Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bagnaia - La coordinatrice Mongiardo: "Volevamo un campetto, non una trappola"

Parco giochi, il Pd al Comune: “E’ una presa in giro?”

Condividi la notizia:

Il parco giochi di Bagnaia

Il parco giochi di Bagnaia

Riceviamo e pubblichiamo – Erano i primi mesi del 2011 quando una delegazione del Comitato permanente per Bagnaia venne ascoltata dalla giunta comunale e dai capigruppo in consiglio per discutere della grave condizione in cui versava – e versa ancora – la frazione di Bagnaia.

Tra le richieste dei bagnaioli – legittime quanto inesaudite – vi era quella di un’area attrezzata per i bambini, un campo giochi dove poter far giocare figli e nipoti in sicurezza, lontani dai pericoli della strada.

Orbene, nei mesi scorsi dopo diverse sollecitazioni, il Comune ha provveduto alla realizzazione di questo parco giochi mai inaugurato e reso fruibile ai cittadini perché – come testimonia il video realizzato dal Comitato permanente per Bagnaia – quel campetto tanto agognato somiglia più che altro a una trappola.

La domanda sorge spontanea: è una presa per i fondelli o una “punizione” inflitta ai bagnaioli per aver avanzato una richiesta?

E ancora, come poter pensare che i bambini possano usufruire di quella struttura che gode delle più complete caratteristiche di insicurezza? E’ forse prevista una speciale formula assicurativa da sottoscrivere prima di accedere all’area giochi?

Se giocando a calcio – malauguratamente – il pallone dovesse colpire un bambino sull’altalena vicina e farlo cadere? Se i bimbi scivolassero sulla ghiaia? Se sbattessero la testa sui pali che delimitano il campetto da calcio?

Sono scenari che non vogliamo nemmeno immaginare ma che la realtà ci impone di considerare se la struttura venisse aperta al pubblico in queste condizioni.

A cosa dobbiamo questa scelta dell’amministrazione, a un’irrefrenabile voglia di azioni legali per infortunio in luogo pubblico o alla semplice noncuranza?

I bagnaiaoli, che continuano a versare tributi in cambio del nulla, hanno bisogno di risposte, di attenzione e di tutele.

Melissa Mongiardo
Coordinatore circolo Pd Bagnaia

 


Condividi la notizia:
11 giugno, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR