--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sanità - Il sindacalista commenta la diminuzione pesante dei fondi alle strutture viterbesi Villa Immacolata, Nuova Santa Teresa e Salus

Malerba (Cisl Fp): “Inconcepibile un taglio del budget retroattivo”

Condividi la notizia:

Mario Malerba

Mario Malerba, Cisl funzione pubblica

Riceviamo e pubblichiamo – E’ inconcepibile a fine anno un taglio del budget concordato annualmente e quindi con valore retroattivo.

Con il decreto numero 349 (pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione Lazio numero 68 del 29 novembre 2012) il commissario ad acta Bondi interviene pesantemente su una serie di strutture regionali che operano nel settore ospedaliero per acuti (in provincia: Nuova Santa Teresa meno 160.391 euro e Salus meno 135.926 euro), nella riabilitazione ospedaliera post-acuzie (nella nostra provincia: Villa Immacolata meno 622.177 euro) e nella lungo degenza medica postacuzie con ulteriore taglio a Villa Immacolata per 104.770 euro.

La “tecnica” è sempre quella lineare, atteso che eventuali tagli sul budget concordato sono possibili (decreti commissariali numeri 88 e 94) nel caso in cui si riscontri inappropiatezza nelle prestazioni. Ma non mi sembra questo assolutamente il caso.

Riguardo a Villa Immacolata, non vanno dimenticati gli investimenti operati nel corso degli anni per rendere la struttura rispondente ai requisiti previsti dalle normative vigenti in materia di accreditamento.

Mario Malerba
Segretario generale Cisl funzione pubblica di Viterbo


Condividi la notizia:
10 dicembre, 2012

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR