Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corchiano - Pronta una richiesta di risarcimento danni ambientali

Rio Fratta inquinato, il sindaco accusa

Condividi la notizia:

Riceviamo e pubblichiamo – La comunità di Corchiano dice basta! Basta all’arroganza, alla protervia e alla speculazione di alcuni che in spregio alla normativa ambientale e sanitaria e alle elementari norme del comune buon senso deturpano e inquinano ambienti e paesaggi, in particolare le acque del Rio Fratta, un affluente del Tevere che scorre nel tratto della forra corchianese in direzione ovest-est.

Dopo ripetuti avvisi ed esposti alle autorità competenti, anche quest’anno, con la stagione della raccolta delle olive e con la riapertura dei frantoi, puntuale è tornata a riversarsi nel Rio Fratta la marea nera derivante dagli scarti di lavorazione della frangitura delle olive. Sono anni infatti che a monte del corso d’acqua vengono scaricati illegalmente importanti quantitativi di acque acide e inquinanti.

Non si tratta tuttavia solo di reati ambientali e di rispetto della legalità. In questo caso si ha a che fare anche con i valori, in particolare con il rispetto nei confronti di persone, comunità e territori.

Rispetto verso tutte quelle donne e quegli uomini di Corchiano che ogni giorno si impegnano nell’attuare le buone pratiche locali, nello sviluppo sostenibile e nella valorizzazione dell’acqua e dei beni comuni. Proprio l’acqua rappresenta il bene comune più prezioso, una risorsa da custodire con cura, da non sprecare, da non inquinare e da tramandare alle future generazioni.

Pertanto, l’Amministrazione comunale, Legambiente, il mondo dell’associazionismo locale, i portatori d’interesse collettivo e i singoli cittadini sono pronti a presidiare le sponde del Fratta per garantire la salute pubblica e il rispetto della legalità e dell’ambiente. Non solo, sono pronti a risalire il corso d’acqua al fine di ricercare gli scarichi abusivi e trovare così i colpevoli del danno ambientale.

Dal canto suo, l’Amministrazione comunale, garante della legalità e della salute pubblica, coinvolgendo i Comuni limitrofi dove risiedono alcuni frantoi, farà ricorso a tutte quelle azioni finalizzate a stroncare una volta per tutte il malcostume di certi imprenditori e soprattutto le insostenibili pratiche di smaltimento illegale di rifiuti speciali.

Inoltre, farà richiesta di risarcimento dei danni ambientali. Intanto, il sindaco Bengasi Battisti ne ha riferito al Comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato. Le acque nere, oltre che uno sfregio all’ecosistema, sono un insulto alla volontà dei cittadini, che desiderano vivere in ambienti salubri e ricchi di vita e di biodiversità.

Bengasi Battisti
Sindaco di Corchiano


Condividi la notizia:
17 novembre, 2010

Rio Fratta inquinato ... Gli articoli

  1. Urgente la bonifica del Rio Fratta
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR