--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Nuovo Centrodestra contro Meroi - Il gruppo pronto a chiedere pure un rimpasto in giunta

Provincia, è scontro sul segretario generale

Condividi la notizia:

Il presidente della Provincia Marcello Meroi

Il presidente della Provincia Marcello Meroi 

Viterbo – E’ di nuovo maretta in provincia.

Stavolta nella maggioranza si discute e a quanto sembra pure animatamente, sul nuovo segretario generale, carica vacante dall’estate.

Sembrerebbe che nella maggioranza, Serra (Nuovo Centrodestra) e altri consiglieri sarebbero propensi a nominare Franco Colonnelli, di Acquapendente, che già segue diverse amministrazioni nella Tuscia come Bagnoregio, o Grotte di Castro in qualità di segretario comunale.

Sul suo nome, per ovvie ragioni, concordano anche l’assessore Piero Camilli (Fratelli d’Italia) e il presidente del consiglio Francesco Bigiotti (Udc), essendo sindaci dei due comuni dove Colonnelli ricopre il ruolo di segretario.

Tuttavia, chiamarlo a palazzo Gentili significherebbe declassare l’ente, in quanto Colonnelli appartiene a una fascia diversa rispetto a quella cui appartiene via Saffi e da qui nascerebbe la contrarietà del presidente Marcello Meroi.

Il Nuovo Centrodestra sarebbe già sul piede di guerra, pronto a chiedere un rimpasto in giunta, tanto per gradire, trovando la netta contrarietà in Fratelli d’Italia.

Un clima decisamente non dei più rilassati, dove come se non bastasse, si rincorrono pure le voci su una possibile scissione del neonato Nuovo centrodestra, con almeno tre consiglieri pronti a formare il gruppo di Forza Italia a palazzo Gentili.


Condividi la notizia:
18 dicembre, 2013

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR