--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Comune - Prime gatte da pelare per Leonardo Michelini - Dopo il rifiuto di Serra, il sindaco alle prese con la nomina di Giacomo Barelli

“Sarà comunque una giunta a otto”

di Paola Pierdomenico

Condividi la notizia:

Il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini

Il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini 

Francesco Serra

Francesco Serra

Giacomo Barelli

Giacomo Barelli

– “Sarà comunque una giunta a otto”.

Leonardo Michelini ha ufficializzato la nuova giunta di palazzo dei Priori solo ieri e già non mancano per il sindaco le prime gatte da pelare. Francesco Serra, nominato assessore allo Sviluppo economico, continua a ribadire il suo secco no alla carica. Il sindaco però sembra fare orecchie da mercante e continua dritto per la sua strada (video * fotocronaca).

“Gli parlerò – afferma Michelini -. Cercherò di convincerlo e poi vedremo”.

Come proverà a convincerlo?
“Lo chiamerò e insieme cercheremo di capire quali sono i problemi e se si possono superare”.

E se non dovesse convincersi?
“La giunta è a otto, quindi si sostituisce”.

Ha già in mente un’alternativa?
“No, valuterò in base al consenso elettorale, ma adesso sinceramente non ci ho ancora pensato”.

Potrebbe ritornare quindi l’ipotesi di un assessorato esterno come Sandro Mancinelli, area Renzi.
“Non ci saranno assessori esterni – precisa -. La nomina degli assessori è una prerogativa del sindaco”.

Giacomo Barelli (Viva Viterbo), nominato assessore alla Cultura, non è esterno?
“Non fa parte della mia coalizione. C’è stato un accordo e l’ho seguito sulla base di un impegno preso. Tutto qui”.

Durante la presentazione della giunta di ieri ha dichiarato di “non sopportare conflitti di interessi”. Barelli è stato nel direttivo di Caffeina che è una tra le manifestazioni culturali più importanti promosse in città. C’è conflitto per lei?
“La cosa è semplice, se c’è un conflitto di interessi si risolve in due modi: o ci si dimette da una parte o dall’altra”, taglia corto.

Paola Pierdomenico

 


Condividi la notizia:
15 giugno, 2013

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR