--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - Il coordinamento Larghe Intese attacca il Pd locale

“Un progetto come le terme non dovrebbe creare divisioni…”

Condividi la notizia:

Riceviamo e pubblichiamo – Le parole di Alvaro Ricci, consigliere comunale del Pd di Viterbo, la dicono lunga su come a volte la mano sinistra non sa cosa faccia l’’altra mano sinistra.

E’ il caso emblematico del Pd. Infatti, mentre a Viterbo i consiglieri comunali del partito si preoccupano di mettere in campo iniziative per rilanciare e proteggere la propria economia e le proprie Terme, a Civitavecchia succede esattamente il contrario.

Qui il Pd con le solite facce, pensa bene di anteporre la politica ai cittadini. Di attaccare chi ha deciso di investire in un’’opera colossale che porterà sviluppo e occupazione dopo decenni di nulla. Non solo, i consiglieri del Pd di Civitavecchia, a differenza di quelli di Viterbo, mesi fa, quando l’atto sulle Terme approdava in consiglio comunale, pensarono bene di andare oltre: non lo votarono.

Un progetto come le Terme, indirizzato ai giovani, al fine di creare occupazione, sviluppo, indotto, non dovrebbe portare a divisioni o almeno così dovrebbe essere. Ma a Civitavecchia, si sa, tutto può succedere, e accade anche che un partito come il Pd sia ormai ostaggio della famiglia Tidei, padre e figlia, che accecati dalla rabbia perché in picchiata nei sondaggi, non riescono più a ragionare.

Ai Tidei, che sulle Terme le hanno tentate tutte per bloccare il progetto tuttavia non riuscendovi, suggeriamo di guardare a Viterbo, dove il consigliere Ricci ha ben capito quale’è lo straordinario valore del progetto Terme, tanto da esprimere preoccupazioni per il futuro di quelle di Viterbo, a differenza del Pd di Civitacvecchia, impegnato in una dissennata battaglia contro il futuro della città. Comunque, il valore delle Terme qualcuno lo aveva già compreso da tempo e questo qualcuno si chiama Gianni Moscherini che le Terme le ha sbloccate dopo decenni di fallimenti a catena incassati dalla stessa sinistra di famiglia che oggi non si rende ancora conto che nessuno la segue più, nemmeno i suoi amici di Viterbo.

Coordinamento elettorale Larghe Intese per Moscherini Sindaco


Condividi la notizia:
30 aprile, 2012

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR