Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Replica alla lettera di Umberto Cinalli

Non è ipocrisia, i rifiuti nucleari sono una potenziale minaccia per la salute…

di Francesco Mattioli

Condividi la notizia:


Francesco Mattioli

Francesco Mattioli


Viterbo – Umberto Cinalli avrebbe qualche ragione nel lamentare l’atteggiamento istintivo e poco lucido di taluni amministratori locali della Tuscia in preda alla sindrome Ninby, se si trattasse di pale eoliche o impianti fotovoltaici che turbano la sensibilità storico-paesaggistica ma restituiscono energia pulita, fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente.

Tuttavia, voglio ripetermi, nel caso di rifiuti pericolosi si discute di una potenziale minaccia alla salute dei cittadini. La questione è quindi ben diversa. Le precauzioni nella scelta dei siti di stoccaggio delle scorie radioattive certifica che il rischio c’è, seppur affidabilmente ridotto dalle attuali tecnologie di conservazione.

Nell’affrontare questi problemi si applicano dei parametri valutativi considerati “oggettivi”, perché discendenti da un approccio scientifico. Ma questa oggettività è tutta da vedere. La scienza non si ferma all’Ispra, o meglio non si ferma né alla fisica nucleare, né alla medicina, né ad altre scienze fisico-naturali.

Altrettanto vincolanti sono quei parametri che hanno a che vedere con gli atteggiamenti umani e con le interazioni sociali, economiche e culturali. Quando si stabiliscono dei parametri per la collocazione di un sito potenzialmente pericoloso, quindi, non si possono – anzi, mi sento di dire non si devono – prendere in considerazione soltanto indicatori di carattere fisico, sismico, idrogeologico, infrastrutturale, demografico ma anche di natura sociale.

Esiste una ampia letteratura scientifica che ha a che vedere con la percezione e la valutazione del rischio; questi studi dimostrano che la gestione del rischio deve tenere conto di determinanti fattori umani; non solo per il rispetto dovuto alle persone, alle loro attività e al proprio ambiente, ma anche per prevenire la possibilità che si manifestino forme estreme di contestazione e di conflitto sociale. Intervengono quindi nella determinazione di certe progettualità ambientali taluni fattori umani imprescrittibili che intersecano i calcoli puramente “tecnici” fino ad influenzarne il peso specifico.

Né si pensi di liquidare la questione ritenendo che la dimensione umana sia mera questione ideologica che dovrebbe scomparire di fronte al vincolo dei dati fisici. E’ uno degli errori marchiani che commette chi capisce ben poco del significato e dell’uso della scienza.

Peraltro uno dei più seguiti “vangeli” dell’ambientalismo, la Dichiarazione di Rio del 1992, al Principio 1 sostiene che “Gli esseri umani sono al centro delle preoccupazioni relative allo sviluppo sostenibile. Essi hanno diritto ad una vita sana e produttiva in armonia con la natura”. Invito a riflettere sul passo che pone gli esseri umani al centro delle preoccupazioni dello sviluppo, scienza compresa.

Al Principio 3, la stessa Dichiarazione proclama che “Il diritto allo sviluppo deve essere realizzato in modo da soddisfare equamente le esigenze relative all’ambiente ed allo sviluppo delle generazioni presenti e future”; anche qui, invito a considerare il passo in cui si dice che occorre soddisfare equamente le esigenze dell’ambiente e quelle dello sviluppo.

La Dichiarazione di Rio in altre parole introduce elementi di natura sociale nella valutazione dell’impatto dei programmi di gestione ambientale, anche quando questi vogliano adottare criteri rigidi di natura “tecnica”.

E questo è esattamente il problema della individuazione di un sito che secondo la Cnapi dovrà accogliere i rifiuti radioattivi nazionali: non basta che tale sito abbia la fortuna o la sfortuna di essere poco popolato, poco soggetto a minacce ambientali, lontano da infrastrutture; se dovessimo seguire fino in fondo questi criteri dovremmo continuare a scaricare i nostri rifiuti e i nostri problemi sui paesi africani, poco popolati, poco soggetti a minacce ambientali, senza infrastrutture, e andremmo a tradire proprio i fondamenti della Dichiarazione di Rio facendoci nemici di un ambientalismo responsabile.

D’altronde se sottovalutiamo le indicazioni della scienza sociale e qualcuno la confonde con l’ideologia, il rischio è quello di farsi contestatori in Val di Susa e governativi in Valdilago. Di conseguenza, mi sembra che nella discussione sull’individuazione del sito del Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi la gestione del rischio debba seguire anche altri criteri di pari valenza scientifica, ma ignorati dalla Guida Tecnica n. 29 dell’Ispra e sottovalutati dalle autorità politiche, e che il dibattito con i vari soggetti pubblici interessati e i vari stakeholders in diritto debba condurre a soluzioni eque, che non continuino a penalizzare, per esempio, la Tuscia e le sue risorse, spesso marginalizzate e inespresse.

L’assegnazione di un sito ad un territorio avverrà attraverso un confronto con la popolazione? Belle parole, se lo Stato e l’Ispra non saranno disposti a negoziare e a venire a patti e manterranno il loro punto in nome di una scienza (naturale) oggettiva.

Non c’è dubbio che la determinazione di un Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi, anche fosse dislocato in varie sedi territoriali, sia necessario. Ma continuo a ritenere che, fin dove è possibile, chi crea rifiuti li getti nel proprio secchio e non in quello degli altri. L’Unione Europea ci intima di farlo, non vedo perché il processo dovrebbe interrompersi ai confini del Viterbese.

Oltre tutto, mi si consenta il paradosso: non puoi dire ad una provincia “Anche se tu produci il 5% dei rifiuti devi accollarti il 100% del loro stoccaggio”; a quel punto quella provincia potrebbe rispondere che in tal caso essa matura anche il diritto ad ottenere gran parte degli investimenti che lo Stato avvia per lo sviluppo territoriale, invece del 5% che le spetterebbe.

Paradosso certo; ma tenendo conto dell’art. 3 della nostra Costituzione che definisce l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge, mi sembra che non si possa chiedere ad alcune comunità di “sacrificarsi” per il bene collettivo. E se proprio questo sacrificio è inevitabile, anche dopo aver sottoposto la scelta dei siti pericolosi a tutte le variabili, fisiche e sociali, che con pari dignità intervengono nel processo decisionale, allora esso va ampiamente risarcito. Ampiamente, non con qualche benevola concessione.

Chiudo con una considerazione personale: voglio rassicurare Cinalli che il sottoscritto non può certo essere annoverato tra i “personaggi e personalità spesso lontani dai temi inerenti lo sviluppo sostenibile del territorio o della salvaguardia ambientale che ora si rivelano paladini della natura e della salute pubblica”.

Ovviamente sono certo che non mi confonda con costoro. Ma a scanso di equivoci, gli confermo che le mie valutazioni del problema provengono da esperienze e competenze dirette; spero voglia darmene testimonianza e tener conto del fatto che sul problema non si può partire così allegramente e fiduciosamente da “alcune considerazioni oggettive”.

Il famoso Rapporto Meadows, tanto per parlare di una tradizione ambientalista ormai quasi cinquantennale, contesta proprio i punti di vista “oggettivi” da cui lo sfruttamento delle risorse del pianeta partiva per mettere a rischio la sua sopravvivenza…

Francesco Mattioli


– Umberto Cinalli: “Scorie, esiste una enorme ipocrisia e una colpevole superficialità in questo dibattito…”


Condividi la notizia:
11 gennaio, 2021

Scorie nucleari nella Tuscia ... Gli articoli

  1. "Depositi di scorie, incolmabile la distanza tra le realtà territoriali e le istituzioni"
  2. Scorie nucleari nel Lazio, il Consiglio regionale dice no
  3. “Scorie nucleari, passa all’unanimità il mio odg contro l’ipotesi che la Tuscia ospiti il sito”
  4. No al deposito scorie radioattive nella Tuscia e in tutto il Lazio
  5. Nasce il Comitato per la salvaguardia del territorio di Corchiano e della Tuscia
  6. "Il consiglio comunale ha detto no all'unanimità al deposito di scorie nucleari"
  7. "Rifiuti radioattivi nella Tuscia, infondate le accuse di Gioventù Nazionale a Zingaretti"
  8. "Il deposito nazionale di rifiuti è un'ipotesi scellerata..."
  9. "Più che dei rifiuti nucleari, abbiamo paura di chi potrebbe gestirli..."
  10. "Dubbi e riserve sui siti ritenuti idonei a ospitare rifiuti radioattivi"
  11. “Ci sono zone con caratteristiche migliori rispetto alla Tuscia”
  12. "Basta col vittimismo, gli amministratori seri propongono soluzioni confrontabili..."
  13. "La Tuscia ha già concesso tanto senza ricevere niente, adesso basta"
  14. "Deposito nazionale, dare alle comunità 60 giorni per le osservazioni non è corretto"
  15. "Proposta di proroga per l’elaborazione delle osservazioni e tavolo tecnico permanente a difesa del territorio"
  16. “Deposito scorie nucleari, presenterò un emendamento per chiedere di allungare i tempi di consultazione”
  17. "Fondamentale che si uniscano tutte le forze per far valere le nostre peculiarità e potenzialità"
  18. "Ho presentato un odg in consiglio regionale contro il deposito dei rifiuti radioattivi"
  19. "La provincia di Viterbo non è idonea a un deposito di scorie nucleari"
  20. “Nessuna decisione presa, il confronto parte ora”
  21. "Nessun comune ospiterà il deposito dei rifiuti radioattivi se non lo vuole"
  22. "Vanno messe in moto tutte le iniziative per tutelare il territorio"
  23. "Montalto è un paese agricolo: no a stupri ambientali"
  24. "Il no alle scorie nucleari nella Tuscia è forte e senza colore politico"
  25. "Scorie nucleari, Benni condivida la riunione in provincia con tutto il consiglio comunale"
  26. "L'amministrazione comunale si impegni a dire no alle scorie a Tarquinia"
  27. Riccardo Valentini: "Scorie radioattive, poco chiari i criteri di scelta della aree adatte"
  28. "Referendum territoriale sulle scorie nucleari, noi ci siamo"
  29. "Scorie, un referendum popolare contro il deposito nazionale"
  30. "Scorie, esiste una enorme ipocrisia e una colpevole superficialità in questo dibattito..."
  31. "Nel deposito nazionale quattro diverse barriere e materiali garantiti per 350 anni"
  32. "Scorie nucleari, interrogazione di Rotelli in commissione ambiente"
  33. Pontuale (Pd): "Contrari al deposito di rifiuti radioattivi, ma no allarmismi"
  34. "No alle scorie radioattive nella Tuscia", superate le 15mila firme in 48 ore
  35. "Stoccaggio rifiuti radioattivi nel viterbese, situazione potrebbe creare problema di ordine pubblico"
  36. "Scorie nucleari, l'ipoteca sul futuro della Tuscia va fermata a tutti i costi"
  37. "Deposito rifiuti nucleari, ai territori non si possono solo imporre sacrifici..."
  38. "La Tuscia ha investito nella cultura, nell'ambiente e nel turismo, no alle scorie nucleari"
  39. "Il Lazio non può permettersi un sito di scorie nucleari nella Tuscia"
  40. "Scorie nucleari nella Tuscia, Zingaretti non poteva non sapere"
  41. "La Tuscia deve sviluppare il turismo, non diventare un deposito di scorie radioattive"
  42. "La proposta di deposito dei rifiuti radioattivi a Montalto è offensiva e irragionevole"
  43. "Il M5s legga bene le dichiarazioni, da Lorenzoni solo un attacco al nostro territorio"
  44. Deposito di scorie radioattive vicino a monumenti naturali e parchi nazionali della Tuscia
  45. 11mila firme in 24 ore per dire "No alle scorie radioattive nella Tuscia"
  46. "Deposito nazionale, se mettiamo i rifiuti radioattivi uccidiamo la Tuscia"
  47. "Battistoni dimentica che nel 2010 il suo partito faceva del nucleare il suo cavallo di battaglia?"
  48. "Contro le scorie nucleari arriva la task force di avvocati del Codacons"
  49. "Canino è zona archeologica e ha prodotti Dop, le scorie nucleari qui no"
  50. "Il nostro territorio giudicato 'molto buono' per ospitare le scorie, serve una grande battaglia di tutti"
  51. Novelli: "La comunità caninese contraria allo stoccaggio di rifiuti nucleari"
  52. "La Tuscia non deve diventare la pattumiera d'Italia"
  53. Giampieri (FdI): "Ordine del giorno in ogni consiglio comunale contro deposito nucleare"
  54. "Tutti i comuni della Maremma si uniscano nella lotta alle scorie nucleari"
  55. "I siti individuati confinano con monumenti naturali e parchi nazionali"
  56. "Come giustificare un deposito di scorie radioattive in aree a vocazione agricola e turistica?"
  57. "Pronti a mobilitazioni per esprimere il nostro dissenso"
  58. "Sembra un vizio, ieri le centrali geotermiche e oggi le scorie radioattive"
  59. "Invece di promuovere il turismo ci chiedono di far diventare le nostre terre discariche nucleari"
  60. "Scorie radioattive, difenderemo il territorio dall’ennesimo tentativo di stupro"
  61. "No ai rifiuti tossici in un territorio con già due centrali"
  62. "Completa indifferenza nello svendere un'intera comunità"
  63. Non sarebbe opportuno che i depositi radioattivi fossero distribuiti equamente?
  64. Deposito di scorie radioattive, la Tuscia il territorio con più aree idonee in Italia
  65. Cgil, Cisl, Uil: "Fermamente contrari al deposito di rifiuti radioattivi nella Tuscia"
  66. "L’idea che la Tuscia possa ospitare siti di rifiuti radioattivi è inconcepibile"
  67. "Rifiuti radioattivi, preoccupano i 22 potenziali siti nella Tuscia"
  68. Scorie nella Tuscia, "Scelta scellerata, pronti a fare delle barricate per difendere il nostro amato paese"
  69. Deposito scorie, "La Tuscia minacciata dal piano governativo, urge mobilitazione"
  70. "Una forte cooperazione contro le scorie nucleari nella Tuscia"
  71. "Scorie nella Tuscia, pronti a occupare le zone di deposito e a non pagare le tasse sui terreni danneggiati"
  72. "No alla Tuscia come deposito di scorie, difendiamo il turismo e il nostro patrimonio"
  73. "Scorie radioattive nella Tuscia, la politica si unisca nel dire 'no'"
  74. "Contrari alle scorie radioattive, Montalto di Castro ha già dato tanto"
  75. "Scorie nucleari nella Tuscia, ipotesi grave e irresponsabile"
  76. "Fermo no a qualunque iniziativa che insista con un impatto ambientale sul territorio"
  77. "No alle scorie nucleari, impediremo che ciò avvenga anche con azioni eclatanti"
  78. Parenti (Confagricoltura): "Tuscia ideale per agricoltura e turismo, non per scorie nucleari"
  79. "Scorie nucleari a Montalto di Castro? No grazie, il nostro comune non è in vendita"
  80. "Il governo tuteli l'ambiente del territorio anziché mortificarlo"
  81. Astorre: "Deposito rifiuti radioattivi, il Viterbese non territorio è adatto"
  82. "Anche noi dalla parte dei contrari"
  83. "Inquietante sadismo contro il nostro territorio"
  84. "Sosterrò Giulivi in ogni iniziativa per sventare questo progetto"
  85. Bendetti (Pd): "La Tuscia per le sue caratteristiche non può e non deve ospitare scorie"
  86. "Scorie nucleari? No, grazie!"
  87. Biodistretto Via Amerina: "Opposizione senza se e senza ma ai depositi radioattivi"
  88. "Il Lazio non può sostenere un ulteriore aggravio delle condizioni ambientali"
  89. Leoni (Rifondazione comunista): "Rifiuti radioattivi nella Tuscia? Siamo allarmati"
  90. "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non può ospitare il deposito nazionale"
  91. "Deposito rifiuti radioattivi ci preoccupano anche se non comprende Carbognano"
  92. Scorie radioattive nella Tuscia, lunedì call conference organizzata dalla Provincia
  93. "Forza Italia in prima linea contro scelta sito di stoccaggio radioattivo"
  94. "Inaccettabile un deposito di scorie nucleari nei comuni della Tuscia"
  95. "Scorie radioattive nella Tuscia: idea assurda"
  96. "Scorie radioattive, faremo di tutto per difendere il nostro territorio"
  97. "Ci opporremo con ogni mezzo"
  98. "Scorie nucleari nel viterbese, ci opporremo in tutte le sedi"
  99. "Lotteremo con tutte le forze affinché venga rispettata la salute dei cittadini"
  100. "Rifiuti radioattivi, possibilità nefasta per la comunità e per il suo sviluppo"
  101. Otto comuni della Tuscia tra le aree idonee al deposito di rifiuti radioattivi
  102. Confartigianato: "No ai rifiuti radioattivi, la Tuscia non deve essere pattumiera d'Italia"
  103. "Inquietante che la Tuscia possa ospitare il deposito nazionale delle scorie radioattive"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR