--

Cronaca Giudiziaria

Coronavirus - Tribunale - Restano ai domiciliari gli imputati Dante Presciutti e Zekir Mahmudov - Hanno rinunciato a causa dell'emergenza Covid

Boscaiolo travolto dal trattore, salta il processo ai datori di lavoro

Soriano nel Cimino - Incidente mortale sul lavoro - Nel riquadro Botan Dumitru Viterbo -  (sil.co.) - Salta a causa dell'emergenza Coronavirus il processo ai due datori di lavoro accusati di omicidio colposo per la morte di un operaio.

Giallo di Ronciglione - Lo scorso primo aprile una richiesta di colloquio era stata già recapitata al pm Franco Pacifici

“Andrea Landolfi ha confessato l’omicido di Sestina”, pronti a testimoniarlo due compagni di cella

Andrea Landolfi Ronciglione - (sil.co.) - "Andrea Landolfi ha confessato l'omicido di Sestina", pronti a testimoniare due compagni di cella.  Risale al primo aprile la richiesta di colloquio al pubblico ministero Franco Pacifici da parte di una persona informata dei fatti che sostiene di avere sentito con le sue orecchie Andrea Landolfi fare delle ammissioni durante un colloquio in carcere. Adesso spuntano altri due presunti supertestimoni.Articoli:  “Rivelazioni importanti in carcere”, spunta un supertestimone contro Andrea Landolfi - Colpo di scena al processo per la morte di Sestina, Landolfi cambia nuovamente difensore - Landolfi rinuncia, per il Coronavirus slitta il processo

Giallo di Ronciglione - L'avvocato Giacomo Marini: "Io non avrei mai abbandonato Andrea" - Al suo posto due legali

Colpo di scena al processo per la morte di Sestina, Landolfi cambia nuovamente difensore

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri Ronciglione - Giallo di Ronciglione, ennesimo colpo di scena al processo per la morte di Maria Sestina Arcuri. Andrea Landolfi, il fidanzato imputato di omicidio, ha cambiato per la quarta volta difensore. No comment dell'ex legale Giacomo Marini: "Posso solo dire che io non avrei mai abbandonato Andrea". Al suo posto, dalla prossima udienza, una coppia di difensori.

Covid-19 - Tribunale - Corte d'assise - Imputati Graziano Rappuoli, Andrea Landolfi e Michael Pang - Vittime la neonata gettata nel cassonetto, Sestina Arcuri e Norveo Fedeli

Epidemia di Coronavirus, saltano tre processi per omicidio in un giorno

Coronavirus - Tribunale chiuso Viterbo - (sil.co.) - Epidemia di Coronavirus, in un giorno saltano tre processi per omicidio. Rinviati ad altra data il processo all'infermiere Graziano Rappuoli che avrebbe procurato il farmaco abortivo alla madre delle neonata gettata tra i rifiuti il 2 maggio 2013 a Viterbo; a Andrea Landolfi accusato di avere gettato per le scale la fidanzata Sestina il 4 febbraio 2019 a Ronciglione; a Micheal Aaron Pang, il 23enne degli Usa assassino reo confesso di Norveo Fedeli, il commerciante viterbese ucciso nel suo negozio il 3 maggio 2019.

Giallo di Ronciglione - Le udienze del 30 e 31 marzo rinviate al 27 aprile - Si allungano i tempi per fare chiarezza sulla morte di Maria Sestina Arcuri

Landolfi rinuncia, per il Coronavirus slitta il processo

Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri Ronciglione - Accusato dell'omicidio della fidanzata, Andrea Landolfi Cudia rinuncia, slitta il processo per via del Coronavirus. Le udienze del 30 e 31 marzo spostate dunque al 27 aprile, auspicando che per quella data sia finita l'emergenza. 

Coronavirus - Tribunale - L'intervento proseguirà per tutta la giornata - Le attività, ridotte a causa dell'emergenza, riprenderanno venerdì 27 marzo

Coronavirus, domani chiuso per sanificazione il palazzo di giustizia

Coronavirus - Tribunale chiuso Viterbo - Domani, per procedere alla sanificazione dei locali, sarà chiuso per tutta la giornata il palazzo di giustizia. 

Operazione Erostrato - Per i dieci imputati che hanno chiesto l'abbreviato - L'accusa ha già chiesto complessivamente 135 anni

Mafia viterbese, il processo slitta per Coronavirus

Mafia a Viterbo - I tredici arrestati Viterbo - (sil.co.) - Emergenza Coronavirus, vittima eccellente il processo romano ai dieci imputati che hanno scelto il rito abbreviato.

Coronavirus - La denuncia del primario di Cardiologia Ciro Mauro lanciata su Facebook: "L'ospedale andrà lo stesso avanti conseguendo come al solito i migliori risultati"

Troppe assenze per malattia al “Cardarelli” di Napoli, la procura apre un’inchiesta

Napoli - L'ospedale Cardarelli Napoli – Troppe assenze per malattia all’ospedale Cardarelli di Napoli, la procura apre un fascicolo. Dopo la denuncia lanciata su Facebook alcuni giorni fa dal primario di Cardiologia Ciro Mauro, ripresa dal Fatto quotidiano, sono scattati gli accertamenti dei Nas dei carabinieri e l’indagine interna della direzione dell’ospedale. “Penso a tutti gli operatori del Cardarelli che sono [...]

Tribunale - La presunta vittima ritira la querela, ma nel frattempo è scattato l'allontanamento

Denuncia il marito poi ci ripensa, ma per il gip devono stare a distanza

Viterbo - Tribunale - Carabinieri Viterbo - (sil.co.) - Costretti a stare a distanza a prescindere dal Coronavirus. La moglie lo denuncia e il giudice dispone il divieto di avvicinamento a meno di 100 metri dalla donna. Nonostante lei ci abbia ripensato e già dopo due giorni abbia ritirato la querela. 

Coronavirus - Tribunale - L'esperienza di un difensore nominato d'ufficio: "E' difficile avere un rapporto con un essere umano senza potergli stringere la mano"

Interrogatori con la mascherina anticontagio e da oggi in videoconferenza con Mammagialla

Il tribunale Viterbo - (sil.co.) - Coronavirus, interrogatori con la mascherina anticontagio e da oggi in videoconferenza con Mammagialla. L'esperienza di un difensore nominato d'ufficio per cui non conosceva l'indagato: "Avere un rapporto empatico con un essere umano senza potergli stringere la mano, avvicinarsi oppure poter parlare prima dell'udienza, è difficile". 

Cronaca - Lettera di Sappe, Osap, Uilpa Pp, Sinappe e Uspp al premier per chiedere un incontro sull'emergenza carceri

Polizia penitenziaria, i sindacati a Conte: “Bonafede non ci ascolta”

Polizia penitenziaria Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Signor presidente del consiglio, le scriventi organizzazioni sindacali, che rappresentano la stragrande maggioranza del personale appartenente al corpo di polizia penitenziaria e che hanno già avuto modo di lanciare l’allarme sulla situazione emergenziale delle carceri italiane, anche in occasione di un breve incontro tenutosi prima della fine dell’anno con lei, tornano [...]

Cronaca - Promette battaglia il processo bis per disastro colposo a Cuzzoli e Sangiorgi - I difensori degli ex primi cittadini di Caprarola e Ronciglione: "La corte d'appello è tenuta per legge a risentire il perito"

“Lago di Vico, la sentenza d’assoluzione non è stata annullata”, gli ex sindaci avvisano il Codacons

Il lago di Vico Viterbo - "Lago di Vico, la sentenza d'assoluzione non è stata annullata", replicano gli ex sindaci al Codacons. Promette battaglia il processo bis per disastro colposo agli ex sindaci di Ronciglione e Caprarola.

Bari - L'ex consigliere di stato è indagato per violenza privata nei confronti di alcune allieve dei suoi corsi di preparazione all'ingresso in magistratura

Caso Bellomo, la Cassazione su dress code imposto a studentesse: “Lesivo della dignità umana”

Francesco Bellomo Bari -  Caso Bellomo, la Cassazione su dress code imposto a studentesse: "Lesivo della dignità umana".

Corte d'appello - In primo grado sono stati entrambi assolti con formula piena - Accolto il ricorso del pm Franco Pacifici - Esulta il Codacons per le parti civili

Lago di Vico, processo bis per gli ex sindaci accusati di disastro ambientale

Il lago di Vico all'alba Viterbo - Lago di Vico, processo bis davanti alla corte d'appello di Roma per gli ex sindaci di Ronciglione e Caprarola accusati di disastro ambientale. Massimo sangiorgi e Alessandro Cuzzoli due anni fa sono stati assolti con formula piena in primo grado. Accolto il ricorso del pm Franco Pacifici e delle parti civili. Esulta il Codacons. 

Viterbo - Lo annuncia il Codacons

“Lago di Vico, il processo sull’inquinamento riparte da zero”

Viterbo - Tribunale Ronciglione - "Lago di Vico, il processo sull'inquinamento riparte da zero". Lo annuncia il Codacons in una nota.

Tribunale per i minorenni - Bagnoregio -Il giovane è imputato di omicidio preterintenzionale - Da sette mesi è agli arresti domiciliari in comunità

Rinviato il processo al 17enne accusato di avere ucciso con un pugno il vicino di casa 76enne

Bagnoregio - Antonio D'Orazi, l'anziano ucciso in una lite di condominio Bagnoregio - (sil.co.) - Tribunale per i minorenni di Roma, rinviato a data da destinarsi il processo al diciassettenne di Bagnoregio ai domiciliari da sette mesi con la pesante accusa di omicidio preterintenzionale.

Viterbo - Stretta ulteriore in seguito alle nuove disposizioni del premier Conte - Porte serrate anche agli avvocati giunti di buonora per prendere i rinvii

Tribunale lockdown, da oggi blocco totale delle udienze contro il Coronavirus

Coronavirus - Tribunale chiuso Viterbo - (sil.co.) - Tribunale lockdown, da oggi blocco totale delle udienze contro il Coronavirus.Articoli: Coronavirus, giustizia al rallentatore ma non è blocco totale dei processi - Udienze rinviate a dopo il 22 marzo e nuovo orario di apertura al pubblico di uffici e cancellerie

Bagnoregio - Oggi davanti al tribunale dei minori per omicidio preterintenzionale

Diciassettenne accusato di avere ucciso vicino durante una lite, al via il processo

Bagnoregio - Antonio D'Orazi, l'anziano ucciso in una lite di condominio Bagnoregio - (sil.co.) - Anziano ucciso con un pugno durante una lite da un vicino di casa minorenne, al via il processo per omicidio preterintenzionale.

Mammagialla - In carcere il collegio, il pm Tucci, gli avvocati delle parti e il parrucchiere trentenne viterbese - L'artigiano 51enne ha rinunciato a partecipare all'udienza - Il romeno ha assistito dal penitenziario di Torino

Mafia viterbese, ammissione prove in videoconferenza col Piemonte per Pecci, Erasmi e Pavel

Mafia viterbese - Udienza a Mammagialla Viterbo - Mafia viterbese, si è tenuta ieri in carcere in videoconferenza col Piemonte l'udienza di ammissione prove del processo a Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel, che entrerà nel vivo il prossimo 2 aprile quando saranno sentiti i primi testimoni dell'accusa.

Corte d'assise - Giallo di Ronciglione - Pronto a chiedere il rinvio il difensore del trentenne accusato di omicidio per la morte di Sestina Arcuri - Le prossime udienze sono fissate per il 30 e 31 marzo

“Stop per Coronavirus del processo a Andrea Landolfi, il legale della nonna viene da Milano”

Giallo di Ronciglione - Terzo sopralluogo dei Ris - Nei riquadri: Andrea Landolfi e Maria Sestina Arcuri Ronciglione -  (sil.co.) - "Stop per coronavirus del processo a Andrea Landolfi, il legale della nonna viene da Milano". E' pronto a chiedere il rinvio delle udienze già fissate per il 30 e 31 marzo il difensore del trentenne romano accusato di omicidio per la morte di Sestina Arcuri, precipitata dalle scale a Ronciglione la notte tra il 3 e il 4 marzo 2019.

Giallo di Ronciglione - L'angoscia della madre dell'imputato: "Si stanno ribellando all'interno, botte, battitura, urla" - Il difensore: "E' consapevole dei rischi corsi dal figlio detenuto"

La mamma di Andrea Landolfi: “Qui a Regina Coeli sta succedendo il bordello”

Regina Coeli - Detenuti in rivolta. fuori del carcere anche la mamma di Andrea Landolfi (nel riquadro) Ronciglione - "Qui a Regina Coeli sta succedendo il bordello, si stanno ribellando all'interno, botte, battitura, urla, qui sta veramente succedendo il bordello". E' il drammatico messaggio vocale inviato ieri mattina dalla mamma di Andrea Landolfi Cudia dall'esterno del carcere dove è detenuto il figlio Andrea Landolfi. 

Tribunale di Roma - Operazione Underground - Saranno processati coll'abbreviato l'8 giugno, a meno di un anno dall'arresto - Davanti al gip Vilma Passamonti il rito alternativo

Fiumi di cocaina dal Belgio, sentenza prima dell’estate per quattro presunti narcotrafficanti

Carabinieri - Stroncato traffico internazionale di droga - Rudenc Medolli Roma - (sil.co.) - Fiumi di cocaina dal Belgio, saranno processati il prossimo 8 giugno i quattro arrestati nell'operazione scattata il 13 giugno 2019 che hanno chiesto di essere giudicati con il rito abbreviato dopo l'accoglimento della richiesta di immediato da parte della Dda di Roma. 

Tribunale - Si terranno regolarmente le udienze di convalida - Avvocatessa rientra dalla nuova zona rossa: "Sono in quarantena obbligatoria"

Coronavirus, giustizia al rallentatore ma non è blocco totale dei processi

Il bar del tribunale Viterbo - (sil.co.) - Coronavirus, giustizia al rallentatore ma non è blocco totale dei processi. Si terranno regolarmente, ad esempio, le udienze di convalida dei fermi e degli arresti. Avvocatessa rientra dalla nuova zona rossa: "Sono in quarantena obbligatoria". Nel frattempo anche il bar del tribunale mantiene le distanze. 

Mafia viterbese - Il romeno è detenuto a Torino e il tribunale non è attrezzato per il collegamento in videoconferenza

Al via a Mammagialla il processo a Manuel Pecci, Emanuele Erasmi e Ionel Pavel

Mafia viterbese - Una delle vetture date alle fiamme (nei riquadri Giuseppe Trovato e Ismail Rebeshi) Viterbo - (sil.co.) - Mafia viterbese, prima udienza nel carcere di Mammagialla per il processo col rito ordinario al parrucchiere trentenne Manuel Pecci, all’artigiano 51enne Emanuele Erasmi e al romeno 36enne Ionel Pavel. Sono accusati di essere concorrenti in alcuni delitti fine nell’ambito della presunta associazione a delinquere di stampo mafioso sgominata nel blitz dell'operazione Erostrato del 25 gennaio 2019.

Operazione Undergorund - Rito abbreviato davanti al gip Passamonti di Roma per gli arrestati che lo hanno chiesto

Fiumi di cocaina dal Belgio, a processo la banda dei narcotrafficanti

Carabinieri - Stroncato traffico internazionale di droga - Armand Cuni Viterbo - (sil.co.) - Fiumi di cocaina dal Belgio, a processo una parte della banda dei narcotrafficanti. La droga, una volta giunta nella Tuscia, sarebbe stata tagliata, suddiviso in dosi e posta in barattoli di vetro pieni di riso per preservarla dall’umidità. I contenitori sarebbero poi stati occultati in campagna e anche sulla Palanzana, dove sono stati rinvenuti dagli investigatori.

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR