--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Politica - Il consigliere regionale del Pdl Daniele Sabatini replica alla candidata sindaco di Viterbo Venti Venti

“La Frontini scopre l’acqua calda… e senza arsenico”

Condividi la notizia:

Daniele Sabatini

Daniele Sabatini

Riceviamo e pubblichiamo – E’ il proprio il caso di dire che anche questa volta la candidata Frontini si è persa in un bicchier d’acqua!

Fa sorridere il modo con cui “Chiara contro tutti” affronti temi e problematiche così delicate come quelle legate alla salute dei cittadini e proponga le sue innovative soluzioni. E sì, perché in realtà stavolta non l’ha sparata grossa e non ha nemmeno detto una cosa banale.

La Frontini ha semplicemente fatto un simpatico copia/incolla, nemmeno troppo accurato, di una soluzione che il consiglio regionale ha già valutato e approvato un mese fa.

Lo scorso 26 aprile ho infatti presentato un ordine del giorno alla legge finanziaria per impegnare la Giunta del Lazio a concludere gli interventi di potabilizzazione dell’acqua entro il 30 giugno 2013 per le zone in cui i livelli di arsenico superano i 20 microgrammi litro e ad attivare, sempre entro il 30 giugno, le procedure amministrative della seconda fase, che interesserà le zone dove l’arsenico si attesta tra i 10 e i 20 µg/l.

Non solo, grazie alla mia proposta, il consiglio ha già impegnato la giunta ad attivare ulteriori importanti misure a favore degli esercenti coinvolti individuando con esattezza contabile missioni e programmi del nuovo bilancio regionale.

L’ordine del giorno arsenico affronta infatti la delicata situazione delle imprese e degli esercenti, artigiani e commercianti, con destinazione di produzione e somministrazione di alimenti e bevande, costretti (pena ingenti sanzioni) ad installare costosi dearsenificatori nei propri locali con pesanti ripercussioni economiche su realtà che già operano con difficoltà a causa della crisi.

E a testimonianza della bontà di quanto proposto il 29 aprile il consiglio della Pisana ha approvato, all’unanimità, l’ordine del giorno.

Le scorciatoie in campagna elettorale sono facilmente smascherabili e denotano scarse idee. Sicuramente non è la furbizia quello che la città e i viterbesi ricercano in un buon amministratore.

Daniele Sabatini
Consigliere regionale Pdl


Condividi la notizia:
21 maggio, 2013

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR