Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Il bambino trasportato all'Umberto I di Roma

Incendio, la nonna non ce l’ha fatta

Condividi la notizia:

L'incendio in via Rasetti - L'intervento dei vigili del fuoco

L'incendio in via Rasetti - L'intervento dei vigili del fuoco

L'incendio a Via Rasetti
L'incendio a Via Rasetti
L'incendio a Via Rasetti
L'incendio a Via Rasetti
L'incendio in via Rasetti

–  Incendio in casa, la nonna non ce l’ha fatta.

La signora di 87 anni, Linda Sganappa, che si trovava in casa con il nipote disabile di dieci anni è deceduta a Belcolle dove era stata ricoverata nel reparto di rianimazione (fotocronaca).

L’anziana era stata trovata priva di sensi ma ancora in vita dai vigili del fuoco.

I tentativi di salvarla sono stati purtoppo inutili e la donna è morta in ospedale.

Quanto al nipotino di 10 anni, invece, il personale sanitario del 118 lo ha trasportato con l’eliambulanza all’Umberto I di di Roma. A preoccupare i medici non sarebbero le ustioni, ma l’intossicazione da monossido di carbonio, sprigionatosi nel rogo e che il piccolo ha respirato. I medici lo avrebbero sottoposto ad alcune sedute di camera iperbarica.

Durante l’intervento è rimasto ferito anche un vigile del fuoco, che ha urtato contro un corpo contundente e si è tagliato a una mano. La ferita è stata medicata dai medici del pronto soccorso di Belcolle, con sette punti di sutura.

Ancora da accertare le cause che hanno scatenato le fiamme nello stabile di via Rasetti.

Al momento dell’incendio, i genitori del piccolo erano già usciti di casa.

L’appartamento sarebbe andato completamente distrutto. Il pianterreno e quello superiore sono stati posti sotto sequestro dalla procura della Repubblica di Viterbo.

Due le famiglie rimaste senza casa. Per loro si sarebbe già attivato il sindaco Giulio Marini, tramite l’assessorato ai Servizi sociali che, in mancanza di parenti che possano ospitarle, troverà loro un alloggio.


Condividi la notizia:
28 maggio, 2011

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR