Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ambiente - Ben 22 le zone nel territorio provinciale - Dopo la consultazione pubblica con regioni ed enti locali servirà il consenso della comunità per proseguire

Deposito di scorie radioattive, la Tuscia il territorio con più aree idonee in Italia

di Elisa Cappelli

Condividi la notizia:


Viterbo – Deposito di scorie radioattive, la Tuscia il territorio con più zone idonee.

Un primato, quello che si è aggiudicato la provincia, che da ieri ha fatto discutere il mondo politico, le associazioni ambientaliste, le organizzazioni economiche e agricole.

Ieri  il sito della Sogin (società incaricata della gestione del nucleare) ha pubblicato l’elenco delle città che potrebbero ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani.

Sono 67 le zone in Italia che soddisfano i criteri stabiliti cinque anni fa e riportati nella Cnapi (Carta delle aree potenzialmente idonee). La maggior parte se le è “aggiudicate” la Tuscia: 8 i comuni coinvolti maggiormente, 22 le aree considerate più o meno idonee su cui insisterebbe il deposito.


Deposito scorie radioattive - Le aree idonee nel Viterbese

Deposito scorie radioattive – Le aree idonee nel Viterbese


La mappa pubblicata suddivide le zone papabili a seconda della fattibilità: verde smeraldo (zone più idonee), verde chiaro (zone di livello buono), celeste (isole), giallo (zone meno adeguate ma comunque di possibile realizzazione).

Fra le 22 in provincia di Viterbo ci sono: Ischia di Castro, Canino-Cellere-Ischia di Castro, due lotti a Canino, Tessennano-Tuscania, Arlena di Castro-Piansano-Tuscania, Piansano-Tuscania, Tuscania, un’altra area Canino-Montalto, Arlena di Castro-Tessennano-Tuscania, Arlena di Castro-Tuscania 1 e 2, Tarquinia-Tuscania, Soriano nel Cimino, Soriano nel Cimino-Vasanello-Vignanello, Gallese-Vignanello, Corchiano-Gallese.

Nei sessanta giorni successivi alla pubblicazione (5 gennaio, ndr) ci sarà la consultazione pubblica con regioni ed enti locali. Servirà il consenso della comunità per proseguire e arrivare alle manifestazioni d’interesse. Trovato l’accordo potrebbero trascorrere almeno 4 anni per costruire deposito e parco.


Deposito scorie radioattive - Le aree idonee nel Viterbese

Deposito scorie radioattive – Le aree idonee nel Viterbese


Alla notizia dell’idoneità della Tuscia, sono stati in tanti nel mondo politico, nel mondo ambientalista e nel mondo delle organizzazioni economiche e politiche, a prendere una posizione decisa e a dire no.

Tant’è che per lunedì 11 gennaio è stata organizzata una call conference tra i sindaci della provincia di Viterbo per discutere della questione e capire come muoversi.


Il presidente della provincia Pietro Nocchi

Il presidente della provincia Pietro Nocchi


La riunione è stata organizzata dalla provincia con l’interessamento del consigliere regionale Enrico Panunzi che ieri ha espresso tutta la sua contrarietà: “Non sono favorevole all’ipotesi che la Tuscia possa ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani”.

C’è tempo 4 mesi per presentare tutte le osservazioni. L’obiettivo è “dimostrare che, nella Tuscia – ha spiegato Panunzi – non ci sono le condizioni per ospitare un sito di stoccaggio: da quelle ambientali, con un territorio che ha già dato ospitando sul litorale a poca distanza le centrali elettriche di Montalto di Castro e Civitavecchia (Roma), a quelle paesaggistiche e colturali, con zone di notevole pregio naturalistico o a fortissima vocazione agricola; da quelle infrastrutturali, che non sono rispondenti a un trasporto sicuro di questo tipo di rifiuti, a quelle culturali e artistiche, da sempre un vanto della provincia di Viterbo”.


Enrico Panunzi

Enrico Panunzi


Alla call conference di lunedì parteciperanno anche il sottosegretario all’Ambiente, Roberto Morassut, e l’assessore regionale per il Ciclo dei rifiuti e impianti di trattamento, Massimiliano Valeriani.

“Dei circa 95 mila metri cubi di rifiuti radioattivi che saranno conferiti al deposito – si legge sul sito della Sogin -, il 60% deriverà dall’esercizio e lo smantellamento degli impianti nucleari, mentre il restante 40% dalle attività di medicina nucleare, industriali e di ricerca”.


Deposito scorie radioattive - Le fasi di stoccaggio

Deposito scorie radioattive – Le fasi di stoccaggio


I rifiuti avranno tre barriere. La prima barriera condizionerà i rifiuti radioattivi con una matrice cementizia dentro dei contenitori metallici. 

I contenitori verranno inseriti nella seconda barriera formata da dei moduli di calcestruzzo speciale pensati per resistere oltre 300 anni. I moduli, a loro volta, verranno inseriti in celle di cemento armato che verranno sigillate e che andrebbero a rappresentare la terza barriera. Anch’essa pensata per resistere oltre 300 anni.

Il tutto verrà ricoperto con più strati di materiale studiato per prevenire le infiltrazioni d’acqua.


Le zone idonee in Italia

Toscana-Lazio: 24 zone tra le province di Siena, Grosseto e Viterbo (Comuni di Pienza, Campagnatico, Ischia e Montalto di Castro, Canino, Tuscania, Tarquinia, Vignanello, Gallese, Corchiano)

Piemonte: 8 zone tra le province di Torino e Alessandria (Comuni di Caluso, Mazzè, Rondissone, Carmagnola, Alessandria, Quargento, Bosco Marengo e così via)

Basilicata_Puglia: 17 zone tra le province di Potenza, Matera, Bari, Taranto (comuni di Genzano, Irsina, Acerenza, Oppido Lucano, Gravina, Altamura, Matera, Laterza, Bernalda, Montalbano, Montescaglioso)

Sardegna: 14 aree tra le zone in provincia di Oristano (Siapiccia, Albagiara, Assolo, Usellus, Mogorella, Villa Sant’Antonio, Nuragus, Nurri, Genuri, Setzu, Turri, Pauli Arbarei, Ortacesus, Guasila, Segariu, Villamar, Gergei e altri)

Sicilia: 4 aree nelle province di Trapani, Palermo, Caltanissetta (Comuni di Trapani, Calatafimi, Segesta, Castellana, Petralia, Butera).

Elisa Cappelli


Articoli: Otto comuni della Tuscia tra le aree idonee al deposito di rifiuti radioattivi – Scorie radioattive nella Tuscia, lunedì call conference organizzata dalla Provincia  – Lorenzoni (M5s): “Battistoni dimentica che nel 2010 il suo partito faceva del nucleare il suo cavallo di battaglia?”  -Novelli: “La comunità caninese contraria allo stoccaggio di rifiuti nucleari”  – Giampieri (FdI): “Ordine del giorno in ogni consiglio comunale contro deposito nucleare” – Cgil, Cisl, Uil: “Fermamente contrari al deposito di rifiuti radioattivi nella Tuscia” – Italia Nostra e Forum ambientalista: “Completa indifferenza nello svendere un’intera comunità” – Fdi Tarquinia: “No ai rifiuti tossici in un territorio con già due centrali” – Orizzonte Lazio: “Scorie radioattive, difenderemo il territorio dall’ennesimo tentativo di stupro” – Bordo: “Invece di promuovere il turismo ci chiedono di far diventare le nostre terre discariche nucleari” – Dottarelli: “Sembra un vizio, ieri le centrali geotermiche e oggi le scorie radioattive” – Assonautica: “Pronti a mobilitazioni per esprimere il nostro dissenso” – Ghinassi: “Come giustificare un deposito di scorie radioattive in aree a vocazione agricola e turistica?” – Corchiano, Gallese e Vignanello: “I siti individuati confinano con monumenti naturali e parchi nazionali” – Comune di Capalbio: “Tutti i comuni della Maremma si uniscano nella lotta alle scorie nucleari” – M5s Montalto di Castro: “Deposito nazionale di rifiuti radioattivi, il nostro territorio ha già dato troppo” – Bigiotti (Anci Lazio): “La Tuscia non deve diventare la pattumiera d’Italia” – Ceccarelli: “Bisogna essere uniti, compatti e decisi nel difendere il nostro territorio” – Ass. Montalto e Pescia legate insieme: “Il nostro territorio giudicato ‘molto buono’ per ospitare le scorie, serve una grande battaglia di tutti” – Forza Italia Canino: “Canino è zona archeologica e ha prodotti Dop, le scorie nucleari qui no” – Cisal: “La Tuscia condannata a diventare la pattumiera del nucleare nazionale” – Codacons: “Contro le scorie nucleari arriva la task force di avvocati”


Condividi la notizia:
6 gennaio, 2021

Scorie nucleari nella Tuscia ... Gli articoli

  1. Nasce il Comitato per la salvaguardia del territorio di Corchiano e della Tuscia
  2. "Il consiglio comunale ha detto no all'unanimità al deposito di scorie nucleari"
  3. "Rifiuti radioattivi nella Tuscia, infondate le accuse di Gioventù Nazionale a Zingaretti"
  4. "Il deposito nazionale di rifiuti è un'ipotesi scellerata..."
  5. "Più che dei rifiuti nucleari, abbiamo paura di chi potrebbe gestirli..."
  6. "Dubbi e riserve sui siti ritenuti idonei a ospitare rifiuti radioattivi"
  7. “Ci sono zone con caratteristiche migliori rispetto alla Tuscia”
  8. "Basta col vittimismo, gli amministratori seri propongono soluzioni confrontabili..."
  9. "La Tuscia ha già concesso tanto senza ricevere niente, adesso basta"
  10. "Deposito nazionale, dare alle comunità 60 giorni per le osservazioni non è corretto"
  11. "Proposta di proroga per l’elaborazione delle osservazioni e tavolo tecnico permanente a difesa del territorio"
  12. “Deposito scorie nucleari, presenterò un emendamento per chiedere di allungare i tempi di consultazione”
  13. "Fondamentale che si uniscano tutte le forze per far valere le nostre peculiarità e potenzialità"
  14. "Ho presentato un odg in consiglio regionale contro il deposito dei rifiuti radioattivi"
  15. "La provincia di Viterbo non è idonea a un deposito di scorie nucleari"
  16. “Nessuna decisione presa, il confronto parte ora”
  17. "Nessun comune ospiterà il deposito dei rifiuti radioattivi se non lo vuole"
  18. "Vanno messe in moto tutte le iniziative per tutelare il territorio"
  19. Non è ipocrisia, i rifiuti nucleari sono una potenziale minaccia per la salute...
  20. "Montalto è un paese agricolo: no a stupri ambientali"
  21. "Il no alle scorie nucleari nella Tuscia è forte e senza colore politico"
  22. "Scorie nucleari, Benni condivida la riunione in provincia con tutto il consiglio comunale"
  23. "L'amministrazione comunale si impegni a dire no alle scorie a Tarquinia"
  24. Riccardo Valentini: "Scorie radioattive, poco chiari i criteri di scelta della aree adatte"
  25. "Referendum territoriale sulle scorie nucleari, noi ci siamo"
  26. "Scorie, un referendum popolare contro il deposito nazionale"
  27. "Scorie, esiste una enorme ipocrisia e una colpevole superficialità in questo dibattito..."
  28. "Nel deposito nazionale quattro diverse barriere e materiali garantiti per 350 anni"
  29. "Scorie nucleari, interrogazione di Rotelli in commissione ambiente"
  30. Pontuale (Pd): "Contrari al deposito di rifiuti radioattivi, ma no allarmismi"
  31. "No alle scorie radioattive nella Tuscia", superate le 15mila firme in 48 ore
  32. "Stoccaggio rifiuti radioattivi nel viterbese, situazione potrebbe creare problema di ordine pubblico"
  33. "Scorie nucleari, l'ipoteca sul futuro della Tuscia va fermata a tutti i costi"
  34. "Deposito rifiuti nucleari, ai territori non si possono solo imporre sacrifici..."
  35. "La Tuscia ha investito nella cultura, nell'ambiente e nel turismo, no alle scorie nucleari"
  36. "Il Lazio non può permettersi un sito di scorie nucleari nella Tuscia"
  37. "Scorie nucleari nella Tuscia, Zingaretti non poteva non sapere"
  38. "La Tuscia deve sviluppare il turismo, non diventare un deposito di scorie radioattive"
  39. "La proposta di deposito dei rifiuti radioattivi a Montalto è offensiva e irragionevole"
  40. "Il M5s legga bene le dichiarazioni, da Lorenzoni solo un attacco al nostro territorio"
  41. Deposito di scorie radioattive vicino a monumenti naturali e parchi nazionali della Tuscia
  42. 11mila firme in 24 ore per dire "No alle scorie radioattive nella Tuscia"
  43. "Deposito nazionale, se mettiamo i rifiuti radioattivi uccidiamo la Tuscia"
  44. "Battistoni dimentica che nel 2010 il suo partito faceva del nucleare il suo cavallo di battaglia?"
  45. "Contro le scorie nucleari arriva la task force di avvocati del Codacons"
  46. "Canino è zona archeologica e ha prodotti Dop, le scorie nucleari qui no"
  47. "Il nostro territorio giudicato 'molto buono' per ospitare le scorie, serve una grande battaglia di tutti"
  48. Novelli: "La comunità caninese contraria allo stoccaggio di rifiuti nucleari"
  49. "La Tuscia non deve diventare la pattumiera d'Italia"
  50. Giampieri (FdI): "Ordine del giorno in ogni consiglio comunale contro deposito nucleare"
  51. "Tutti i comuni della Maremma si uniscano nella lotta alle scorie nucleari"
  52. "I siti individuati confinano con monumenti naturali e parchi nazionali"
  53. "Come giustificare un deposito di scorie radioattive in aree a vocazione agricola e turistica?"
  54. "Pronti a mobilitazioni per esprimere il nostro dissenso"
  55. "Sembra un vizio, ieri le centrali geotermiche e oggi le scorie radioattive"
  56. "Invece di promuovere il turismo ci chiedono di far diventare le nostre terre discariche nucleari"
  57. "Scorie radioattive, difenderemo il territorio dall’ennesimo tentativo di stupro"
  58. "No ai rifiuti tossici in un territorio con già due centrali"
  59. "Completa indifferenza nello svendere un'intera comunità"
  60. Non sarebbe opportuno che i depositi radioattivi fossero distribuiti equamente?
  61. Cgil, Cisl, Uil: "Fermamente contrari al deposito di rifiuti radioattivi nella Tuscia"
  62. "L’idea che la Tuscia possa ospitare siti di rifiuti radioattivi è inconcepibile"
  63. "Rifiuti radioattivi, preoccupano i 22 potenziali siti nella Tuscia"
  64. Scorie nella Tuscia, "Scelta scellerata, pronti a fare delle barricate per difendere il nostro amato paese"
  65. Deposito scorie, "La Tuscia minacciata dal piano governativo, urge mobilitazione"
  66. "Una forte cooperazione contro le scorie nucleari nella Tuscia"
  67. "Scorie nella Tuscia, pronti a occupare le zone di deposito e a non pagare le tasse sui terreni danneggiati"
  68. "No alla Tuscia come deposito di scorie, difendiamo il turismo e il nostro patrimonio"
  69. "Scorie radioattive nella Tuscia, la politica si unisca nel dire 'no'"
  70. "Contrari alle scorie radioattive, Montalto di Castro ha già dato tanto"
  71. "Scorie nucleari nella Tuscia, ipotesi grave e irresponsabile"
  72. "Fermo no a qualunque iniziativa che insista con un impatto ambientale sul territorio"
  73. "No alle scorie nucleari, impediremo che ciò avvenga anche con azioni eclatanti"
  74. Parenti (Confagricoltura): "Tuscia ideale per agricoltura e turismo, non per scorie nucleari"
  75. "Scorie nucleari a Montalto di Castro? No grazie, il nostro comune non è in vendita"
  76. "Il governo tuteli l'ambiente del territorio anziché mortificarlo"
  77. Astorre: "Deposito rifiuti radioattivi, il Viterbese non territorio è adatto"
  78. "Anche noi dalla parte dei contrari"
  79. "Inquietante sadismo contro il nostro territorio"
  80. "Sosterrò Giulivi in ogni iniziativa per sventare questo progetto"
  81. Bendetti (Pd): "La Tuscia per le sue caratteristiche non può e non deve ospitare scorie"
  82. "Scorie nucleari? No, grazie!"
  83. Biodistretto Via Amerina: "Opposizione senza se e senza ma ai depositi radioattivi"
  84. "Il Lazio non può sostenere un ulteriore aggravio delle condizioni ambientali"
  85. Leoni (Rifondazione comunista): "Rifiuti radioattivi nella Tuscia? Siamo allarmati"
  86. "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non può ospitare il deposito nazionale"
  87. "Deposito rifiuti radioattivi ci preoccupano anche se non comprende Carbognano"
  88. Scorie radioattive nella Tuscia, lunedì call conference organizzata dalla Provincia
  89. "Forza Italia in prima linea contro scelta sito di stoccaggio radioattivo"
  90. "Inaccettabile un deposito di scorie nucleari nei comuni della Tuscia"
  91. "Scorie radioattive nella Tuscia: idea assurda"
  92. "Scorie radioattive, faremo di tutto per difendere il nostro territorio"
  93. "Ci opporremo con ogni mezzo"
  94. "Scorie nucleari nel viterbese, ci opporremo in tutte le sedi"
  95. "Lotteremo con tutte le forze affinché venga rispettata la salute dei cittadini"
  96. "Rifiuti radioattivi, possibilità nefasta per la comunità e per il suo sviluppo"
  97. Otto comuni della Tuscia tra le aree idonee al deposito di rifiuti radioattivi
  98. Confartigianato: "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non deve essere pattumiera d'Italia"
  99. "Inquietante che la Tuscia possa ospitare il deposito nazionale delle scorie radioattive"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR