--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Archeologia - All'interno vasellame, gioielli e i resti di un principe morto circa 2700 anni fa

Tarquinia, scoperta tomba etrusca inviolata

Condividi la notizia:

La tomba scoperta a Tarquinia

La tomba scoperta a Tarquinia

Un vaso ritrovato nella tomba

Un vaso ritrovato nella tomba

La tomba scoperta a Tarquinia

La tomba scoperta a Tarquinia

Il vasellame nella tomba

Il vasellame nella tomba

Il vasellame nella tomba

Il vasellame nella tomba

I resti del principe etrusco

I resti del principe etrusco

– Tarquinia, scoperta tomba inviolata.

Gli archeologi dell’Università di Torino e della Sovrintendenza per i Beni archeologici dell’Etruria meridionale hanno riportato alla luce un ipogeo del VII secolo avanti Cristo che era inviolato, rimuovendo una pietra che da circa 2700 anni sigillava il sepolcro.

All’interno ancora lo scheletro del principe etrusco adagiato sulla tomba di pietra e accanto armi, vasellami, un aryballos, un unguentario.

E, nascosti in vasi votivi, gioielli e sigilli di quel nobile scomparso chissà come e chissà quando all’epoca di Tarquinio Prisco. La scoperta è avvenuta nella necropoli della Doganaccia a Tarquinia.

Insieme ai vasi finemente decorati, gli archeologi hanno già individuato una lancia e un giavellotto. I lavori di scavo, che sono stati finanziati da imprenditori privati, dovrebbero proseguire per diverso tempo.

L’équipe di Alessandro Mandolesi, professore di Etruscologia e antichità italiche all’università di Torino, da anni lavora al sito della Doganaccia. La tomba del principe è quindi l’ultima scoperta.

Un paio di anni fa gli studiosi hanno trovato frammenti della Sfinge, una statua di due metri collocata sul punto più alto del tumulo.

E in un’altra tomba sarebbe affiorato un piccolo cortile (appena sei metri per quattro) scavato per tre metri nel calcare con le tre camere sepolcrali che si aprono sui tre lati chiusi e con le pareti affrescate grazie a una tecnica mai vista prima in Etruria e in tutta Italia.

 


Condividi la notizia:
21 settembre, 2013

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR