Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montefiascone - Padre accusato di aver stuprato la figlia di cinque anni

Violenza sessuale su bimba, chiuso l’incidente probatorio

Condividi la notizia:

Giovanni Bartoletti

L'avvocato Giovanni Bartoletti

Presunti abusi sessuali su bimba di cinque anni, chiuso l’incidente probatorio.

Sono stati sentiti di nuovo in aula i periti nominati dal gip per ascoltare la bambina di cinque anni, presunta vittima di violenza da parte del padre, un imprenditore 40enne di Montefiascone.

Ieri mattina è stato dichiarato ufficialmente chiuso l’incidente probatorio, una sorta di anticipazione del dibattimento, che serve per acquisire una prova da presentare in un eventuale processo.

In questo caso, la prova è la testimonianza della bimba che però, per i periti, risulta inattendibile. Secondo gli psicologi nominati dal gip Franca Marinelli, la piccola sarebbe stata “suggestionata dal contesto familiare”. I legali della parte offesa hanno chiesto di poterla ascoltare nuovamente. Ma il gip ha rifiutato.

La difesa parla di “falsi abusi, emersi, non a caso, durante la separazione tra marito e moglie, in un clima molto teso. Violenze sessuali inesistenti – secondo l’avvocato Giovanni Bartoletti – che, però, hanno danneggiato la piccola come se fossero vere”.

L’indagine partì dalla segnalazione della madre ai servizi sociali. Subito dopo, intervenne la squadra mobile, sezione specializzata in reati contro i minori che, il 9 settembre 2011, fece scattare le manette ai polsi dell’imprenditore.

Per l’accusa, rappresentata dal pm Renzo Petroselli, l’uomo avrebbe abusato per mesi della figlioletta, costringendola a rapporti sessuali completi.

A questo punto, gli atti torneranno al pm, che dovrà decidere se archiviare, chiudere l’indagine o continuare a indagare.


Condividi la notizia:
2 ottobre, 2012

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR