Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Lo chiedono Luigi Maria Buzzi e Gianluca Grancini (Fratelli d'Italia)

“Un consiglio comunale ad hoc per le Esattorie”

Condividi la notizia:

Luigi Maria Buzzi

Luigi Maria Buzzi

Gianluca Grancini

Gianluca Grancini

Riceviamo e pubblichiamo – Il gruppo di Fratelli d’Italia si è reso fin da subito protagonista nella prima seduta di oggi del consiglio comunale.

Il primo intervento ha riguardato l’elezione del presidente del consiglio che secondo Fratelli d’Italia non sarebbe dovuta ricadere su Filippo Rossi, perché un ruolo di questo tipo dovrebbe necessariamente rappresentare l’istituzione e non essere frutto di logiche partitiche e di apparentamenti elettorali.

Fratelli d’Italia ha poi chiesto che la vicepresidenza fosse concessa alla minoranza.

Dopo gli auguri di buon lavoro al sindaco e alla nuova giunta è stata rimarcata l’intenzione di Fratelli d’Italia di rappresentare in seno al consiglio comunale un ruolo di corretta e puntuale opposizione che dia voce al centrodestra, vigilando l’operato dell’intera maggioranza.

Fratelli d’Italia presenterà presto due punti all’ordine del giorno: uno sul progetto “Milleocchi” per la sicurezza e uno per il piano regolatore sociale.

Due proposte che sottolineano ancora una volta l’attenzione di Fratelli d’Italia ai problemi relativi alla sicurezza in città di cui c’è assoluto e urgente bisogno e a quelli che riguardano il sociale in particolare in un momento così delicato come quello che tutta l’Italia sta affrontando.

Ricordiamo che in consiglio comunale erano presenti anche i 38 dipendenti di Esattorie che rischiano con sempre maggiore concretezza il licenziamento. Ci auspichiamo che presto venga indetto un consiglio comunale ad hoc per definire il prima possibile questa situazione e salvare i 38 posti di lavoro.

Fratelli d’Italia, infine, ha chiesto di continuare il percorso già iniziato durante la precedente consiliatura in merito alla cultura ovvero l’istituzione di un tavolo al quale partecipino tutte le associazioni del territorio. Solo così, facendo rete e unendo le forze, Viterbo può diventare, come merita, una città fulcro di turismo, grandi eventi e cultura.

Luigi Maria Buzzi
Gianluca Grancini
Consiglieri comunali Fratelli d’Italia


Condividi la notizia:
26 giugno, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR