Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ripartiamo da San Pellegrino - L'assessora Laura Allegrini: "Un edificio che merita tutto il rispetto e l'attenzione" - Il commissario Pelliccia racconta il salvataggio dei libri - FOTO E VIDEO

“Biblioteca Viterbo, il comune farà la sua parte per salvare e valorizzare Palazzo Santoro”

di Daniele Camilli

Condividi la notizia:


Viterbo – “Il comune deve fare la sua parte per mettere in sicurezza le cose urgenti. Una di queste è Palazzo Santoro. E il comune farà la sua parte per salvare e valorizzare Palazzo Santoro”. Laura Allegrini è l’assessore ai lavori pubblici e al centro storico del comune di Viterbo. E’ lei che risponde sulla vicenda della biblioteca comunale degli Ardenti, piazza Verdi, chiusa da quasi un anno e rimasta sostanzialmente inalterata dal dopoguerra in poi. Tant’è che cade a pezzi. Al punto che, approfittando della chiusura, per mettere urgentemente al sicuro il patrimonio che conserva è stata “una vera e propria corsa al salvataggio di un bene inestimabile per la collettività”, come ha scritto il commissario del consorzio biblioteche Paolo Pelliccia nell’editoriale dell’ultimo numero della rivista Biblioteca e società. Con le barriere architettoniche da abbattere, un pezzo del controsoffitto che è venuto giù, un tetto da rifare e fondi antichi tenuti, fino a qualche tempo fa in locali che definirli inadatti è poco.


Viterbo - La biblioteca comunale

Viterbo – La biblioteca comunale


“Chiederò al consiglio comunale – precisa poi Allegrini – di prestare attenzione a Palazzo Santoro, significativo per la biblioteca e per il recupero urbano di un quadrante della città che ha una valenza straordinaria”.


Viterbo – La biblioteca comunale 


Le questioni in ballo sono infatti diverse. La prima, risolta direttamente dal commissario Pelliccia, è stata la messa in sicurezza dei libri antichi, in particolar modo i fondi, stipati all’interno di alcuni locali al pianterreno lasciati nell’incuria, pieni di umidità e con l’impianto elettrico andato. Non solo, ma il riscaldamento della biblioteca “era ancora alimentato da una grande bombola di gasolio sottostante l’edificio – dice il commissario nell’editoriale -. Un rischio impensabile non solo per il patrimonio storico della biblioteca, ma anche per la pubblica sicurezza”.


Viterbo - Laura Allegrini

Viterbo – L’assessora ai lavori pubblici Laura Allegrini


La seconda riguarda invece l’abbattimento delle barriere architettoniche e il recupero di Palazzo Santoro. Un bando regionale vinto dal comune di Viterbo e dal consorzio biblioteche che prevede la costruzione di un ascensore, il rifacimento dell’impianto elettrico e quello dei bagni. Il motivo per cui la biblioteca la biblioteca resterà chiusa ben oltre la fase attuale dell’emergenza Covid. Con la possibilità, però, di consultare testi e manoscritti prendendo appuntamento. Servizio garantito anche per tutto il 2020.


Viterbo – Il progetto del consorzio per il rilancio di Palazzo Santoro


Infine la creazione di un polo unico delle biblioteche che prevede anche il recupero di piazza Campoboio, l’ingresso originario di Palazzo Santoro, oggi una delle piazze più degradate di Viterbo. In un quadrante urbano dove si trovano il teatro dell’Unione, il santuario e il monastero di Santa Rosa e uno dei due ingressi principali a Corso Italia. L’altro è quello di piazza delle Erbe. Un progetto proposto da Pelliccia già nel 2015.


Viterbo - Piazza del Teatro e Palazzo Santoro

Viterbo – Piazza del Teatro e Palazzo Santoro


“Gli immobili comunali sono tantissimi – spiega Allegrini – e necessitano tutti di una manutenzione che negli anni purtroppo non c’è stata. Un immobile come Palazzo Santoro, di quelle proporzioni, merita tutto il rispetto e l’attenzione. Si tratta infatti di un edificio importante e strategico per la città. I danni al tetto sono meno gravi di quelli che sembravano all’inizio. I lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche dovrebbero iniziare invece tra 6 mesi”. 

“La Regione – scrive poi Pelliccia nell’editoriale di Biblioteca e società – ha riconosciuto e sposato la nostra volontà di portare a nuova vita questo gioiello cittadino, finanziando un progetto teso all’istallazione dell’ascensore e l’ammodernamento dell’impiantistica. Non si tratta però solo di realizzare un ascensore e di altri interventi, ma più in generale di imprimere un cambio di rotta, du una vera e propria virata all’interno della gestione e della vita quotidiana di una biblioteca che per troppo tempo è rimasta uguale a sé stessa”.


Viterbo – Il degrado di Piazza Campoboio


Il commissario del consorzio descrive inoltre le fasi del percorso di salvataggio dei testi antichi conservati nella biblioteca di piazza del Teatro.

“La prima operazione messa in atto – racconta Pelliccia – è stata quella di traslocare una parte del patrimonio librario moderno in locali gentilmente messi a disposizione dai Vigili del fuoco di Viterbo. Un’operazione di trasferimento simile prevede non solo la necessità di inscatolare accuratamente i volumi, ma anche di controllarli uno ad uno, nell’ambito di un lavoro tutt’altro che automatico, portando alla luce eventuali problematiche di conservazione, controllare collocazioni erronee e doverosi riscontri d’inventario. La decisione del trasferimento non è stata per altro né facile né poco sofferta, ma, dopo un’attenta valutazione degli spazi, è emerso come questa fosse l’unica via percorribile, trovandoci davanti al bivio di dover salvaguardare in sede il patrimonio storico prima di ogni altra cosa. L’edificio della biblioteca degli Ardenti non aveva pressoché mai subito restauri o interventi particolarmente complessi e di conseguenza molti degli ambienti che erano stati destinati a conservare il materiale librario erano divenuti del tutto inservibili, rendendo quindi necessario un trasloco dello stesso materiale in stanze che non necessitavano di particolari accorgimenti di restauro”. 


Viterbo - La biblioteca comunale

Viterbo – La biblioteca comunale


Ad essere messo in salvo, anche il patrimonio archivistico, parte del quale era abbandonato a sé stesso nei locali al pianterreno di Palazzo Santoro. “Allo stesso modo anche il patrimonio archivistico, il vero cuore pulsante della biblioteca – prosegue Paolo Pelliccia – aveva bisogno di essere trasferito in ambienti maggiormente atti a tutelarne la salvaguardia, la consultabilità e la conservazione. Anche in questo caso non si è trattato di un lavoro automatico di semplice spostamento, ma di riscontrare manoscritto per manoscritto, carta per carta, la maggior parte dei materiali, che a tutt’oggi risentono di una situazione catalografica a dir poco imbarazzante. Ma lo spostare non poteva assicurare la salvezza dei materiali. Abbiamo quindi fatto appello a benefattori privati per l’acquisto di nuovi cartoni specifici per la conservazione. Una vera e propria corsa al salvataggio di un bene inestimabile per la collettività. Contestualmente a queste operazioni è nata però anche la necessità di un progetto specifico che potesse portarci ad avere un nuovo inventario dell’archivio e che potesse individuare non solo i veri e propri tesori, ma anche indicarci le problematiche specifiche cadi conservazione con il fine di programmare i futuri interventi di restauro”.


Viterbo - Il commissario del consorzio biblioteche Paolo Pelliccia

Viterbo – Il commissario del consorzio biblioteche Paolo Pelliccia


Nell’editoriale si parla poi del possibile futuro della biblioteca. “Per quanto riguarda il futuro degli Ardenti – scrive Pelliccia – si tratta di ripensare integralmente la sede e la missione di una biblioteca rimasta come cristallizzata dal dopoguerra. Bisogna progettare e istallare l’ascensore, la cui assenza rappresenta una mancanza inaccettabile per una biblioteca moderna, che vogliamo ed è doveroso che sia accessibile a tutti. Un obiettivo questo di semplice civiltà e doveroso servizio alla comunità che ora è a un passo dalla realizzazione. Allo stesso modo anche l’intero impianto elettrico dovrà essere rivisto e i servizi igienici integralmente rifatti. Una ristrutturazione che è un po’ una ricostruzione quindi, che stiamo portando e porteremo avanti con grande passione e determinazione, sicuri che il risultato non potrà che tornare a favore di una necessaria rivitalizzazione del centro storico”.

Il progetto, presentato da Paolo Pelliccia alla fine del 2015, prevede la trasformazione della biblioteca degli Ardenti in una vera e propria piazza della cultura. In sinergia con il teatro dell’Unione, il santuario e la necessaria riqualificazione di Campoboio.


Viterbo - La biblioteca comunale

Viterbo – La biblioteca comunale


Un recupero che unisce gli spazi di piazza Verdi con quelli di piazza Campoboio. Un progetto per il rilancio e la promozione di una struttura nel cuore di Viterbo, mettendo in risalto e valorizzando un intero quadrante urbano.

“Condivido appieno il progetto di Pelliccia – dichiara l’assessora Laura Allegrini -. Un polo unico delle biblioteche è fondamentale, e su questo obiettivo c’è piena collaborazione. Piazza del Teatro è uno degli ingressi principali della città. Un luogo che mette in relazione cultura e commercio, con le attività presenti al Corso. Un polo culturale dinamico – conclude Allegrini – che permetterà infine di ricucire il tessuto urbano, recuperando con piazza Campoboio l’ingresso principale di Palazzo Santoro”.

Daniele Camilli


Multimedia: Fotogallery: La biblioteca di piazza del TeatroIl tetto e i locali della biblioteca Il progetto del consorzioIl degrado di piazza Campoboio – Video: La biblioteca chiusa – Il progetto

Articoli: La biblioteca comunale di Viterbo cade a pezzi…

 


Condividi la notizia:
10 febbraio, 2021

Ripartiamo da San Pellegrino ... Gli articoli

  1. Piazza San Carluccio, i cavi sono stati tolti e il muro ripulito
  2. "Che fine hanno fatto i pesci e le tartarughe di pratogiardino Lucio Battisti?"
  3. Verranno restituiti alla città i quadranti dell'orologio della torre di piazza del Comune
  4. Necropoli di Norchia, tombe etrusche e "bocconi avvelenati"
  5. "Via San Lorenzo, un tratto di strada vergognoso, i lavori non potevano più rinviare"
  6. Via San Lorenzo, i lavori che tagliano in due la città
  7. "Ho comprato la torre della Malta per amore di Dante e di Viterbo"
  8. Le cinque discariche della stazione dei treni di Porta Romana
  9. Buche, crepe e sampietrini al catrame, lo stato indegno delle strade di Viterbo
  10. Il comune di Viterbo taglia l'ortica in centro e fa le pulizie di Pasqua
  11. Anche palazzo dei Priori è stato gettato alle ortiche...
  12. "Decoro urbano, il comune di Viterbo può richiedere contributi fino a 20 milioni di euro"
  13. Suffragio, via Bussi e Sant'Egidio... un centro storico buttato alle ortiche
  14. "Pratogiardino Lucio Battisti verrà restituito ai viterbesi"
  15. Giovanni Arena: "Cassia sud... adesso mi incazzo!"
  16. Cassia sud, la strada riapre ma gli operai del cantiere si oppongono...
  17. Bullicame, torna a ribollire l'acqua di Dante... ma il parco è deserto
  18. Cassia sud, due discariche di rifiuti abusivi all'ingresso del parco di Cornelia
  19. Il marciapiede "dimezzato" di Ponte dell'Elce...
  20. Crocetta, a rischio crollo la balaustra della chiesa
  21. Il comune punta a rilanciare e riqualificare il museo civico e il ponte Camillario
  22. Il centro storico assediato da transenne e lavori in corso
  23. Capriate, termoconvettori, telecamere e luci... lavori in corso al museo Rossi Danielli
  24. Giovanni Arena: "Scatole e fili abbandonati vanno tolti, altrimenti interverrà il comune"
  25. Dipinti distrutti e legno sgretolato, le porte cittadine nel degrado e abbandonate
  26. A Viterbo una transenna non si nega a nessuno, nemmeno al ponte Camillario...
  27. I cavi di piazza San Carluccio stanno ancora lì, nonostante l'intervento di prefetto e vigili del fuoco
  28. Unitus, una discarica nell'ex caserma di via Palmanova
  29. Biblioteche Viterbo, "la maleducazione dell'università della Tuscia" e il manifesto di viale Trento...
  30. Polo Unitus all'ex caserma Palmanova, al via i lavori
  31. Biblioteca comunale di Viterbo... quando parcheggiavano il motorino in mezzo ai libri antichi
  32. "Per valorizzare le fontane di Viterbo va istituito un Commissario delle acque"
  33. Laura Allegrini: "Fontane, condivido le parole di Ricci e sono pronta a sostenere il suo emendamento"
  34. Alvaro Ricci: "Le fontane si potevano salvare, ma la giunta Arena disse no..."
  35. Degrado in città, transenne "pericolose" per i pedoni al semaforo di porta Romana
  36. Transenne di Natale in via San Girolamo...
  37. Il Paese delle fiabe compie tre anni
  38. "Salvato l'affresco di Matteo Giovannetti a Pianoscarano, capolavoro del Trecento viterbese"
  39. Giovanni Arena: "Museo civico, positiva e importante la proposta di rilancio presentata dall'opposizione"
  40. Il balcone delle meraviglie in piazza del Comune...
  41. Decine di opere d'arte del museo civico Rossi Danielli sparse per la città...
  42. Rilancio del museo civico: trenta per cento di spazi in più, sotterranei visitabili e un meeting point
  43. "Il museo civico è abbandonato e le sue opere sono tenute male..."
  44. "Pietà e Flagellazione sono tenute male e il civico più che un museo sembra un magazzino"
  45. La torre "azzoppata" di via della Pace...
  46. "Museo civico, chiederò l'accesso agli atti per capire meglio cosa hanno fatto gli studenti di beni culturali e a che titolo"
  47. L'eterna saga dei cavi a Piazza San Carluccio che il comune ancora non ha tolto...
  48. Pianoscarano, l'erba in via dei giardini ha circondato pure Padre Pio...
  49. "Appena possibile il dipinto del '700 sarà nuovamente visibile"
  50. Il ponte Camillario rischia di scomparire e con i luoghi dove furono uccisi Ilario e Valentino
  51. Sebastiano del Piombo danneggiato e trafitto dall'incuria
  52. Topi, insetti, polvere e incuria... l'abbandono del museo civico di Viterbo
  53. Lo scandalo della facciata graffita di via Annio, violentata da tubi, incuria e abbandono
  54. "Centro storico, per risolvere i problemi di incuria e degrado ci sono soldi e strumenti, ma il comune non ha idee e non vuole farlo"
  55. "Ho ripulito la zona davanti a Santa Maria delle Fortezze, il comune venga almeno a ritirare i sacchi"
  56. Il dipinto del '700 "scomparso" sta per essere restaurato
  57. Il dipinto del '700 "scomparso" in via Saffi...
  58. Il cimitero di San Lazzaro tra monumenti e degrado
  59. L'arco dell'incuria, abbandonato a sè stesso e con le transenne che stanno lì da mesi
  60. Nella Spoon River cittadina ci sono testimoni preziosi e irripetibili
  61. Via delle Mole... dove per colpa del degrado la gente rischia di rompersi il collo
  62. Niente museo della macchina di santa Rosa, il centrodestra preferisce le lucine di Natale
  63. "Ecco come viene tenuto in considerazione il nostro patrimonio culturale"
  64. "Salvaguardiamo la bellezza del quartiere San Pellegrino che tutto il mondo ci invidia"
  65. Il muro a piazza San Carluccio verrà ripulito per poi mettere in sicurezza i cavi...
  66. Salviamo la Spoon River della città di Viterbo
  67. E' il tempo che abbiamo speso per la nostra città a renderla così importante...
  68. Il degrado parte dal centro storico e arriva fino alle frazioni
  69. Va in malora pure la finestra di piazza del comune da cui si sono affacciati papi e primi ministri
  70. "Il sindaco pensa al quartiere medievale mentre Bagnaia rimane un territorio di serie C"
  71. "La questione del centro storico va risolta e i cavi elettrici deturpanti vanno sistemati..."
  72. Transennato anche il muro che rischia di cadere davanti alla stazione di porta Romana
  73. L'abbandono di via delle Caprarecce, tra buche e transenne che stanno lì da anni
  74. Viterbo-Amsterdam 1-0, a piazza San Carluccio cavi elettrici transennati
  75. "Abbiamo restaurato il ponte sul torrente Freddano per amore della nostra terra"
  76. A San Pellegrino? Facciamo un po' come cazzo ci pare...
  77. Sopralluogo di e-distribuzione nel quartiere medievale "per effettuare lavori sugli impianti"
  78. Fogne a cielo aperto a via Santa Maria delle Rose, in pieno centro storico
  79. I cavi elettrici di piazza San Carluccio stanno ancora lì... nonostante tutto
  80. Incredibile il sindaco Arena non è ad Amsterdam e afferma: "Indecorosi i cavi esterni che deturpano le facciate..."
  81. I cavi elettrici di piazza San Carluccio pendono ancora sulle teste delle persone
  82. Cavi elettrici a rischio a San Carluccio, ci mette mano il prefetto
  83. "Viterbo 'turistica' sotto il palazzo dei Papi"
  84. Ma se non riescono a togliere fili pericolosi o stappare un tombino, come fanno a guidare una città?
  85. Cavi elettrici a rischio e incuria a piazza San Carluccio
  86. I fili e l'incuria che strangolano via e piazza San Pellegrino...
  87. Ebbene sì, il sindaco e la sua giunta vivono ad Amsterdam...
  88. Ma il sindaco Arena e la sua giunta vivono ad Amsterdam?
  89. Il muro di fronte alla stazione dei treni di Porta Romana rischia di crollare
  90. "Ho pulito il marciapiedi davanti alla stazione di Porta Romana perché mi sono vergognato per come era tenuto"

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR