--

Cronaca Giudiziaria

Corte d'assise - Giallo di Ronciglione - Tra le parti offese manca la nonna di Landolfi, nuovo stop al processo - L'imputato in carcere "canta nel coro e vuole fare il barbiere" - VIDEO

La mamma di Sestina: “Non mi interessa incontrare la madre di Andrea…”

Giallo di Ronciglione - Le mamme di Maria sestina Arcuri e Andrea Landolfi Cudia (a destra) Viterbo - "Tra le parti offese manca la nonna di Landolfi", nuovo stop al processo per la morte di Sestina. "Non mi interessa incontrare la madre di Landolfi", ha detto intanto mamma Arcuri. "Andrea canta nel coro di Regina Coeli e in carcere vuole fare il barbiere", ha rivelato la mamma dell'imputato. Tribunale off limits a microfoni e telecamere. 

Carabinieri - Ischia di Castro -Si è volatilizzata dopo che la vittima ha versato 250 euro su un conto postapay

Vende orologio “fantasma” su internet, denunciata truffatrice

Carabinieri Ischia di Castro - Vende merce via internet, prende i soldi e si rende irreperibile, è stata identificata e denunciata dai carabinieri.

Tribunale - La vittima: "Un far west, con i clienti che tuggivano senza pagare" - Imputato di lesioni l'avventore - Disposta perizia medico legale sulla parte offesa

Manca l’agnello e la pizza tarda, ristoratore sbattuto al muro

Viterbo - Palazzo di giustizia Viterbo - (sil.co.) - Serata no quella del 20 giugno 2015 per il titolare di un agriturismo aggredito da un avventore finito sotto processo davanti al giudice Silvia Mattei per lesioni. Qualche giorno fa la prima udienza, al termine della quale il giudice ha disposto una perizia medico-legale sulla vittima, riservandosi la nomina del perito all'udienza del prossimo 12 febbraio.

Giallo di Ronciglione - Parla la criminologa Anna Maria Casale, consulente della difesa - Riprende oggi lunedì 20 gennaio il processo per la morte di Maria Sestina Arcuri

“La stessa psicologa della procura dice che il figlio di Landolfi non è attendibile”

Giallo di Ronciglione - La scala da cui è precipitata sestina Arcuri (nell riquadro la criminologa Anna Maria Casale) Viterbo - "La stessa psicologa che ha fatto una consulenza per la procura dice che il bambino ha una sindrome post traumatica da stress, per cui non è attendibile nelle sue dichiarazioni". Dell'esame del figlio di 5 anni che avrebbe incastrato Andrea Landolfi Cudia parla la criminologa Anna Maria Casale, la criminologa forense consulente del difensore Giacomo Marini.

Tribunale - Interviene l'avvocato Bruno Barbaranelli

“Pasquale Gaeta è un libero cittadino e non fa parte di alcuna setta”

Il santone Pasquale Gaeta, alias maestro Lino, in tribunale Acquapendente -  "Pasquale Gaeta è un libero cittadino e non fa parte di alcuna setta”. Scrive l'avvocato Bruno Barbaranelli.Articoli: Giovane soggiogata da una setta, no alla revoca del divieto di avvicinamento chiesta dal santone - Santone denunciato dalla madre di una seguace, superconsulente un esperto di sette sataniche

Acquapendente - E' il professor Sergio Caruso - Il gip: "Il maestro Lino ha fatto leva sulla situazione conflittuale coi genitori"

Santone denunciato dalla madre di una seguace, superconsulente un esperto di sette sataniche

Il santone Pasquale Gaeta, alias maestro Lino, in tribunale Acquapendente - Santone di Acquapendente, un superconsulente per la vittima. E' il criminologo e psicopedagogista Sergio Caruso, esperto in sette sataniche e dinamiche settarie. 

Tribunale - L'uomo aveva già un precedente e successivamente ha violentato una minorenne agganciata su Facebook

Seduce una vedova e la sottopone a continue violenze, condannato a due anni di reclusione

Violenza Viterbo - (sil.co.) - Condannato ieri a due anni per maltrattamenti in famiglia commessi tra il 2012 e il 2013 ai danni di una vedova residente in provincia di Viterbo, a casa della quale era riuscito a piazzarsi per ottenere gli arresti domiciliari, era stato già condannato per violenza sessuale a Salerno, mentre nel 2014, spacciandosi per uno studente di medicina di 25 anni, ha violentato una quindicenne romana agganciata su Facebook.

L'inchiesta - Acquapendente - Confermato l'allontanamento dalla 25enne disposto otto mesi fa - Il maestro Lino indagato anche per esercizio abusivo della professione medica - Ma la perizia psicologica della professoressa Giannini avrebbe in parte alleggerito la posizione del 62enne

Giovane soggiogata da una setta, no alla revoca del divieto di avvicinamento chiesta dal santone

Il santone Pasquale Gaeta, alias maestro Lino, in tribunale Acquapendente - Giovane soggiogata da setta, no alla revoca del divieto di avvicinamento chiesta dal santone. Santone che nel frattempo sarebbe indagato anche per esercizio abusivo della professione medica. Un reato procedibile d'ufficio, senza bisogno della denuncia da parte della vittima che, nel caso specifico, sarebbe una 25enne che non ha mai sporto denuncia contro il presunto aguzzino, denunciato invece dalla madre. 

Tarquinia - Vittima la ex convivente che dopo l'ennesimo episodio ha sporto denuncia - Più volte la donna è finita in ospedale

Picchia e stupra la ex, arrestato un trentaquattrenne

Tarquinia - Polizia Tarquinia - Picchia e stupra la ex, arrestato un 34enne. L'uomo, un italiano, è accusato di violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti in famiglia. Gli agenti del commissariato di Tarquinia, mercoledì pomeriggio, hanno notificato al 34enne un’ordinanza di custodia cautelare, agli arresti domiciliari.

Tribunale - Imputato l'autista di un furgone - Alla vittima: "Ti faccio spezzare le gambe"

Tampona una jeep poi distrugge a sprangate il lunotto posteriore

Nepi Nepi - (sil.co.) - Tampona una jeep, la prende a calci e distrugge a sprangate il lunotto posteriore. Vittima il titolare di una sala da ballo,  parte civile nel processo assieme al padre in quanto il fuoristrada è intestato all'azienda di famiglia.

Tribunale - Tragedia nel lago di Bolsena - In aula un poliziotto della Digos: "Tuttora congelati i dati dei quattro imputati"

“Commenti razzisti sulla pagina Facebook di Tusciaweb, ecco come siamo risaliti agli autori”

Morientes Diomande Viterbo - "Commenti razzisti sulla pagina Facebook di Tusciaweb, congelammo i dati sui profili degli indagati". Lo ha detto ieri l'ispettore della Digos Marco Ferri, primo testimone al processo ai quattro utenti del social network imputati di xenofobia per avere inneggiato sulla pagina Facebook di Tusciaweb alla morte di un giovane immigrato ospite di un centro di accoglienza, annegato il 3 agosto 2017 nel lago di Bolsena. Da "uno di meno" a "a casa sua era ancora vivo". 

Stupro al pub di CasaPound - E' tra i motivi del ricorso in appello del legale della vittima: "Un impegno vincolante per gli imputati"

“Licci e Chiricozzi non hanno versato i 20mila euro promessi al processo per avere le attenuanti”

Viterbo - L'arresto di Riccardo Licci e Francesco Chiricozzi di CasaPound Viterbo - (sil.co.) - Stupro di gruppo al pub, tra i motivi del ricorso in appello della vittima contro la sentenza di condanna in primo grado del 15 novembre scorso, il fatto che i ventenni Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci non abbiano ancora versato gli ulteriori 20mila euro di risarcimento, da aggiungere ai 40mila dati dai loro familiari prima del processo, per i quali si erano impegnati in maniera "vincolante ai fini delle attenuanti" davanti al giudice Elisabetta Massini.

Roma - Il colonnello Sergio De Caprio arrestò Totò Riina il 15 gennaio 1993

Il Tar del Lazio conferma la revoca della scorta al capitano Ultimo

Il colonnello Sergio De Caprio, meglio noto come "capitano Ultimo" Roma - Il Tar del Lazio conferma la revoca della scorta al capitano Ultimo.

Tribunale - Ai domiciliari da sette mesi per maltrattamenti, è accusato anche di stalking

“Posso uccidere senza toccare”, processo bis allo sciamano

Viterbo - Palazzo di giustizia Viterbo - (sil.co.) - “Posso uccidere senza toccare”, processo bis per lo sciamano che, accecato dalla gelosia, avrebbe minacciato la ex di fare una strage tramite la magia.

Tribunale - Sentito sui rapporti tra L'Opinione nazionale e L'Opinone di Viterbo - Tra i testi del pm Siddi anche l'ex presidente dell'Ater e un notaio viterbese

Macchina del fango, tra i testimoni dell’accusa il direttore Arturo Diaconale

Arturo Diaconale Viterbo - Macchina del fango, tra i testimoni dell'accusa il direttore Arturo Diaconale. Il noto giornalista, 75 anni, dal 2016 è il responsabile della comunicazione della Società Sportiva Lazio nonché portavoce del presidente Claudio Lotito. All'epoca dei fatti per i quali il pubblico ministero Massimiliano Siddi ne ha chiesto la testimonianza, tra il 2011 e il 2012, era invece il direttore del quotidiano L'Opinione delle libertà.

Tribunale - Nel banco degli imputati due imprenditori e due loro dipendenti - Presunte vittime, autisti costretti a turni massacranti e sottopagati con la minaccia del licenziamento

Evasione milionaria e sfruttamento, in quattro a processo

Viterbo - Il tribunale Viterbo - Al via il processo per evasione fiscale, intermediazione illecita e sfruttamento dei lavoratori a carico di quattro persone fisiche, più un consorzio. Ieri davanti al collegio, presieduto dal giudice Silvia Mattei, la prima udienza del processo che vede imputati gli imprenditori viterbesi Giuseppe e Stefania Boni, i due dipendenti Roberto Aquilanti e Andrea De Angelis e il consorzio cooperativo a responsabilità limitata in liquidazione Interservice Group di Viterbo. Articoli: Evasione milionaria e lavoratori sfruttati, nella rete della finanza imprenditore - Evasione milionaria e sfruttamento di manodopera, quattro rinvii a giudizio – Evasione milionaria e sfruttamento, in quattro rischiano il processo 

Viterbo - Le difese: "Sono gli unici cui non è contestata l'associazione di stampo mafioso" - Uno dei legali: "La mafia è ben altra cosa, il contesto viterbese non è da sodalizio mafioso"

Operazione Erostrato, chiedono la revoca degli arresti i tre imputati Pecci, Erasmi e Pavel

Il tribunale di Roma - Nei riquadri Ionel Pavel, Emanuele Erasmi e Manuel Pecci Viterbo - Mafia viterbese, chiedono la revoca dell'arresto o un alleggerimento della misura i tre imputati rinviati ieri a giudizio dal gup romano Emanuela Attura. Sono Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel per i quali il processo si aprirà il 9 marzo davanti al collegio del tribunale di Viterbo. "La mafia è ben altra cosa, il contesto viterbese non è da sodalizio mafioso, anche se su coloro che hanno scelto l'abbreviato pende l'associazione a delinquere di stampo mafioso", commenta il difensore di uno dei due viterbesi da un anno agli arresti domiciliari. 

Tribunale - In aula un'imprenditrice di Soriano nel Cimino che racconta di come avrebbe "perso" parte dei suoi risparmi - Sul banco degli imputati il responsabile degli uffici postali di Chia e Bomarzo, accusato di peculato

“Mi fidavo ciecamente e alla fine ho perso 62mila euro”

Viterbo - Tribunale Viterbo - "Mi fidavo ciecamente e alla fine ho perso 62mila euro". In aula un'imprenditrice di Soriano nel Cimino racconta, davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei, di come avrebbe "perso" parte dei suoi risparmi. E' ripreso ieri il processo all’ex direttore delle poste di Chia e Bomarzo, accusato di peculato. Presunta vittima l’imprenditrice di Soriano nel Cimino che avrebbe “smarrito” l'ingente somma. Sul banco degli imputati Luciano Pischedda.  Articoli: Sessantamila euro svaniscono nel nulla, ex direttore delle poste alla sbarra per peculato - Scappa con sessantamila euro di una cliente, a processo ex direttore delle Poste

Tribunale - La sentenza della corte di appello di Torino

“C’è un nesso tra l’uso del cellulare e alcuni tipi di tumore”

Un telefono cellulare Torino - "C'è un nesso tra l'uso del cellulare e alcuni tipi di tumore".  La sentenza della corte di appello di Torino. 

Operazione Erostrato - Rinviato a giudizio anche il romeno Ionel Pavel- Prima udienza il 9 marzo

Mafia, processo ordinario per i viterbesi Manuel Pecci e Emanuele Erasmi

Mafia a Viterbo - Manuel Pecci Roma - (sil.co.) – Mafia viterbese, processo col rito ordinario per il parrucchiere trentenne Manuel Pecci, l'artigiano 51enne Emanuele Erasmi e il romeno 36enne Ionel Pavel. Sono accusati di essere concorrenti in alcuni delitti fine nell'ambito della presunta associazione a delinquere di stampo mafioso sgominata un anno fa.

Operazione Erostrato - Optano per il rito alternativo anche i boss Trovato e Rebeshi

Mafia viterbese, nove arrestati su tredici scelgono l’abbreviato

Giuseppe Trovato Roma - (sil.co.) - Mafia viterbese, nove arrestati su tredici scelgono l'abbreviato. Non luogo a procedere per Ionel Pavel, chiesto dal difensore Michele Ranucci. Il 36enne è l'unico d'origine romena tra i 13 arrestati dell'operazione Erostrato coordinata dalla Dda di Roma. 

Operazione Erostrato - Oggi davanti al gup di Roma i nove arrestati per cui è stato chiesto il rinvio a giudizio lo scorso 21 dicembre

Mafia viterbese, scatta la corsa all’abbreviato e il maxiprocesso rischia di diventare mini

Mafia a Viterbo - I tredici arrestati Viterbo - (sil.co.) - Mafia viterbese, scatta la corsa all'abbreviato e il maxiprocesso rischia di diventare mini. Sarebbe questo l'orientamento delle difese di gran parte dei nove indagati per cui il 21 dicembre è stato chiesto il rinvio a giudizio in vista dell'udienza di oggi davanti al gup del tribunale di Roma Emanuela Attura. 

Tribunale - Presunte vittime due agenti della polizia stradale - Erano i tempi della maxinchiesta sulla "macchina del fango"

Registrazioni a luci rosse, Gianlorenzo assolto dall’accusa di calunnia

Paolo Gianlorenzo con l'avvocato Franco Taurchini Viterbo - (sil.co.) - File audio a luci rosse, assolto il giornalista Paolo Gianlorenzo accusato di calunnia ai danni di due agenti del nucleo di polizia giudiziaria della stradale.

Commerciante ucciso in centro - Rifiutate dal collegio dei giudici le due richieste della difesa - In corso il processo in corte d'assise

Omicidio Fedeli, niente abbreviato né perizia psichiatrica per Pang

Omicidio in via San Luca - I rilievi della scientifica - Nei riquadri: Norveo Fedeli e Michael Aaron Pang Viterbo - Omicidio Fedeli, niente abbreviato né perizia psichiatrica per Pang. E' in corso il processo in Corte d'Assise per Michael Aaron Pang, il 23enne americano reo confesso dell’omicidio di Norveo Fedeli, commerciante di 74 anni ucciso nel suo negozio di via San Luca il 3 maggio 2019.Omicidio di Norveo Fedeli, al via il processo al 23enne americano reo confesso del delitto

Commerciante ucciso in centro - Comparirà questa mattina davanti alla corte d'assise Michael Aaron Pang - Parti civili i familiari della vittima

Omicidio di Norveo Fedeli, al via il processo al 23enne americano reo confesso del delitto

Viterbo - Omicidio in via San Luca - Il ragazzo immortalato dalle telecamere e Norveo Fedeli Viterbo - (sil.co.) - Non ci saranno questa mattina in tribunale i genitori di Michael Aaron Pang, il 23enne americano reo confesso dell'omicidio di Norveo Fedeli, il commerciante di 74 anni ucciso nel suo negozio di via San Luca all'ora di pranzo del 3 maggio 2019. Ci saranno invece la vedova di Fedeli, Maria Chiara Torri, i figli Pierluigi e Natalia, parti civili assieme ai due nipoti diretti dell’imprenditore, un ragazzo maggiorenne e una bambina minorenne.
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR