Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Diretta video - Coronavirus - Nuove misure per contrastare il virus - Il ministro Roberto Speranza (Salute) alla Camera - Stato d'emergenza prorogato al 30 aprile

“Vietato l’asporto per i bar dopo le 18, in zona gialla riaprono i musei”

Condividi la notizia:


Roma – 10,05 – Due i vaccini approvati – Solo due vaccini, ricorda Speranza, sono stati per ora approvati. Per Pfizer l’Italia riceve 470mila dosi a settimana e un milione e 400mila per tutto il trimestre da. “Con il vaccino di AstraZeneca avremo a disposizione altre dosi fondamentali e c’è attesa anche per l’approvazione del vaccino di Johnson&Johnson entro marzo”. Per i vaccini, il ministro è convinto che gli italiani si vaccineranno senza obbligarli a farlo. “La stragrande maggioranza deciderà di vaccinarsi e per il governo resta fondamentale l’obiettivo resta l’immunità di gregge”.


10,00 – In zona gialla i musei riaprono – In zona gialla potranno riaprire i musei, lo spiega Speranza alla camera. Sui vaccini, il ministro mette in evidenza come l’Italia sia prima in Europa. “Il nostro paese si è fatto trovare pronto”. 800mila dosi di vaccino somministrato. Il ministro ha fatto appello all’unità, per superare il complicato momento. “Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani, sarebbe un errore imperdonabile rallentare a pochi metri dal traguardo”. 


09.50 – Divieto d’asporto dopo le 18 – Nel nuovo decreto, confermate le misure vigenti fondamentali, lo spiega il ministro Speranza. “È intenzione del governo fermare lo spostamento tra regioni anche in zona gialle e ridurre gli assembramenti fuori dai locali, attraverso il divieto d’asporto dopo le 18 e confermare di ricevere a casa massimo due persone non conviventi e stabilire in arancione le regioni ad alto rischio”. Sono dodici le regioni ad alto rischio che di certo saranno arancioni. Ma come ricordato, anche per quelle in giallo non sarà possibile spostarsi tra regioni. Il governo intende istituire un’ulteriore area bianca, insieme a quelle gialle, rosse e arancioni, area che scatterà con livelli molto bassi. “È difficile che questa area possa scattare nel breve, ma cominciamo a intraprendere un percorso di speranza”. Nella zona bianca l’incidenza dei casi dovrà essere di 50 ogni centomila abitanti e indice Rt sotto a uno. Resta comunque obbligatorio indossare mascherine e rispettare le regole di distanziamento. 


9,45 – Stato d’emergenza prorogato al 30 aprile – “L’epidemia è di nuovi in una fase espansiva, l’Rt è in aumento”. Speranza affronta la situazione attuale della pandemia in Italia. “L’incidenza a 14 giorni torna a crescere. Si stanno sovraccaricando le strutture ospedaliere. Da 10 sono salite a 13 le regioni sopra una soglia critica. Le terapie intensive si attestano sopra la soglia critica del 30%. 12 regioni e province autonome sono ad alto rischio, 8 moderato e una sola a rischio basso”. Quando i parametri cambiano, spiega Speranza, vanno presi provvedimenti. Il primo, prorogare al 30 aprile lo stato d’emergenza.


09,40 – Covid, arrivano i mesi più duri – “Il Covid ha i mesi contati, con i nuovi vaccini sconfiggeremo il virus che ha colpito la nostra nazione, ma la battaglia non è vinta. Siamo solo all’inizio”. Così il ministro Speranza alla Camera. “Ci aspettano i mesi più duri della pandemia”


 Coronavirus, alla camera dei deputati le comunicazioni del ministro della Salute Roberto Speranza. All’ordine del giorno, le nuove misure per fronteggiare l’emergenza Covid 19. Dopo la camera, Speranza relazionerà al senato, in una fase delicata, mentre sono attese nuove misure per contrastare la diffusione del Covid.


Condividi la notizia:
13 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR