Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - La Cna Viterbo e Civitavecchia: "Dal governo risorse per 51 milioni di euro"

“Via libera alle domande per i ristori a fondo perduto per le imprese in difficoltà”

Condividi la notizia:


Una sede della Cna di Viterbo e Civitavecchia

Una sede della Cna di Viterbo e Civitavecchia

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Via libera, dalle 10 di lunedì prossimo, 11 gennaio, alle domande per l’accesso ai contributi a fondo perduto previsti dalla regione Lazio a sostegno delle micro, piccole e medie imprese e dei professionisti titolari di partita Iva penalizzati dalle misure di contenimento del contagio da Covid-19.

“E’ stato pubblicato stamane l’avviso con il quale la regione attiva l’intervento ‘Ristoro Lazio Irap’, annunciato nelle scorse settimane dal presidente Nicola Zingaretti con il vicepresidente Daniele Leodori e gli assessori Paolo Orneli e Alessandra Sartore”, informa la Cna di Viterbo e Civitavecchia, pronta ad assistere le imprese e i professionisti interessati nella procedura per la richiesta dei ristori.

Per questo intervento, sono a disposizione risorse per 51 milioni di euro. Il contributo, che sarà concesso entro il 30 giugno 2021, è “parametrato, fino ad un massimo di 25mila euro, sull’importo della seconda o unica rata dell’acconto 2020 dell’imposta regionale sulle attività produttive ed è finalizzato ad affrontare i bisogni di liquidità dell’impresa”. Non è dunque subordinato a un programma di investimenti.

Potranno beneficiare dell’aiuto le imprese e i professionisti che svolgono le attività indicate nell’allegato al bando (elenco dei codici Ateco ammessi), individuate tra quelle elencate nei decreti legge Ristori riferiti alle zone gialle o sospese in base ai dpcm dell’11 e del 22 marzo.

Sono interessati pubblici esercizi, come ristoranti, bar, gelaterie, enoteche e pasticcerie; servizi alla persona; imprese del commercio al dettaglio e all’ingrosso (purché abbiano subito provvedimenti di chiusura); agenti e rappresentanti di commercio; attività legate al turismo, all’organizzazione di convegni, fiere, feste e cerimonie, al tempo libero e al benessere, al mondo della cultura e allo sport.

Le domande possono essere presentate, esclusivamente online, fino alle ore 10 del prossimo 8 febbraio o fino ad esaurimento delle risorse.

Cna Viterbo e Civitavecchia


Condividi la notizia:
7 gennaio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR