Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

Cronaca Giudiziaria

Tribunale - Vejano - Assolti in due, erano accusati di tentata estorsione

Non minacciarono due pastori con l’ascia per farsi dare le pecore

Bassano Romano Vejano - Non minacciarono due pastori con l'ascia per farsi dare le pecore. Assolti due romeni di 38 e 44 anni accusati di tentata estorsione ai danni di due connazionali nelle campagne della Bassa Tuscia. Denunciati a piede libero, per la gravità delle accuse sono stati processati davanti al collegio. Minacciano con l’ascia due pastori per avere le pecore

Regolamento di conti in trasferta - In due sono imputati di tentato omicidio aggravato in concorso - Pochi mesi prima la vittima era stata fermata con un machete perché minacciata di morte

Sparano a bruciapelo a un ragazzo, alla sbarra i banditi traditi dalle mani con sei dita

Mantova - Il tribunale Viterbo - Regolamento di conti in trasferta. Gli sparano a bruciapelo, alla sbarra i banditi traditi dalle mani con sei dita.Articoli: Gli sparano a bruciapelo, è caccia all’arma del delitto - Sparano a bruciapelo a un ragazzo, catturati in Piemonte i due malviventi - Gli sparano a bruciapelo nel Mantovano - Col machete in macchina e munizioni da guerra a casa, condannato – Machete in macchina e munizioni da guerra a casa

Tribunale - Ventimila euro a testa a due delle 14 parti civili - Cinquemila agli altri - Speravano in un lavoro in ambito sanitario

Corsi fantasma, finta dottoressa condannata a un anno e provvisonali record

Viterbo - Tribunale - Carabinieri Viterbo - E' terminato ieri il processo che ha visto imputata per truffa aggravata la parrucchiera 43enne di Montefiascone che si spacciava per dottoressa della Asl di Viterbo e promotrice di un corso per Oss presso la Asl. Parti civili con l'avvocato Di Silvio ben 14 parti offese. Persone che tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015 avrebbero sborsato sui 2500 euro a testa sperando di trovare un posto di lavoro sicuro dopo avere frequentato il corso per operatori sanitari. Articoli: “Ho dato 2230 euro a mia figlia per un posto di lavoro alla Asl inesistente” - Corsi fantasma per operatori sociosanitari, spuntano altre vittime della finta dottoressa – Corso fantasma per operatori sociosanitari, finta dottoressa alla sbarra 

Tribunale - Le indagini risalgono al 2007 - A distanza di dodici anni è stato dichiarato tutto prescritto

Auto di lusso col trucco, colpo di spugna sulla maxinchiesta “Cayenne”

Viterbo - Il tribunale Viterbo - Auto di lusso col trucco, tutto prescritto nella maxinchiesta “Cayenne” del 2009. Davanti al collegio si è consumato ieri l'ultimo atto del processo ai 14 imputati, accusati di far parte di un’associazione per delinquere specializzata in truffa e ricettazione. Erano rimasti in piedi soltanto i reati più gravi, ossia l’associazione per delinquere e il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Cronaca - Il 52enne, da anni residente a Canino, era accusato di aver reclutato i killer per l'omicidio di Giuseppe Canale

‘Ndrangheta, ergastolo per Salvatore Callea

Canino - Nel riquadro: Salvatore Callea Canino - 'Ndrangheta, ergastolo per Salvatore Callea e altre sei imputati. Le condanne del gup del tribunale di Reggio Calabria sono state emesse all'esito del processo in abbreviato per l'omicidio di Giuseppe Canale. Salvatore Callea, 52enne calabrese ma da anni residente a Canino, era accusato di aver reclutato i killer.‘Ndrangheta, la procura vuole l’ergastolo per Salvatore Callea

Tribunale - Operazione Transilvania Games - Davanti al collegio per associazione a delinquere - 350 le vittime

Scommesse on line per svuotare carte di credito, al via il processo

Operazione Transilvania games - Uno degli arrestati Viterbo - Operazione Transilvania Games, al via il maxiprocesso per 26 imputati. Si tratta della presunta banda di romeni e macedoni, accusati di associazione per delinquere finalizzata all’uso fraudolento di mezzi di pagamento. Il gruppo era stato arrestato nel febbraio 2013 con l’accusa di clonare carte di credito e svuotarle tramite scommesse sicure on line. Articoli: - Scommesse on line per svuotare carte di credito, 31 rinvii a giudizio - Svuotavano carte di credito per giocare online - Clonavano carte di credito, 19 arresti nella Tuscia

Tribunale - Vitorchiano - Finito il procedimento a carico anche di cinque imprenditori e due collaboratori dell'ex sindaco

Corruzione e concussione, concluso il processo a Ciancolini con assoluzioni e prescrizioni

Gemini Ciancolini Vitorchiano - Concluso il processo a Gemini Ciancolini. L'ex sindaco di Vitorchiano era accusato di corruzione, concussione, falso, turbativa d'asta e rivelazione di segreti d'ufficio. In tribunale anche cinque imprenditori e due collaboratori dell'ex primo cittadino. Per tutti, ieri, il processo si è concluso. Tra assoluzioni e prescrizione.

Siena - Chiesta la condanna anche dei tre fantini Luigi “Gigi” Bruschelli detto “Trecciolino”, del figlio Enrico Bruschelli e di Sebastiano Murtas

Cavalli taroccati al Palio, chiesti 3 anni e 2 mesi per il veterinario viterbese

Mauro Benedetti Siena - Cavalli scambiati al palio, chiesti 3 anni e 2 mesi per il veterinario viterbese Mauro Benedetti. Chiesta la condanna anche dei fantini Luigi “Gigi” Bruschelli detto “Trecciolino”, del figlio Enrico Bruschelli detto “Bellocchio” e di Sebastiano Murtas detto “Grandine”.Articoli: Cavalli taroccati al palio, la ex di Trecciolino accusa il veterinario viterbese - Cavalli taroccati, Michela Brambilla parte civile – Palio di Siena, a processo veterinario viterbese – Volevano far correre il palio ai purosangue…

Corte d'assise - Omicidio Gianlorenzo - Il pm Siddi chiede la trascrizione delle intercettazioni, gli eredi anche il video, il tribunale si riserva - Solo un processo indiziario per la difesa - Parti ciivli i figli e la vedova, sorella e nipoti dell'imputato

“Il cognato incastrato dal suo soliloquio in macchina e dalla videosorveglianza”

Tuscania - Omicidio Angelo Gianlorenzo - Aldo Sassara mentre va e torna dalla campagna - Nel riquadro: Angelo Gianlorenzo, la vittima Tuscania - Al via davanti alla corte d'assise presieduta dalla presidente del tribunale Maria Rosaria Covelli, il processo ad Aldo Sassara. L'uomo, 77 anni, è accusato dell’omicidio volontario del cognato Angelo Gianlorenzo, l'agricoltore di 83 anni barbaramente ucciso nelle campagne di Tuscania, in località San Savino, il 14 agosto 2016.

Corte d'assise - Feto nel Cassonetto - A settembre era stata rintracciata a Londra, ma non ci sono notizie da Oltremanica - Il tribunale vuole sentirla per rogatoria internazionale

Ennesimo stop del processo all’infermiere, svanita nel nulla la madre della bimba

Elisaveta Alina Ambrus Viterbo - Ennesimo stop del processo all'infermiere, svanita nel nulla la madre della bimba settimina trovata morta tra i rifiuti di un cassonetto di via Solieri, al Salamaro, il 3 maggio 2013. Di Elisaveta Alina Ambrus, oggi 29enne, resta un foto di quando faceva la "dama di compagnia" al night e aveva venti anni. La corte d'assise ha deciso di disporre una rogatoria internazionale. 

Giudiziaria - Lo stato di diritto esiste anche su internet - Per il tribunale di Viterbo, Franco Grattarola ha "offeso l'onore e la reputazione" di Carlo Galeotti con un commento via web e sotto falso nome

Diffamò il direttore di Tusciaweb, condannato

Franco Grattarola Viterbo - Lo stato di diritto esiste, anche sul web. È del 5 novembre 2018 una sentenza del tribunale di Viterbo ai danni di Franco Grattarola, finito a processo per diffamazione dopo aver "offeso l'onore e la reputazione" del direttore di Tusciaweb Carlo Galeotti, mediante un commento su un quotidiano online.

Tribunale - Bassano Romano - Colpo di scena all'ultima udienza del processo - Per un vizio si ricomincia daccapo e l'agente arriva con un avvocato, pronta a chiedere i danni

Dà della “zoccola” alla vigilessa per una multa e lei si costituisce parte civile

Bassano Romano Bassano Romano - (sil.co.) - "Zoccola" alla vigilessa per una multa, la poliziotta si costituisce parte civile. Colpo di scena all'ultima udienza del processo in cui un automobilista multato per divieto di sosta è accusato di resistenza a pubblico ufficiale. Per un vizio si ricomincia daccapo e l'agente arriva con un avvocato, pronta a chiedere i danni all'imputato.Protesta per la contravvenzione, la vigilessa lo denuncia

Politica - L'ex presidente Anm intercettato mentre spiega all'amico ex ministro la sua idea per farlo uscire dall'indagine

Palamara a Lotti su Consip: “Si chiude, fine, basta”

Luca Palamara Roma – Come chiudere il caso Consip e dare una mano all’amico Luca Lotti. L’ex presidente dell’Associazione nazionale magistrati Luca Palamara, indagato per corruzione, avrebbe pensato anche a questo, stando a quanto risulta dalle intercettazioni dell’inchiesta sul caos procure.  “Supponiamo che c’è Viola e c’è Luca Palamara lì, che cosa dico: crediamo a Scafarto o non gli [...]

Tribunale - Sono tra i 15 imputati del maxiprocesso che ruota attorno a un giro di baby-pusher coordinati da una banda di spacciatori albanesi

Fiumi di cocaina tra giovanissimi, alla sbarra il capomafia Rebeshi e il braccio destro Dervishi

Ismail Rebeshi Viterbo - Fiumi di cocaina tra Vetralla e Viterbo, a processo Ismail Rebeshi e Sokol Dervishi. Il presunto boss della mafia viterbese e il suo braccio destro, ai vertici del sodalizio criminale italo-albanese sgominato con gli arresti del 25 gennaio, sono tra i quindici imputati del maxiprocesso al centro del quale c'è un presunto giro di spaccio che avrebbe utilizzato come pusher ragazzi ventenni.Articoli: Fiumi di cocaina tra Vetralla e Viterbo, in 19 davanti al gup - Spaccio, 19 giovani a rischio processo

Tribunale - L'imputato è accusato di tentato furto e danneggiamento aggravato dall'interesse storico - Il monumento è stato realizzato nel 1915 al posto dell'originale - E' stato restaurato, ma l'area è interdetta da anni

Distrusse la fontana sulla terrazza dell’Ospedale Grande, a processo dopo sette anni

Ospedale grande degli infermi - la terrazza della fontana e nel riquadro la mazzetta sporca di sangue Viterbo - (sil.co.) - Distrusse la fontana sulla terrazza dell'Ospedale Grande, a processo dopo sette anni. Si tratta di un quarantenne viterbese imputato di tentato furto e danneggiamento aggravato dall'interesse storico del monumento, che è stato costruito nel 1915 al posto dell'originale di cui si è persa traccia. Il fontanile, restaurato dalla Asl, si trova nella piazzetta dove stava il bar, sopra l'ex camera mortuaria. L'area è interdetta da anni. 

Tribunale - Genio e sregolatezza - Sancito il non luogo a procedere per estinzione del reato anche per il sindaco di Vignanello, Federico Grattarola

Appaltopoli bis e filone Guardea, tutto prescritto anche per gli ultimi nove imputati

Genio e sregolatezza, la perquisizione dei forestali al Genio civile di Viterbo Viterbo - Appaltopoli bis e filone Guardea, tutto prescritto anche per gli ultimi nove imputati. Sono due dei processi che erano ancora in piedi tra la decina scaturiti dalla maxinchiesta Genio e sregolatezza. Sancito il non luogo a procedere per estinzione del reato anche per il sindaco di Vignanello, Federico Grattarola.

Tribunale - Corruzione a Montefiascone - Parla il consulente di parte del dirigente comunale Angelo Cecchetti - Otto gli imputati

“Le foto aeree sono ingannevoli, non si usano come prova”

Montefiascone - Il comune Montefiascone - (sil.co.) - "Le foto aeree sono ingannevoli, non si usano a fine probatorio". Parla il consulente di parte del dirigente comunale Angelo Cecchetti. Otto gli imputati, tra i quali spicca il responsabile dell’ufficio tecnico del comune falisco.Articoli: Riprese aeree e nuove accuse, strada in salita per il dirigente Angelo Cecchetti - “Sul colle falisco, pratiche edilizie lampo in cambio di bustarelle” – Tangenti e abusi edilizi, a giudizio il dirigente comunale Angelo Cecchetti – Tangenti per mandare a buon fine le pratiche

Tribunale - Maxinchiesta sui rifiuti - E' il processo a sette imputati, tra cui Francesco Zadotti, scaturito dall'operazione Vento di maestrale

Casale Bussi, 78 parti civili contro la malagestione della discarica

Viterbo - Operazione "Vento di maestrale" - Il blitz di carabinieri e polstrada a Casale Bussi - Nei riquadro Francesco Zadotti Viterbo - (sil.co.) - Casale Bussi, 78 parti civili contro la malagestione della discarica. Un numero imponente di presunte vittime contro Ecologia Viterbo al processo scaturito dal filone "Casale Bussi" della maxinchiesta sui rifiuti sfociata in nove arresti all'alba del 3 giugno 2015.

Tribunale - Alla sbarra per violenza sessuale un ottantenne, parla la vittima - E' stato denunciato dalla badante quarantenne della sorella

“Sempre con quella mano schifosa pronta a toccarmi dappertutto… “

Viterbo - Tribunale - Carabinieri Viterbo - "Sempre con quella mano schifosa pronta a toccarmi dappertutto". Ottantenne sotto proceso per violenza sessuale, parla la vittima. Si tratta di un pensionato residente in un centro dell'Alta Tuscia, denunciato dalla badante quarantenne della sorella, deceduta appena due settimane fa, che ieri avrebbe dovuto essere ascoltata come supertestimone dell'accusa. 

Viterbo - Così la madre commenta l'assoluzione dopo 13 anni e mezzo dall'accusa di violenza sessuale sulla figlia - La piccola oggi ha 19 anni - Annientata la famiglia di allora

“Ci hanno distrutto un pezzo di vita che non ritorna”

La corte d'appello di Roma Viterbo - Genitori assolti con formula piena dopo 13 anni e mezzo e una condanna a cinque anni in primo grado dall'accusa di violenza sessuale sulla figlia di sei anni. - Non violentarono la figlioletta, genitori assolti dopo 13 anni e mezzo di calvario

Viterbo - La coppia, denunciata nel lontano 2006 dalla badante di una vicina di casa, ha scontato un anno di arresti domiciliari - "Prima vittima la piccola, privata della sua famiglia", commentano i difensori

Non violentarono la figlioletta, genitori assolti dopo 13 anni e mezzo di calvario

La corte d'appello di Roma Viterbo - Condannati a cinque anni di carcere in primo grado per violenza sessuale aggravata su una bimba di sei anni, sono stati assolti con formula piena in appello. Imputati la madre e il patrigno quarantenni della presunta vittima.

Tribunale - Operazione Tsunami - Così in aula un tossicodipendente, chiamato a testimoniare contro gli spacciatori - "Sono stato manipolato dai carabinieri", ha detto - Il collegio ha rinviato gli atti alla procura

“La droga si trova dappertutto, adesso pure dal tabaccaio”

Operazione Tsunami - Il flusso della droga Ronciglione - (sil.co.) - "La droga si trova dappertutto, adesso pure dal tabaccaio". Così in aula un tossicodipendente, chiamato a testimoniare al processo contro quattro degli spacciatori arrestati nell'operazione "Tsunami".  "Sono stato manipolato dai carabinieri", ha detto in aula. Il collegio ha rinviato gli atti alla procura. 

Tribunale - Gallese - Donna picchiata dal suo compagno - In aula il drammatico racconto del cugino e degli zii della vittima

“A Natale ha minacciato di morte con un bastone tutta la famiglia”

Gallese Gallese - "La sera della vigilia di Natale ha minacciato di morte tutta la famiglia armato di bastone". In aula il drammatico racconto dei parenti stretti della vittima. "Minacciava nostra nipote e la madre di incendiare la bombola del gas", hanno detto in aula.

Tribunale - Per un ordigno esplosivo trovatogli a casa è già stato condannato a 9 mesi

Ammette la guida sotto metadone ma non fa analisi, 34enne a processo

Carabinieri Viterbo - (sil.co.) - Ammette la guida sotto metadone ma non fa le analisi, 34enne a processo. "Dovevamo andare in ospedale, poi hanno trovato i fuochi d'artificio a casa", ha spiegato l'imputato, già condannato a 9 mesi per l'ordigno esplosivo. 

Omicidio a Mammagialla - Nel carcere romano il 34enne reo confesso del delitto di Giovanni Delfino - Dopo il deposito dell'autopsia, la procura potrebbe chiedere l'immediato - Chiederà l'abbreviato condizionato alla perizia psichiatrica la difesa

Uccise il compagno di cella, trasferito a Rebibbia in attesa del processo

Viterbo - Il carcere di Mammagialla - Nel riquadro: Giovanni Delfino Viterbo - E' stato trasferito nel carcere romano di Rebibbia in attesa del processo Sing Khajan, il detenuto 34enne d'origine indiana che lo scorso 29 marzo ha aggredito e ucciso con uno sgabello a Mammagialla il suo compagno di cella, il viterbese 61enne Giovanni Delfino, in seguito a un litigio sul canale televisivo da scegliere per la serata.
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR