Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Lazio - L'invito del presidente della Coldiretti David Granieri

“A Pasqua scegliamo prodotti locali come l’abbacchio romano Igp”

Condividi la notizia:

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – “Serve l’impegno dell’intera filiera agroalimentare per sostenere la pastorizia italiana. A Pasqua scegliamo prodotti genuini e certificati come l’abbacchio romano Igp, che rappresenta una vera eccellenza del nostro territorio”. E’ l’appello del presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri. 

Un invito ai consumatori a proteggere il nostro patrimonio. Una scelta al tempo stesso salutare e che scoraggia l’importazione di prodotti provenienti dall’estero. Dannosi per la salute e per l’economia del nostro Paese. 

David Granieri

Il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri


“Le nostre aziende hanno bisogno di essere sostenute – aggiunge Granieri – I prodotti con certificazione comunitaria Igp offrono maggiori garanzie ai consumatori, sia in termini di qualità, che di tracciabilità e naturalmente di sicurezza, grazie ai controlli a cui sono continuamente sottoposti.

Così come la garanzia che sia stato adottato un metodo di allevamento sottoposto a rigorosi controlli, per avere gli standard qualitativi della carne superiori a quelle normali che si trovano in commercio. Diffidate quindi dei prodotti importati di scasa qualità”. 

Il Lazio, che conta circa 39 mila aziende ovine, può vantare complessivamente 65 prodotti con indicazione geografica e questo consente alla nostra regione di collocarsi al quinto posto su scala nazionale per numero di prodotti riconosciuti. Si tratta di 36 marchi ottenuti nel comparto vini e 29 in quello food.

“Migliaia di famiglie che lavorano nella pastorizia e hanno fatto dell’allevamento la loro scelta di vita, meritano di essere sostenute – prosegue Granieri – Rappresentano per i territori una grande ricchezza. Le aziende zootecniche con la presenza dei loro pascoli, garantiscono la manutenzione di vaste aree, che altrimenti avrebbero bisogno di interventi di conservazioni con un ulteriore aggravio di costi per le pubbliche amministrazioni. 

Zone che sarebbero rimaste abbandonate e incolte, invece, grazie a loro vengono curate, custodite insieme al carico di storie e tradizioni che accompagnano i pastori, veri custodi del passato e delle biodiversità animali e vegetali”. 

Con il calo dei consumi determinato dalla chiusura dei ristoranti e dalla crisi economica causata dalla pandemia, l’appello di Coldiretti Lazio è quello di un “patto etico di filiera” per garantire una adeguata remunerazione dei prodotti agricoli e privilegiare nella distribuzione il Made in Italy a tutela dell’economia, dell’occupazione e del territorio come sostenuto dalla campagna #mangiaitaliano lanciata dalla federazione. 

Coldiretti Lazio


Condividi la notizia:
31 marzo, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR