Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - L'allarme del vicesindaco Manuel Magliani: "Nel cantiere del sito archeologico la recinzione è divelta"

“Rifiuti abbandonati alla villa romana della Frasca, intervenga l’Adsp”

Condividi la notizia:


Civitavecchia - La Frasca

Civitavecchia – La Frasca

Civitavecchia – Riceviamo e pubblichiamo – Un grido d’allarme sullo stato del sito archeologico alla Frasca. È quello lanciato dal vicesindaco Manuel Magliani, che ha segnalato con una lettera all’Autorità di sistema portuale la situazione della villa di epoca romana denominata “di Cappelletto”.

Come si legge nella missiva, il cantiere presso il sito archeologico risulterebbe “privo della recinzione e quindi della necessaria protezione”: di qui l’invito all’autorità competente “a verificare lo stato dei luoghi e ad assumere ogni eventuale ed opportuna azione a tutela dei beni archeologici”.

Come spiega Magliani, “già il 21 maggio dell’anno scorso, a seguito di un sopralluogo, avevamo segnalato all’Adsp una situazione anomala, con presenza di rifiuti (anche ingombranti) all’interno e all’esterno dell’area archeologica, la cui recinzione era parzialmente divelta. Nei giorni scorsi è arrivata una nuova segnalazione, dal Forum ambientalista, che ci ha trasmesso il suo allarme per lo stato dei luoghi. Confidiamo che i tecnici dell’Adsp provvederanno in tempi brevi ad un intervento risolutivo e siamo peraltro, secondo lo spirito di collaborazione cui è improntata l’azione delle amministrazioni, a disposizione per tutto il supporto che potremo dare”.

Comune di Civitavecchia


Condividi la notizia:
8 febbraio, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR