--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Montalto di Castro - Disperato appello del titolare di un'impresa su Youtube. Per lavori al parco fotolvatico non pagati, ha licenziato 15 dipendenti e ora deve chiudere l'azienda

“Ecco perché un imprenditore si uccide”

Condividi la notizia:

Giorgio titolare della Tecnoenergie

Giulio titolare della Tecnoenergie

Giorgio mostra i suoi ex dipendenti

Giulio mostra i suoi ex dipendenti

Giorgio nel suo ufficio

Giulio nel suo ufficio

– Ha dovuto licenziare tutti i dipendenti, quindici e ora è costretto a chiudere le sua azienda.

Giulio, imprenditore di Montalto di Castro, ha perso tutte le sue speranze e l’ultima flebile possibilità di far sentire la propria voce l’ha affidata alla rete, postando un video su Youtube in cui spiega la drammatica situazione che si è trovato a vivere con la sua azienda, la Tecnoenergie srl, impegnata nella realizzazione del parco fotovoltaico.

Lavori per i quali non sarebbe mai stato retribuito, portandolo sull’orlo della chiusura. “Non veniamo pagati – dice Giulio nel video – e non capiamo perché le amministrazioni comunali non intervengono.

Sono due anni che avanziamo crediti, stiamo fallendo. La mia impresa era composta da quindici dipendenti, oggi sono rimasto da solo, ho dovuto licenziare tutti e sicuramente dovrò chiudere, perché non ce la faccio ad andare avanti. Ho presentato pure un esposto alla guardia di finanza”.

Secondo Giulio, le imprese che commissionano i lavori sono tutte estere e cambiano. Rendendo praticamente impossibile riuscire a ottenere i crediti vantati.

“Ci prendono in giro e ci hanno portato all’esasperazione – spiega ancora Giulio – potete capire perché un imprenditore si uccide. Si trova da solo e nessuno lo aiuta. Nessuno. Ci hanno messo in mezzo a una strada e nessuno controlla.

Questo video è la mia ultima speranza che qualcosa si possa risolvere”.


Condividi la notizia:
7 febbraio, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR