Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sanità - Ne dà notizia Daniele Nicastrini (Uspp): "Vengano avviate le vaccinazioni a tutto il personale" - Contagiati anche 30 detenuti

“Covid, nel Lazio 23 agenti di penitenziaria positivi”

Condividi la notizia:


Roma – Riceviamo e pubblichiamo – “Gli ultimi casi di decessi tra i nostri colleghi in pochi giorni, per i quali ci stringiamo al dolore delle loro famiglie, impongono urgentemente che in ogni sede di servizio del Lazio l’amministrazione penitenziaria si adoperi affinché vengano avviate le vaccinazioni a tutto il personale di polizia penitenziaria e ai tanti operatori che svolgono funzioni previste dall’ordinamento penitenziario”.


Polizia penitenziaria

Polizia penitenziaria


Lo dichiara Daniele Nicastrini, segretario regionale Unione sindacati polizia penitenziaria (Uspp), all’indomani della tragedia che ha colpito alcuni colleghi deceduti a causa del Coronavirus in alcuni regioni d’Italia.

“Lo scorso novembre ho sottoscritto – prosegue il sindacalista – in sede interregionale per Lazio, Abruzzo, Molise un Protocollo d’intesa con il provveditore dell’amministrazione penitenziaria per la prevenzione, la sicurezza nei luoghi di lavoro in ordine all’emergenza sanitaria da Covid-19, con la quale si è anche indicato interventi e protocolli in ogni sede locale delle regioni. Purtroppo sembra fare acqua da tutte le parti considerati i casi Covid presenti tra il personale di polizia penitenziaria che investe ad oggi circa 23 unità tra Frosinone, Roma, Rieti, Viterbo e, in dovere di cronaca, anche oltre 30 detenuti”.

L’annuncio dell’assessore regionale alla Sanità del Lazio sembra prevedere la campagna vaccinale destinata al personale penitenziario entro la metà di marzo è questo preoccupa fortemente il personale di polizia penitenziaria che lavora negli istituti penitenziari è servizi della regione Lazio per tanta lungaggine ad una necessità che vale la vita o la morte per gli stessi operatori.

“Come appartenente alla polizia penitenziaria – in conclusione Nicastrini – e da vesti di sindacalista con oltre 25 anni di esperienza attiva, sottoscritto anche protocolli all’inizio degli anni 2000 con l’ufficio del garante dei detenuti regionale, non ho mai compreso del perché la nostra vita viene messa sempre all’ultimo posto dalle scelte di chi dovrebbe salvaguardare le nostra operatività, le nostre vite è le nostre famiglie, considerando che circa 3000 agenti operano con circa 6000 detenuti è svolgono servizi nelle sezioni detentive nonché migliaia di traduzioni e servizi vari nei vari tribunali, ospedali ecc, sembra non interessare mai nessun componente governativo”.

Unione sindacati polizia penitenziaria (Uspp)


Condividi la notizia:
28 febbraio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR