Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Si terrà online venerdì 9 aprile alle 17

“Archeologia e storia a Nepi”, al via la terza conferenza

Condividi la notizia:


Nepi - Il museo civico

Nepi – Il museo civico

Nepi – Riceviamo e pubblichiamo – Prosegue il ciclo “Archeologia e storia a Nepi” con la terza conferenza online che si terrà venerdì 9 aprile alle 17. Relatore Paolo Pinti che tratterà di “Storia di spade e dei loro pomi: riutilizzazioni civili di un accessorio guerresco”.

Pinti, avvocato, è stato docente a contratto presso la Facoltà di Beni Culturali dell’Università degli Studi di Macerata.

Da trent’anni s’interessa allo studio delle armi antiche e degli aspetti museologici e museografici ad esse legati, curando progetti e allestimenti di musei e di mostre in varie parti d’Italia. In particolare, ha catalogato l’Armeria di Palazzo Farnese a Piacenza, progettandone l’allestimento e le attività di divulgazione, e le armi antiche dei Musei di Ripatransone, di Sarnano e di Forlì.

Ha ideato e realizzato il museo di Armi Antiche nella fortezza di Acquaviva Picena, la Mostra di Armi Antiche a San Vittore di Genga e quelle a Tolentino, Macerata e San Severino Marche. Ha pubblicato numerosi saggi e articoli sullo studio delle armi medievali e rinascimentali.

Il tema della conferenza prende spunto dal volume “Spade e stadereE”, edito nel 2020 dal Museo della Bilancia di Campogalliano (MO) – del quale questo incontro costituisce una presentazione “virtuale”- e tratta del riutilizzo del pomo delle spade antiche, una volta dismesso dalla sua originaria funzione, per i più svariati usi.

Il fenomeno è incredibilmente diffuso e la panoramica che sarà offerta ne rappresenta solo una minima parte. É un argomento sicuramente sconosciuto ai più, che verrà illustrato attraverso le immagini di reperti individuati in varie parti d’Italia; questi, con il loro inaspettato reimpiego, rivelano vicende e aspetti curiosi del nostro passato.

Per usare un’affermazione cara al relatore, “la conoscenza di questi oggetti, del loro passato e delle loro vicissitudini è come una porta, attraversata la quale si entra in altri mondi e in altre storie”.

Link di accesso alla conferenza:   meet.google.com/awv-zyqu-ubf

Museo civico di Nepi


Condividi la notizia:
5 aprile, 2021

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR