaretti non poteva non sapere"
  38. "La Tuscia deve sviluppare il turismo, non diventare un deposito di scorie radioattive"
  39. "La proposta di deposito dei rifiuti radioattivi a Montalto è offensiva e irragionevole"
  40. "Il M5s legga bene le dichiarazioni, da Lorenzoni solo un attacco al nostro territorio"
  41. Deposito di scorie radioattive vicino a monumenti naturali e parchi nazionali della Tuscia
  42. 11mila firme in 24 ore per dire "No alle scorie radioattive nella Tuscia"
  43. "Battistoni dimentica che nel 2010 il suo partito faceva del nucleare il suo cavallo di battaglia?"
  44. "Contro le scorie nucleari arriva la task force di avvocati del Codacons"
  45. "Canino è zona archeologica e ha prodotti Dop, le scorie nucleari qui no"
  46. "Il nostro territorio giudicato 'molto buono' per ospitare le scorie, serve una grande battaglia di tutti"
  47. Novelli: "La comunità caninese contraria allo stoccaggio di rifiuti nucleari"
  48. "La Tuscia non deve diventare la pattumiera d'Italia"
  49. Giampieri (FdI): "Ordine del giorno in ogni consiglio comunale contro deposito nucleare"
  50. "Tutti i comuni della Maremma si uniscano nella lotta alle scorie nucleari"
  51. "I siti individuati confinano con monumenti naturali e parchi nazionali"
  52. "Come giustificare un deposito di scorie radioattive in aree a vocazione agricola e turistica?"
  53. "Pronti a mobilitazioni per esprimere il nostro dissenso"
  54. "Sembra un vizio, ieri le centrali geotermiche e oggi le scorie radioattive"
  55. "Invece di promuovere il turismo ci chiedono di far diventare le nostre terre discariche nucleari"
  56. "Scorie radioattive, difenderemo il territorio dall’ennesimo tentativo di stupro"
  57. "No ai rifiuti tossici in un territorio con già due centrali"
  58. "Completa indifferenza nello svendere un'intera comunità"
  59. Non sarebbe opportuno che i depositi radioattivi fossero distribuiti equamente?
  60. Deposito di scorie radioattive, la Tuscia il territorio con più aree idonee in Italia
  61. Cgil, Cisl, Uil: "Fermamente contrari al deposito di rifiuti radioattivi nella Tuscia"
  62. "L’idea che la Tuscia possa ospitare siti di rifiuti radioattivi è inconcepibile"
  63. "Rifiuti radioattivi, preoccupano i 22 potenziali siti nella Tuscia"
  64. Scorie nella Tuscia, "Scelta scellerata, pronti a fare delle barricate per difendere il nostro amato paese"
  65. Deposito scorie, "La Tuscia minacciata dal piano governativo, urge mobilitazione"
  66. "Una forte cooperazione contro le scorie nucleari nella Tuscia"
  67. "Scorie nella Tuscia, pronti a occupare le zone di deposito e a non pagare le tasse sui terreni danneggiati"
  68. "No alla Tuscia come deposito di scorie, difendiamo il turismo e il nostro patrimonio"
  69. "Scorie radioattive nella Tuscia, la politica si unisca nel dire 'no'"
  70. "Contrari alle scorie radioattive, Montalto di Castro ha già dato tanto"
  71. "Scorie nucleari nella Tuscia, ipotesi grave e irresponsabile"
  72. "Fermo no a qualunque iniziativa che insista con un impatto ambientale sul territorio"
  73. "No alle scorie nucleari, impediremo che ciò avvenga anche con azioni eclatanti"
  74. Parenti (Confagricoltura): "Tuscia ideale per agricoltura e turismo, non per scorie nucleari"
  75. "Scorie nucleari a Montalto di Castro? No grazie, il nostro comune non è in vendita"
  76. "Il governo tuteli l'ambiente del territorio anziché mortificarlo"
  77. Astorre: "Deposito rifiuti radioattivi, il Viterbese non territorio è adatto"
  78. "Anche noi dalla parte dei contrari"
  79. "Inquietante sadismo contro il nostro territorio"
  80. "Sosterrò Giulivi in ogni iniziativa per sventare questo progetto"
  81. Bendetti (Pd): "La Tuscia per le sue caratteristiche non può e non deve ospitare scorie"
  82. "Scorie nucleari? No, grazie!"
  83. Biodistretto Via Amerina: "Opposizione senza se e senza ma ai depositi radioattivi"
  84. "Il Lazio non può sostenere un ulteriore aggravio delle condizioni ambientali"
  85. Leoni (Rifondazione comunista): "Rifiuti radioattivi nella Tuscia? Siamo allarmati"
  86. "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non può ospitare il deposito nazionale"
  87. "Deposito rifiuti radioattivi ci preoccupano anche se non comprende Carbognano"
  88. Scorie radioattive nella Tuscia, lunedì call conference organizzata dalla Provincia
  89. "Forza Italia in prima linea contro scelta sito di stoccaggio radioattivo"
  90. "Inaccettabile un deposito di scorie nucleari nei comuni della Tuscia"
  91. "Scorie radioattive nella Tuscia: idea assurda"
  92. "Scorie radioattive, faremo di tutto per difendere il nostro territorio"
  93. "Ci opporremo con ogni mezzo"
  94. "Scorie nucleari nel viterbese, ci opporremo in tutte le sedi"
  95. "Lotteremo con tutte le forze affinché venga rispettata la salute dei cittadini"
  96. "Rifiuti radioattivi, possibilità nefasta per la comunità e per il suo sviluppo"
  97. Otto comuni della Tuscia tra le aree idonee al deposito di rifiuti radioattivi
  98. Confartigianato: "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non deve essere pattumiera d'Italia"
  99. "Inquietante che la Tuscia possa ospitare il deposito nazionale delle scorie radioattive"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR