Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - La responsabile provinciale del dipartimento ambiente di Forza Italia Rita Chiatti sull'appello accolto contro l'impianto pilota “Torre Alfina”

“Geotermia, la sentenza del consiglio di stato renderà inattaccabile il territorio del lago”

Condividi la notizia:

Rita Chiatti

Rita Chiatti


Montefiascone – “Geotermia, la sentenza del consiglio di stato renderà inattaccabile il territorio del lago”. La responsabile provinciale del dipartimento ambiente di Forza Italia Rita Chiatti sull’appello dei comuni di Acquapendente, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Orvieto accolto l’8 febbraio dal consiglio di stato sull’impianto geotermico pilota denominato “Torre Alfina”.

“Questa sentenza, la numero 1399 dell’8 febbraio – spiega Rita Chiatti – creerà un precedente e renderà inattaccabile il territorio del nostro lago da quanti vorranno inseguire la speculazione geotermica. Questa è stata la vittoria di quanti vogliono preservare le bellezze naturalistiche del territorio e la salubrità del suo ambiente”.

La responsabile provinciale all’ambiente per Forza Italia nonché ex assessora al comune di Montefiascone sottolinea l’importanza della sentenza del consiglio di stato.

“Il consiglio di stato – aggiunge Rita Chiatti – ha posto la parola fine sul progetto pilota geotermico Torre Alfina, che non potrà essere realizzato avendo ricevuto giudizio negativo di compatibilità ambientale ormai definitivo. La vittoria ottenuta dall’avvocato Michele Greco, lo stesso legale incaricato per il ricorso al Tar contro il progetto pilota di Castel Giorgio, sarà riconosciuta come una pietra miliare nella giurisprudenza premiando il lavoro di tutti quei cittadini che hanno creduto in questo sogno. Questo resterà sicuramente un giorno da ricordare con tanta, tantissima emozione”.

Rita Chiatti ritorna sull’altro progetto geotermico pilota di Castel Giorgio, a cui il comune di Montefiascone, insieme ad altri enti, ha fatto ricorso al Tar contro la sua realizzazione.

“Come assessore al comune di Montefiascone – spiega Rita Chiatti – nel 2020 fui promotrice del ricorso al Tar da parte del nostro ente contro l’impianto geotermico pilota a Castel Giorgio insieme alla regione Umbria, alla regione Lazio, alla popolazione e ad altri comuni. Il punto venne poi approvato dal consiglio comunale. La sentenza per l’impianto di Torre Alfina sicuramente ci farà vincere quando si arriverà allo stesso grado di giudizio per l’impianto di Castel Giorgio arrivando alla completa salvaguardia del nostro lago dalla geotermia”.

L’ex assessora ricorda però un particolare sull’iter per arrivare all’ok del ricorso al Tar da parte del comune di Montefiascone avvenuto in consiglio comunale.

“Durante l’assise comunale del 18 aprile 2020 – conclude Rita Chiatti – voglio ricordare, che al momento della votazione sull’adesione del Comune al comitato della geotermia per presentare ricorso al Tar contro il progetto di Castel Giorgio, tutti i consiglieri di maggioranza ed opposizione presenti hanno votato in modo favorevole alla delibera tranne una parte della mia ex maggioranza che si è incomprensibilmente astenuta”.


Articoli: Battistoni: “La sentenza di Torre Alfina apre la strada ad un nuovo approccio al territorio” – Righini: “Impianto geotermico a Torre Alfina, impugneremo la sentenza in cassazione” – Di Sorte: “La sentenza parla chiaro: la tutela ambientale e paesaggistica viene prima delle rinnovabili” – Dottarelli: “La sentenza del Consiglio di Stato ha messo la parola fine alla centrale geotermica di Torre Alfina” – Ghinassi: “L’impianto geotermico a Torre Alfina non sarà realizzato”


Condividi la notizia:
10 febbraio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR