--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Polizia volante - Il 40enne arrestato per violenza, lesioni e minacce ha anche danneggiato gli uffici della Questura

Calci e pugni fuori a un locale, preso

Condividi la notizia:

Una pattuglia della polizia

Una pattuglia della polizia

Calci e pugni fuori a un locale, arrestato.

Nel tardo pomeriggio di ieri gli equipaggi della squadra volante, diretti dal vicequestore aggiunto Alba Milioni, sono intervenuti in un esercizio pubblico della periferia per la presenza di un uomo che, in evidente stato di agitazione, stava creando seri problemi agli avventori.

Giunti sul posto gli agenti delle volanti notavano un giovane che voleva entrare a tutti costi all’interno del locale per aggredire un’altra persona.

Nonostante fosse trattenuto dal titolare e da un cliente, dopo diversi tentativi di dissuasione da parte dei poliziotti l’uomo, 40enne, li minacciava con frase ingiuriose sferrando calci e pugni per scappare.

I poliziotti sono però riusciti a fermarlo anche se l’uomo per dimenarsi li ha colpiti uno in pieno volto e uno a un ginocchio.

Il 40enne è stato quindi portato in Questura con l’auto di servizio dove è stato arrestato anche perché, secondo quanto riferito dalle forze dell’ordine, continuava a tenere una condotta furiosa e, con una mossa fulminea e inaspettata, avrebbe perfino danneggiato gravemente una parete degli uffici.

L’uomo è stato poi portato nel carcere di Mammagialla in attesa del giudizio per direttissima con le accuse di violenza e minacce a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento.


Condividi la notizia:
11 marzo, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR