Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Sergio De Caprio, colonnello dei Carabinieri, si è occupato di lotta alle mafie e di progetti di solidarietà per i più bisognosi

“Capitano Ultimo” va in pensione, aveva arrestato Totò Riina

Condividi la notizia:


Roma – “Nell’ultimo giorno, le mie lacrime e il mio sorriso alla Bandiera di Guerra dell’arma dei Carabinieri. Al popolo italiano tutta la mia vita”. Con queste parole il colonnello Sergio De Caprio, conosciuto come Capitano Ultimo, ha annunciato la conclusione del suo servizio.

“Oggi al Ros a ricordare la storia dove è nata la battaglia – ha spiegato con un video sui social De Caprio -. Non ho molte cose da dire, vado in pensione. Abbiamo combattuto con Crimor. Oggi siamo qua da voi per dirvi che rivendico tutte le azioni passate, presenti e future che fate voi e che sono state fatte prima di voi e che saranno fatte da quelli che verranno dopo di voi. Tutto il resto – sottolinea – lo lasciamo agli altri. Torniamo ad essere il nulla da cui veniamo. Vi porterò sempre nel cuore”.


Sergio De Caprio, conosciuto anche come "Capitano Ultimo"

Sergio De Caprio, conosciuto anche come “Capitano Ultimo”


Responsabile dell’arresto del boss Totò Riina, ha dedicato la sua vita all’arma dei Carabinieri, nel nucleo dei Ros e del Noe. Nel febbraio 2020 è stato nominato assessore all’Ambiente per la regione Calabria, dedicandosi in particolare alla lotta alle ecomafie. Ha fondato i “Volontari Capitano Ultimo”, che si occupano di progetti di solidarietà per i più bisognosi.


Condividi la notizia:
28 febbraio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR