Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tarquinia - Il sindaco Alessandro Giulivi preoccupato alla notizia che alcuni comuni della Tuscia potrebbero ospitare depositi di rifiuti radioattivi

“No alle scorie nucleari, impediremo che ciò avvenga anche con azioni eclatanti”

Condividi la notizia:


Alessandro Giulivi

Alessandro Giulivi

Tarquinia – Riceviamo e pubblichiamo – Abbiamo tutti appreso dai giornali questa mattina che Tarquinia insieme ad altri comuni della Tuscia rientrerebbe nella lista dei siti scelti per il deposito nazionale delle scorie nucleari.

Se la notizia fosse ufficiale e confermata non esiteremo ad impedire che ciò avvenga, coinvolgendo anche tutti i comitati che da sempre si battono in difesa dell’ambiente, con ogni mezzo a nostra disposizione anche con azioni eclatanti.

E’ il quinto giorno dell’anno, di un Italia, di un paese, in piena emergenza sanitaria, ma il gioco di scegliere territori da distruggere ambientalmente parlando, in questa nazione e soprattutto in questa regione, sembra non terminare mai. E dopo gli inceneritori, i mega impianti di fotovoltaico, oggi è il giorno dei rifiuti radioattivi. Un’altra battaglia che siamo pronti a combattere per difendere la salute dei nostri cittadini.

Siamo veramente stanchi di dover contrastare ogni giorno questi assurdi progetti, non solo distruttivi per i nostri territori, ma privi di qualsiasi confronto con gli amministratori locali e con i nostri cittadini.

Se ci sono rifiuti radioattivi da smaltire, qualcuno ne produce o ne ha prodotti, non mi risulta che il comune di Tarquinia sia tra questi o che ci siano aziende private di questo tipo.

Da quello che si legge infatti, la Sogin, società che si occupa dello smantellamento delle vecchie centrali, ha tenuto un consiglio straordinario lo scorso 31 dicembre, una data prediletta per i consigli straordinari, perché si sa, tra una lucetta di Natale e un brindisi di fine anno, il rischio di non avere gli occhi puntati addosso è forse minore.

Ma questa volta i fuochi di Capodanno hanno illuminato l’ennesima “storia all’Italiana” infatti… da ciò che è scritto su queste testate nazionali qualche giorno fa i ministeri dello Sviluppo economico e quello dell’Ambiente hanno finalmente dato il “nulla osta” alla pubblicazione della mappa, tenuta segreta per tutto questo tempo nei cassetti della Sogin.

Dalla pubblicazione del 5 gennaio inizia il processo che nel giro di qualche anno porterà alla localizzazione del sito che in un primo momento dovrà contenere 78 mila metri cubi di rifiuti a bassa e media intensità e poi anche 17 mila metri cubi ad alta attività, questi ultimi per un massimo di 50 anni (per poi essere sistemati in un deposito geologico di profondità di cui al momento poco si sa).

Per il deposito e il parco tecnologico è prevista una spesa di 900 milioni di euro, che saranno prelevati dalle componenti della bolletta elettrica pagata dai consumatori.

Attualmente quello che abbiamo potuto apprendere è solo questo. Innanzitutto voglio capire immediatamente l’ufficialità di queste notizie, che mi auguro non arrivi ed ho già iniziato il dialogo con gli amministratori interessati dalla “Mappa Radiotattiva” per elaborare una strategia univoca di contrasto alle decisioni intraprese.

Ho inoltre dato mandato agli uffici del comune di Tarquinia di redigere una delibera da portare al prossimo consiglio comunale dove esprimeremo ancora una volta il nostro no a questo tipo di decisioni e ribadiremo ciò che è stabilito dall’articolo 1 comma 6 dello Statuto di questa città: “All’interno del territorio del Comune di Tarquinia non è consentito, per quanto attiene alle attribuzioni del Comune in materia, l’insediamento di centrali, industrie o impianti che non utilizzano fonti di produzione di energia rinnovabile, l’insediamento di industrie belliche, lo stazionamento o il transito di ordigni bellici nucleari e scorie radioattive”.

Alessandro Giulivi
Sindaco di Tarquinia


Condividi la notizia:
5 gennaio, 2021

Scorie nucleari nella Tuscia ... Gli articoli

  1. Nasce il Comitato per la salvaguardia del territorio di Corchiano e della Tuscia
  2. "Il consiglio comunale ha detto no all'unanimità al deposito di scorie nucleari"
  3. "Rifiuti radioattivi nella Tuscia, infondate le accuse di Gioventù Nazionale a Zingaretti"
  4. "Il deposito nazionale di rifiuti è un'ipotesi scellerata..."
  5. "Più che dei rifiuti nucleari, abbiamo paura di chi potrebbe gestirli..."
  6. "Dubbi e riserve sui siti ritenuti idonei a ospitare rifiuti radioattivi"
  7. “Ci sono zone con caratteristiche migliori rispetto alla Tuscia”
  8. "Basta col vittimismo, gli amministratori seri propongono soluzioni confrontabili..."
  9. "La Tuscia ha già concesso tanto senza ricevere niente, adesso basta"
  10. "Deposito nazionale, dare alle comunità 60 giorni per le osservazioni non è corretto"
  11. "Proposta di proroga per l’elaborazione delle osservazioni e tavolo tecnico permanente a difesa del territorio"
  12. “Deposito scorie nucleari, presenterò un emendamento per chiedere di allungare i tempi di consultazione”
  13. "Fondamentale che si uniscano tutte le forze per far valere le nostre peculiarità e potenzialità"
  14. "Ho presentato un odg in consiglio regionale contro il deposito dei rifiuti radioattivi"
  15. "La provincia di Viterbo non è idonea a un deposito di scorie nucleari"
  16. “Nessuna decisione presa, il confronto parte ora”
  17. "Nessun comune ospiterà il deposito dei rifiuti radioattivi se non lo vuole"
  18. "Vanno messe in moto tutte le iniziative per tutelare il territorio"
  19. Non è ipocrisia, i rifiuti nucleari sono una potenziale minaccia per la salute...
  20. "Montalto è un paese agricolo: no a stupri ambientali"
  21. "Il no alle scorie nucleari nella Tuscia è forte e senza colore politico"
  22. "Scorie nucleari, Benni condivida la riunione in provincia con tutto il consiglio comunale"
  23. "L'amministrazione comunale si impegni a dire no alle scorie a Tarquinia"
  24. Riccardo Valentini: "Scorie radioattive, poco chiari i criteri di scelta della aree adatte"
  25. "Referendum territoriale sulle scorie nucleari, noi ci siamo"
  26. "Scorie, un referendum popolare contro il deposito nazionale"
  27. "Scorie, esiste una enorme ipocrisia e una colpevole superficialità in questo dibattito..."
  28. "Nel deposito nazionale quattro diverse barriere e materiali garantiti per 350 anni"
  29. "Scorie nucleari, interrogazione di Rotelli in commissione ambiente"
  30. Pontuale (Pd): "Contrari al deposito di rifiuti radioattivi, ma no allarmismi"
  31. "No alle scorie radioattive nella Tuscia", superate le 15mila firme in 48 ore
  32. "Stoccaggio rifiuti radioattivi nel viterbese, situazione potrebbe creare problema di ordine pubblico"
  33. "Scorie nucleari, l'ipoteca sul futuro della Tuscia va fermata a tutti i costi"
  34. "Deposito rifiuti nucleari, ai territori non si possono solo imporre sacrifici..."
  35. "La Tuscia ha investito nella cultura, nell'ambiente e nel turismo, no alle scorie nucleari"
  36. "Il Lazio non può permettersi un sito di scorie nucleari nella Tuscia"
  37. "Scorie nucleari nella Tuscia, Zingaretti non poteva non sapere"
  38. "La Tuscia deve sviluppare il turismo, non diventare un deposito di scorie radioattive"
  39. "La proposta di deposito dei rifiuti radioattivi a Montalto è offensiva e irragionevole"
  40. "Il M5s legga bene le dichiarazioni, da Lorenzoni solo un attacco al nostro territorio"
  41. Deposito di scorie radioattive vicino a monumenti naturali e parchi nazionali della Tuscia
  42. 11mila firme in 24 ore per dire "No alle scorie radioattive nella Tuscia"
  43. "Deposito nazionale, se mettiamo i rifiuti radioattivi uccidiamo la Tuscia"
  44. "Battistoni dimentica che nel 2010 il suo partito faceva del nucleare il suo cavallo di battaglia?"
  45. "Contro le scorie nucleari arriva la task force di avvocati del Codacons"
  46. "Canino è zona archeologica e ha prodotti Dop, le scorie nucleari qui no"
  47. "Il nostro territorio giudicato 'molto buono' per ospitare le scorie, serve una grande battaglia di tutti"
  48. Novelli: "La comunità caninese contraria allo stoccaggio di rifiuti nucleari"
  49. "La Tuscia non deve diventare la pattumiera d'Italia"
  50. Giampieri (FdI): "Ordine del giorno in ogni consiglio comunale contro deposito nucleare"
  51. "Tutti i comuni della Maremma si uniscano nella lotta alle scorie nucleari"
  52. "I siti individuati confinano con monumenti naturali e parchi nazionali"
  53. "Come giustificare un deposito di scorie radioattive in aree a vocazione agricola e turistica?"
  54. "Pronti a mobilitazioni per esprimere il nostro dissenso"
  55. "Sembra un vizio, ieri le centrali geotermiche e oggi le scorie radioattive"
  56. "Invece di promuovere il turismo ci chiedono di far diventare le nostre terre discariche nucleari"
  57. "Scorie radioattive, difenderemo il territorio dall’ennesimo tentativo di stupro"
  58. "No ai rifiuti tossici in un territorio con già due centrali"
  59. "Completa indifferenza nello svendere un'intera comunità"
  60. Non sarebbe opportuno che i depositi radioattivi fossero distribuiti equamente?
  61. Deposito di scorie radioattive, la Tuscia il territorio con più aree idonee in Italia
  62. Cgil, Cisl, Uil: "Fermamente contrari al deposito di rifiuti radioattivi nella Tuscia"
  63. "L’idea che la Tuscia possa ospitare siti di rifiuti radioattivi è inconcepibile"
  64. "Rifiuti radioattivi, preoccupano i 22 potenziali siti nella Tuscia"
  65. Scorie nella Tuscia, "Scelta scellerata, pronti a fare delle barricate per difendere il nostro amato paese"
  66. Deposito scorie, "La Tuscia minacciata dal piano governativo, urge mobilitazione"
  67. "Una forte cooperazione contro le scorie nucleari nella Tuscia"
  68. "Scorie nella Tuscia, pronti a occupare le zone di deposito e a non pagare le tasse sui terreni danneggiati"
  69. "No alla Tuscia come deposito di scorie, difendiamo il turismo e il nostro patrimonio"
  70. "Scorie radioattive nella Tuscia, la politica si unisca nel dire 'no'"
  71. "Contrari alle scorie radioattive, Montalto di Castro ha già dato tanto"
  72. "Scorie nucleari nella Tuscia, ipotesi grave e irresponsabile"
  73. "Fermo no a qualunque iniziativa che insista con un impatto ambientale sul territorio"
  74. Parenti (Confagricoltura): "Tuscia ideale per agricoltura e turismo, non per scorie nucleari"
  75. "Scorie nucleari a Montalto di Castro? No grazie, il nostro comune non è in vendita"
  76. "Il governo tuteli l'ambiente del territorio anziché mortificarlo"
  77. Astorre: "Deposito rifiuti radioattivi, il Viterbese non territorio è adatto"
  78. "Anche noi dalla parte dei contrari"
  79. "Inquietante sadismo contro il nostro territorio"
  80. "Sosterrò Giulivi in ogni iniziativa per sventare questo progetto"
  81. Bendetti (Pd): "La Tuscia per le sue caratteristiche non può e non deve ospitare scorie"
  82. "Scorie nucleari? No, grazie!"
  83. Biodistretto Via Amerina: "Opposizione senza se e senza ma ai depositi radioattivi"
  84. "Il Lazio non può sostenere un ulteriore aggravio delle condizioni ambientali"
  85. Leoni (Rifondazione comunista): "Rifiuti radioattivi nella Tuscia? Siamo allarmati"
  86. "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non può ospitare il deposito nazionale"
  87. "Deposito rifiuti radioattivi ci preoccupano anche se non comprende Carbognano"
  88. Scorie radioattive nella Tuscia, lunedì call conference organizzata dalla Provincia
  89. "Forza Italia in prima linea contro scelta sito di stoccaggio radioattivo"
  90. "Inaccettabile un deposito di scorie nucleari nei comuni della Tuscia"
  91. "Scorie radioattive nella Tuscia: idea assurda"
  92. "Scorie radioattive, faremo di tutto per difendere il nostro territorio"
  93. "Ci opporremo con ogni mezzo"
  94. "Scorie nucleari nel viterbese, ci opporremo in tutte le sedi"
  95. "Lotteremo con tutte le forze affinché venga rispettata la salute dei cittadini"
  96. "Rifiuti radioattivi, possibilità nefasta per la comunità e per il suo sviluppo"
  97. Otto comuni della Tuscia tra le aree idonee al deposito di rifiuti radioattivi
  98. Confartigianato: "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non deve essere pattumiera d'Italia"
  99. "Inquietante che la Tuscia possa ospitare il deposito nazionale delle scorie radioattive"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR