Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Cna e le altre associazioni dell'artigianato lanciano una petizione sul settore dell'acconciatura ed estetica

“Le imprese regolari devono aprire anche in zona rossa”

Condividi la notizia:


Roma - La sede della Cna nazionale

Roma – La sede della Cna nazionale

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – In vista del dpcm di prossima emanazione, Cna e le altre associazioni di rappresentanza dell’artigianato – Confartigianato e Casartigiani  – si mobilitano a sostegno del settore benessere, promuovendo una petizione affinché la riapertura delle imprese in zona rossa possa arrestare il dilagare dell’abusivismo.

“La chiusura delle attività legali sta incentivando il lavoro a domicilio da parte di soggetti che si improvvisano parrucchieri ed estetisti ma non ne posseggono i requisiti professionali e non rispettano le norme di sicurezza per poter svolgere l’attività né tantomeno i protocolli anti Covid adottati dal governo, contribuendo in tal modo alla diffusione del virus. Il settore, a tutela di clienti e dipendenti, si è dotato di tutte le garanzie necessarie a riaprire saloni di acconciatura e centri estetici nella massima sicurezza, rispettoso delle più rigorose norme e procedure igienico-sanitarie”, affermano i promotori della raccolta di firme.

Sarebbe a questo punto ingiustificato che il governo confermasse il divieto di apertura di tali attività nelle zone rosse – sottolineano – e altrettanto incomprensibile sarebbe reiterare la discriminazione che nei decreti dello scorso autunno aveva portato alla chiusura dei soli centri estetici. Inoltre, a causa delle difficoltà economiche in cui versano le imprese, procrastinare la chiusura delle attività rappresenterebbe una condanna a morte per molte imprese del settore. Le imprese non riusciranno a resistere ancora per molto“.

Da qui la richiesta al governo di “segnali immediati di attenzione, permettendo ai saloni di acconciatura e ai centri estetiste di riprendere la propria attività anche in zona rossa”.

Cna Benessere e Sanità è intervenuta ripetutamente, anche nelle ultime settimane, per denunciare la totale disattenzione del governo nei confronti delle imprese di acconciatura ed estetica e il dilagare dell’abusivismo, favorito proprio dalla chiusura delle attività legali.

Cna


Condividi la notizia:
31 marzo, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR