Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Peparello (Confesercenti): "Danno notevole per le aziende del Lazio che si erano preparate"

“Con rinvio stagione sciistica persi altri 400 milioni di fatturato”

Condividi la notizia:

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – L’aver rinviato, praticamente senza preavviso, l’apertura degli impianti sciistici è un fatto grave, che avrà un pesante impatto economico: il posticipo dell’avvio della stagione al 5 marzo farà scomparire altri 3,3 milioni di presenze turistiche nelle località montante, per una perdita di ulteriori 400 milioni di euro circa di fatturato.

Vincenzo Peparello

Vincenzo Peparello


A stimare l’entità del danno dovuto allo stop degli impianti è il Centro studi turistici per Assoturismo Confesercenti, sottolineando come il provvedimento peggiori l’intero bilancio, già disastroso, della stagione invernale 2020-2021, che si avvia verso un calo complessivo dell’85% dei pernottamenti, per un calo totale di 18 milioni di presenze turistiche e 2 miliardi di euro di fatturato.

“Non si può cambiare idea a 24 ore dall’avvio della stagione, gli operatori delle località del turismo invernale hanno già investito e assunto personale. Le imprese hanno bisogno di pianificare l’attività con un ragionevole anticipo – afferma Vittorio Messina, Presidente di Assoturismo Confesercenti.

Annunciare l’avvio della stagione turistica invernale e poi stravolgere completamente i programmi all’ultimo minuto è un comportamento inaccettabile, che mette in difficoltà non solo le attività ricettive e dei servizi turistici nelle località coinvolte, ma anche i rifugi alpini e tutta la filiera del turismo montano, la cui tenuta è una risorsa fondamentale per l’intera economia dei territori. Questo modo di agire ha creato un danno gravissimo agli operatori, che poteva essere evitato, e che andrà urgentemente compensato al di là dei ristori”.

“Un danno notevole anche per le località sciistiche del Lazio – dichiara Vincenzo Peparello, presidente della Confesercenti di Viterbo, membro della presidenza nazionale e responsabile regionale Area Turismo –. A pagare le conseguenze dell’improvvisa decisione di non riapre gli impianti sono le imprese che si erano già preparate ad affrontare una stagione che fino ad oggi è rimasta al palo.

Ma è il tutto il turismo regionale a subire altre pesanti perdite che vanno ad aggiungersi a quelle causate dalla pandemia nella scorsa stagione estiva. E’ necessario intervenire con misure urgenti e soddisfacenti perché, in mancanza di aiuti e giusti provvedimenti, si rischia di estromettere l’intera regione del Lazio, compresa la capitale, dalle tappe turistiche internazionali”

Confesercenti – Viterbo


Condividi la notizia:
16 febbraio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR